logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2020/2021
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 056030 - LABORATORIO TEMATICO
Docente Merlini Chiara , Muro Soler Carles
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1195) ARCHITETTURA - AMBIENTE COSTRUITO - INTERNI - ARCHITECTURE - BUILT ENVIRONMENT - INTERIORSAC2AZZZZD056030 - LABORATORIO TEMATICO
ACIAZZZZD056030 - LABORATORIO TEMATICO

Obiettivi dell'insegnamento
 

Risultati di apprendimento attesi
 

Argomenti trattati

SOGLIE II · Chiara Merlini, Carles Muro

(è possibile vedere la presentazione: https://web.microsoftstream.com/video/7e02d39c-a775-4bec-a700-c6709635d650)

Il tema. Il Laboratorio intende abitare il limite tra architettura e città, esplorando come l’architettura sia condizionata dalla struttura urbana nella quale si inserisce e come, allo stesso tempo, l’architettura contribuisca a configurare lo spazio pubblico della città.

In particolare, il Laboratorio esplorerà il potenziale latente della soglia nell’architettura contemporanea, riflettendo sui diversi modi di varcare il limite tra interno ed esterno, tra pubblico e privato, e viceversa: porte, finestre, porticati, colonnati, pensiline, scale, dislivelli, passaggi, recinzioni, androni, atrii, tende, frangisole... questi saranno i primi protagonisti del lavoro di lettura e di progetto.

Osservando lo spazio secondo due diverse sequenze in costante dialogo - dall’interno dell’edificio verso l’esterno, e dall’esterno verso l’interno – il Laboratorio cercherà di proporre vie per ricucire, attraverso nuovi strumenti, la drammatica frattura tra progetto edilizio e progetto urbanistico che negli ultimi decenni ha accompagnato tanti degli interventi nelle città europee. In questo senso sarà importante riflettere anche sui prolungamenti dello spazio abitabile verso lo spazio collettivo, e sul progetto di suolo degli ambiti di prossimità.

L’ambito nel quale svilupperemo le nostre riflessioni sarà la città di Milano e, in modo più specifico, alcune architetture e quartieri progettati e costruiti tra gli anni Cinquanta e Settanta del secolo scorso. Inizialmente cercheremo di costruire un “atlante di soglie milanesi”. A partire da queste soglie edilizie e urbane, che permettono di dilatare e abitare questo momento di transizione, ridisegneremo e trasformeremo alcuni progetti di architetti come Asnago e Vender, Ignazio Gardella, BBPR o Luigi Caccia Dominioni e, attraverso una serie di innesti e trapianti, proporremo nuove architetture e nuovi spazi urbani per Milano.

 

L’approccio. Il processo progettuale non è una sequenza lineare e progressiva, come se si trattasse di una matrioska, bensì un dialogo continuo tra le diverse scale.

Durante il Laboratorio ci muoveremo dunque di continuo tra le scale. Così, potremo lavorare simultaneamente a scala 1:5.000 e 1:5 e, a partire da lì, andare avanti e indietro in funzione delle questioni che ciascun progetto pone.

Inizialmente ci focalizzeremo sul disegno della planimetria, intesa come uno strumento di progetto fondamentale, che permette di instaurare un primo dialogo con il luogo e con la storia. Parallelamente, avvieremo uno studio di tutti quegli elementi di transizione tra interno ed esterno, quali porte e finestre.

Dopo una serie di brevi esercitazioni iniziali, il Laboratorio prevede l'elaborazione di un progetto di trasformazione di un'area della città di Milano in cui architettura e città si dovrebbero intrecciare ristabilendo reciproche relazioni.

L'area d'intervento verrà assegnata all'inizio dell'anno accademico. Il corso si svilupperà principalmente attraverso revisioni settimanali del lavoro degli studenti. Sono previste, inoltre, una serie di conferenze mirate ad introdurre questioni metodologiche ed ampliare il campo di riflessione a partire dal progetto.

 

Bibliografia

Aldo Aymonino, Valerio Paolo Mosco, Spazi pubblici contemporanei. Architettura a volume zero, Skira, Milano, 2006.

Serge Chermayeff, Christopher Alexander, Spazio di relazione e spazio privato: verso una nuova architettura umanistica, Mondadori, Milano, 1968 [Community and Privacy: Toward a New Architecture of Humanism, Doubleday, New York, 1963].

Rem Koolhaas, Elements of Architecture, Marsilio, Padova, 2014 [door, window, balcony].

Georges Perec, Specie di spazi, Bollati Boringhieri, Torino, 1989 [Espèces d'espaces, Galilée, Parigi, 1974].

Orsina Simona Pierini, Alessandro Isastia, Case Milanesi. 1923–1973, Hoepli, Milano, 2017.

Tsukamoto, Yoshiharu, Windowscape. Window behaviorology, Tokyo Institute of Technology, Tokyo, 2012.

Paola Viganò, La città elementare, Skira, Milano 1999.

 


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

La frequenza del laboratorio è obbligatoria, secondo le modalità fissate dal regolamento didattico. Gli elaborati progettuali verranno discussi ogni settimana e verrà data una valutazione in occasione di momenti di verifica intermedia (seminari intermedi) che sarà considerata nella valutazione finale. All’esame gli studenti presenteranno traccia di tutti gli elaborati formulati in relazione alle ipotesi teoriche avanzate dall’inizio del lavoro. L’esame consisterà nella presentazione e nella discussione degli elaborati richiesti.

L’esame consiste in una prova orale di esposizione degli elaborati progettuali, unitamente a domande sui contenuti del ciclo di lezioni e sulla bibliografia indicata. La valutazione verrà effettuata tenendo conto della qualità del progetto elaborato e della capacità dello studente di presentarlo con riferimento agli argomenti ed ai temi trattati nel laboratorio. 

Il voto finale di esame sarà determinato dall’esito dell’esame e dalla valutazione complessiva dell’operato dello studente nel laboratorio. La votazione conseguita nelle prove intermedie costituirà contributo integrativo alla valutazione finale.


Bibliografia

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
03/12/2020