logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2020/2021
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 055537 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1
Docente Biagi Marco Enzo , Papi Daniele Giovanni
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAMONTINAROPAPAA055537 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio si caratterizza in termini di sperimentazione degli strumenti e delle tecniche del progetto di architettura maturate nei corsi.
Il Laboratorio di progettazione architettonica 1 ha, infatti, l’obiettivo di introdurre gradualmente lo studente alla complessità del progetto mettendone a fuoco i fondamenti e le conoscenze teoriche, analitiche e strumentali, necessarie. Nel laboratorio lo studente si applica a esercizi compositivi e progettuali di base attraverso lo strumento della sua rappresentazione e della sua realizzazione attraverso la costruzione di modelli nelle scale necessarie.
Nel corso dell’anno vengono svolti differenti esercizi riguardanti inizialmente la lettura, l’interpretazione e la rappresentazione di architetture significative e, successivamente, lo sviluppo del progetto vero e proprio applicato a temi con contenuti funzionali semplici attraverso cui sia possibile affrontare anche la questione delle relazioni che il progetto necessariamente instaura con il luogo, la questione della destinazione d’uso e i temi della costruzione e della scelta dei materiali


Risultati di apprendimento attesi

Il laboratorio garantisce allo studente l’acquisizione di capacità teoriche, analitiche e progettuali di base applicate a esercizi propedeutici e a un progetto conclusivo. La frequenza alle lezioni e lo studio della bibliografia rappresenta momento essenziale per il conseguimento di una capacità di giudizio e controllo della composizione.
I risultati attesi sono: conoscenza e comprensione degli strumenti di lettura e interpretazione dell’architettura attraverso lo studio, il ridisegno interpretativo e la costruzione di modelli; conoscenza e comprensione del ridisegno come strumento di conoscenza; conoscenza e comprensione delle regole della composizione architettonica; conoscenza e comprensione degli elementi che caratterizzano il rapporto dell’architettura con il luogo e lo spazio.


Argomenti trattati

Marco Biagi Composizione architettonica e urbana
Daniele Papi Tecniche della rappresentazione
Collaboratori architetti: Davide Guido, Alberto Soci

Il Laboratorio di Progettazione architettonica 1 si avvale del contributo di una disciplina caratterizzante, Composizione architettonica e urbana (M. Biagi) e di una di base, Tecniche della Rappresentazione (D. Papi), coordinate fra loro e applicate a un tema comune.

Il laboratorio intende perseguire fin dal primo anno una formazione critica dello studente, capace di una visione complessiva della realtà, superando, per quanto possibile, i limiti di una conoscenza specialistica e frammentata. A tale scopo si ritiene utile proporre esperienze progettuali non intese come ex tempora o esercitazioni compositive e costruttive fondate su ipotesi di intervento genericamente precostituite, ma quali occasioni volte a penetrare conoscitivamente la realtà e a incidere operativamente su di essa per modificarla e riformarla in senso progressivo, accettando il rischio e la sfida di una sperimentazione non velleitaria.

A partire dai molteplici spunti dettati dall'attualità – la diffusa obsolescenza del patrimonio edilizio scolastico italiano, i recenti tentativi di svecchiamento delle metodologie di insegnamento e apprendimento, gli interrogativi sollevati e le sollecitazioni emerse dalla crisi sanitaria in corso ecc. – la riflessione progettuale intende applicarsi quest'anno al tema tipologico dell’edificio per l’istruzione nel quadro di uno specifico e già indagato contesto periferico dell’area urbana milanese.

Per le sue particolari prerogative, infatti, si ritiene che un tema come la scuola, di cui lo studente ha già potuto maturare un’esperienza diretta negli anni immediatamente precedenti e che costituisce il primo e decisivo luogo in cui la persona sperimenta il passaggio, anche in termini di semantica spaziale, dall’ambito domestico e protetto della vita familiare a quello pubblico della vita sociale, possa rappresentare un punto di partenza appropriato per avviare i nuovi iscritti alla comprensione dei molteplici aspetti di complessità che caratterizzano l’atto progettuale.

Particolare attenzione verrà riservata ai fatti di struttura e di conoscenza del contesto urbano di applicazione, all’analisi degli assetti territoriali e al progetto di attività.

L'anno si organizzerà in un primo semestre dedicato all'acquisizione di strumenti teorico-conoscitivi e tecnico-operativi propedeutici alle attività di progettazione e rappresentazione dell'architettura che si concentreranno, in particolare, nel secondo semestre. 

L'attività progettuale sarà sviluppata individualmente o a coppie di studenti che condivideranno la responsabilità del lavoro elaborato e sarà condotta attraverso revisioni individuali settimanali e stati di avanzamento collettivi con cadenza mensile.

Il progetto sarà approfondito dalla scala urbana (1:5000/1:2000) fino alla scala architettonica 1:200.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

L'esame consisterà nella discussione degli elaborati di progetto in tutti gli aspetti coinvolti nella loro elaborazione, nonché degli argomenti delle lezioni e degli altri materiali prodotti nel Laboratorio. 

 

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Biagi, Critica e progetto, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2018, ISBN: 9788891627001
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Biagi, 2+2=4? Insegnare il progetto d'architettura: bilancio di un'esperienza inaugurale / Architettura Civile, Editore: Araba Fenice, Anno edizione: 2013, ISSN: 2281-5996, Fascicolo: Congedo dalla tipologia? / n. 7/8
Risorsa bibliografica obbligatoriaGuido Canella, A proposito della Scuola di Milano, Editore: Hoepli, Anno edizione: 2010, ISBN: 9788820345211
Risorsa bibliografica obbligatoriaGuido Canella, Architetti italiani nel Novecento, Editore: Christian Marinotti Edizioni, Anno edizione: 2010, ISBN: 9788882731083
Risorsa bibliografica obbligatoriaAA.VV. (scritti e interventi di Ernesto N. Rogers), L'Utopia della realtà: un esperimento didattico sulla tipologia della scuola primaria, Editore: Leonardo da Vinci, Anno edizione: 1965
Risorsa bibliografica facoltativaEnrico Bordogna, La Scuola di Architettura Civile a Bovisa e il disegno della città, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2019, ISBN: 9788891632401
Risorsa bibliografica facoltativaGuido Canella, Antonio Acuto e al., La periferia storica nella costruzione metropolitana/Edilizia Popolare, Anno edizione: 1978, Fascicolo: Fascicolo doppio
Risorsa bibliografica facoltativaMarco Canesi, Città Lombardia. Per un nuovo modo di sviluppo, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2009, ISBN: 9788838743771

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
Bibliografie specifiche verranno fornite nel corso dell'anno.
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
20/10/2020