logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2020/2021
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 096341 - LABORATORIO DI URBANISTICA 1
Docente Ali' Alessandro , Infussi Francesco
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1093) URBANISTICA: CITTA' AMBIENTE PAESAGGIO***LZZZZA096341 - LABORATORIO DI URBANISTICA 1

Obiettivi dell'insegnamento

Il Laboratorio accompagna lo studente del primo anno alla conoscenza dei fondamenti della progettazione urbanistica attraverso una esercitazione e una serie di lezioni teoriche proiettate alla costruzione del Piano generale di una città.

Il Piano è uno dei prodotti dell’urbanistica, esso richiede la sintesi di saperi tecnici e di attività differenti: descrivere e interpretare, progettare luoghi specifici e produrre immagini e strategie generali, definire discipline attuative, coerenti con quadri normativi dati, in grado di regolare progetti pubblici e privati relativi allo spazio costruito e allo spazio aperto.

La consapevolezza della necessaria contemporaneità di tutte queste attività durante la predisposizione di un Piano entro lo spazio esteso di un territorio comunale nella sua interezza, consente di avvicinare lo studente a temi e questioni centrali per l’urbanista, svelando sguardi e tecniche differenti che saranno affrontate e approfondite negli anni successivi del percorso universitario.

I principali obiettivi del Laboratorio sono:

1. Sviluppo di un esercizio di progetto consistente in una idea di Piano urbanistico per una città-capoluogo, scelta dalla docenza, attraverso operazioni di smontaggio e rimontaggio critico di uno strumento urbanistico generale approvato e vigente. L’esercizio prevede alcune principali attività:

- la lettura e la comprensione della forma di un documento di piano urbanistico;

- la definizione di contenuti analitico-interpretativi e la costruzione degli obiettivi;

- la costruzione del disegno di Piano che ne privilegia le scelte e la dimensione strategica;

- la messa a punto dell’apparato regolativo a supporto del progetto di un nodo urbano del Piano.

2. Illustrazione delle basi teoriche e delle principali tecniche di ricerca e progettazione dell'urbanistica svelandone le diverse interpretazioni che hanno proposto una pluralità di concettualizzazioni del suo posto nella società.

3. Approfondimento di temi e questioni centrali nel dibattito della disciplina urbanistica e nelle agende dei governi delle città.

 


Risultati di apprendimento attesi

L'attività di Laboratorio consentirà agli studenti di acquisire strumenti per orientarsi, fin dal primo anno di studi, nella costruzione di un Piano urbanistico generale in coerenza con il quadro normativo definito dalla legislazione nazionale e regionale vigente. Attraverso le attività laboratoriali lo studente potrà acquisire le seguenti capacità:

  • leggere un Piano a partire dal suo esteso e articolato apparato documentale;
  • fare sintesi dei fenomeni complessi propri di una città;
  • riconoscere spazi e temi trattabili nel progetto di Piano;
  • immaginare assetti futuri definibili attraverso il progetto di Piano quale strumento di modificazione dell’esistente;
  • prefigurare esiti spaziali connessi al progetto della disciplina urbanistica;
  • costruire un disegno urbanistico;
  • acquisire nozioni di tecnica urbanistica;
  • acquisire un linguaggio tecnicamente pertinente al progetto urbanistico;
  • ricercare e consultare banche dati per la descrizione di fenomeni urbani e territoriali;
  • costruire il racconto del proprio progetto;
  • accrescere la propria cultura del progetto urbanistico.

Argomenti trattati

Il campo di progetto proposto per il Laboratorio è quello di Milano. Il nuovo Piano di Governo del Territorio - Milano 2030 - entrato in vigore nel febbraio 2020, affronta temi oggi centrali nella disciplina del progetto urbanistico posti all’intersezione tra la scala globale/metropolitana e la scala di prossimità del quartiere.

Il documento - Milano 2020. Strategia di adattamento. Documento aperto al contributo della città – adottato dalla città all’indomani dell’insorgere della emergenza sanitaria da virus Sars – Covid 19, inoltre pone, anche all’urbanista, nuove immagini e percorsi di lavoro sugli spazi della città che superano la contingente eccezionalità dettata delle norme sanitarie e tracciano la direzione di una possibile trasformazione stabile e duratura per il prossimo futuro della/e città.

Pur nella complessità del caso studio prescelto, Milano rappresenta campo di studio estremamente fertile anche per lo studente del primo anno che potrà così “osservare” da vicino temi e relative possibilità di trattamento, anche innovative, praticabili all’interno di un Piano generale. L’esercizio progettuale proposto fornisce allo studente gli strumenti conoscitivi utili anche ad affrontare i corsi dei successivi anni che sceglieranno di individuare il proprio ambito di studio/progetto proprio nella città di Milano.

