logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2020/2021
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 056156 - WORKSHOP DI TESI
Docente Galliani Pierfranco , Kousidi Stamatina
Cfu 8.00 Tipo insegnamento Laboratorio
Didattica innovativa L'insegnamento prevede  1.0  CFU erogati con Didattica Innovativa come segue:
  • Soft Skills

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1195) ARCHITETTURA - AMBIENTE COSTRUITO - INTERNI - ARCHITECTURE - BUILT ENVIRONMENT - INTERIORS***AZZZZ056156 - WORKSHOP DI TESI

Obiettivi dell'insegnamento


In questo insegnamento lo studente approfondisce tematiche caratterizzanti, e coerenti con i contenuti del corso di studi, attraverso esperienze transdisciplinari volte a far maturare conoscenza e comprensione sulle modalità di efficace valorizzazione del patrimonio edilizio, del paesaggio e dell'ambiente, intesi come risorse, con attenzione specifica alle problematiche della modificazione e rigenerazione dell’ambiente costruito e di tessuti urbani e insediativi consolidati.

In this Studio, the student explores into the topics that characterize and are coherent with the contents of the study course through transdisciplinary experiences. This experience aims at developing knowledge and understanding on how to effectively enhance the building heritage, the landscape and the environment as resources, with specific attention to the problems of the modification and regeneration of the built environment and of consolidated urban and settlement systems.

 


Risultati di apprendimento attesi

 

Secondo i Descrittori di Dublino (DdD), il superamento dell’esame attesta l’acquisizione dei seguenti risultati.
DdD 2 capacità di applicare conoscenza e comprensione:
- capacità di applicare tecniche adeguate a trasformare, operando a diverse scale, lo spazio abitato nelle sue molteplici configurazioni: morfologiche e tipologiche, ecologiche e ambientali, economiche e sociali, antropologiche e culturali.
DdD 3 (autonomia di giudizio), 4 (abilità comunicative) e 5 (capacità di apprendimento):
- capacità di operare e comunicare in autonomia le scelte progettuali effettuate (DdD 3, 4 e 5).

According to the Dublin Descriptors (DdD), passing the exam certifies the acquisition of the following results:
DdD 2 ability to apply knowledge and understanding
- ability to apply appropriate techniques to transform, operating at different scales, the inhabited space in its multiple configurations: morphological and typological, ecological and environmental, economic and social, anthropological and cultural.
DdD 3 (autonomy of judgment), 4 (communication skills) and 5 (learning ability)
- ability to operate and communicate independently the design choices made (DdD 3, 4 and 5).


Argomenti trattati

Ri-abitare il Novecento: teorie, critica, progetto per il riuso

 

Pierfranco Galliani (composizione architettonica e urbana - ICAR 14)

Stamatina Kousidi (composizione architettonica e urbana - ICAR 14)

 

Programma dettagliato e risultati di apprendimento previsti

Il Workshop di Tesi si pone come esperienza di sintesi problematica e operativa all’interno del dibattito sulla relazione fra progetto e preesistenza, la cui incessante e colta sperimentazione ha consentito il passaggio dalla modernità del Novecento alla contemporaneità attuale.

Il progetto incentrato sul recupero funzionale, spaziale ed espressivo di architetture e tessuti urbani del Novecento evidenzia, in particolare, un ambito di notevole problematicità che negli ultimi decenni è diventato tema centrale del dibattito architettonico.

Nei confronti del cosiddetto “Moderno”, il progetto comporta l’assunzione di una forte responsabilità sia nella selezione ponderata dei casi architettonici significativi da confermare sia nelle procedure analitiche e progettuali da adottare “caso per caso” in considerazione dello sperimentalismo ideativo e costruttivo che spesso ha connotano il Novecento. In tale senso le opere architettoniche da recuperare devono essere sottoposte a un processo di storicizzazione che consideri una loro realistica possibilità d’uso ancora vantaggiosa e quindi la loro immissione in una strategia di complessiva riqualificazione rivolta al futuro.

Attraverso approfondimenti teorici mirati e la sperimentazione progettuale, il Workshop intende delineare i margini metodologici della “continuità critica” che l’intervento di recupero può esprimere nei confronti dell’esistente fra tutela dell’identità originaria, rinnovamento delle sue valenze e aggiornamento alle attuali esigenze prestazionali, proponendo la ricerca di un equilibrio tra conservazione e modificazione per il riuso, l’adeguamento funzionale e tecnologico, la valorizzazione delle caratteristiche materiche e figurative dello spazio architettonico.

 

Docenti afferenti

Paola Caputo (Fisica tecnica ambientale)

Dario Coronelli (Tecnica delle costruzioni)

Ferdinando Zanzottera (Storia dell'architettura)

Christian Gasparini (Architettura degli interni)

Mario Scaglia (Progettazione architettonica)

 

 

 


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione
 

Bibliografia

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
29:00
31:25
Esercitazione
19:00
20:35
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
48:00
52:00
Totale 96:00 104:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua / Italiano / Inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
18/01/2021