I principali temi di progetto trattati sono i seguenti: 

  • rapporto scala metropolitana / scala di quartiere
  • gestione delle risorse esistenti;
  • le forme di una possibile rigenerazione urbana diffusa;
  • adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano;
  • rapporto tra centri e periferie;
  • trasformazione dello spazio della città pubblica;
  • “città a 15 minuti”.

 


Prerequisiti

Nessuno


Modalità di valutazione

Modalità di svolgimento del laboratorio: sono previste revisioni settimanali sullo stato d'avanzamento delle attività intervallate da lezioni specifiche sul caso studio e lezioni teoriche sulla disciplina della progettazione urbanistica. Gli studenti dovranno sostenere prima dell’esame finale due prove in itinere che saranno oggetto di valutazione intermedia:

  • la prima prova in itinere consentirà agli studenti di verificare la conoscenza della documentazione di piano messa a disposizione all’inizio del Laboratorio;
  • la seconda prova in itinere avvicinerà gli studenti alla definizione di Linee guida per lo sviluppo di un nodo urbano ritenuto strategico per il proprio progetto di Piano.

L’esame finale consisterà nella costruzione di una idea di Piano attraverso modalità e contenuti indicati dalla docenza.

La complessità del lavoro previsto richiede che le attività laboratoriali vengano sviluppate dagli studenti organizzati in piccoli gruppi, costituiti al massimo da tre persone, composti all’inizio dell’anno.

Modalità di valutazione: durante l'esame, gli studenti saranno valutati a partire dall’esposizione del proprio progetto e dalla discussione con i docenti su strumenti e temi trattati. La valutazione finale sarà individuale e terrà conto dei seguenti aspetti:

1) solidità argomentativa delle scelte di progetto

2) coerenza tra obiettivi di Piano e progetto di Piano

3) pertinenza del linguaggio utilizzato con particolare riguardo a quello della tecnica urbanistica  

4) disegno e rappresentazione del progetto urbanistico

5) struttura del racconto scelto per comunicare il progetto di Piano

6) capacità di fare sintesi delle operazioni svolte.

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaComune di Milano, Milano 2030 - Documento di Piano / Rapporto Ambientale - Piano di Governo del territorio - , Editore: Comune di Milano, Anno edizione: 2018 http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/servizi/territorio/Pubblicazioni_Urbanistiche/pubblicazioni_in_corso/RevPGT_VASRapportoAmbientale
Risorsa bibliografica obbligatoriaSecchi B., Prima lezione di urbanistica, Editore: Laterza, Bari, Anno edizione: 2000
Risorsa bibliografica obbligatoriaBenevolo L., Le origini dell'urbanistica moderna, Editore: Laterza, Anno edizione: 1991
Risorsa bibliografica obbligatoriaGabriele Pasqui, Urbanistica oggi. Piccolo lessico critico, Editore: Saggine, n.291, Anno edizione: 2017
Risorsa bibliografica obbligatoriaFrancesco Infussi, "Argomentazione e responsabilità. Giuseppe Samonà e il Piano Urbanistico del Trentino", in Territorio, Anno edizione: 2019, Fascicolo: 89
Risorsa bibliografica obbligatoriaFrancesco Infussi, Laura Montedoro, Gabriele Pasqui, "Scali a Milano. Prove di innovazione?", in: ECO WEB TOWN, Anno edizione: 2019, Fascicolo: 20
Risorsa bibliografica obbligatoriaFrancesco Infussi, (a cura di) Dal recinto al territorio. Milano, esplorazioni nella città pubblica, Editore: Bruno Mondadori, Anno edizione: 2011
Risorsa bibliografica obbligatoriaFrancesco Infussi, "Progetti per decidere. Velocità scopi e forme", in: Urbanistica, Anno edizione: 2008, Fascicolo: 136
Risorsa bibliografica obbligatoriaFrancesco Infussi, "Fenomenologia del "progetto mite": per una pratica progettuale inclusiva delle diversità". In: Arturo Lanzani, Stefano Moroni (a cura di) Città e azione pubblica. Riformismo al plurale,, Editore: Carocci, Anno edizione: 2007
Risorsa bibliografica obbligatoriaFrancesco Infussi, "L'esplorazione di un'opportunità. Un Master Plan per l'orientamento di un processo", in: Territorio, Fascicolo: 40
Risorsa bibliografica obbligatoriaDonald Schön, Il professionista riflessivo. Per una nuova epistemologia della pratica professionale, Editore: Dedalo, Anno edizione: 1993
Risorsa bibliografica obbligatoriaPatrizia Gabellini, Tecniche urbanistiche, Editore: Carocci, Anno edizione: 2001

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
19/01/2021