logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 054616 - NEW INTERIORS 1
Docente Dedini Antonella Paola , Del Curto Barbara , Gerosa Giulia Maria , Reccanello Massimo
Cfu 15.00 Tipo insegnamento Laboratorio
Didattica innovativa L'insegnamento prevede  3.0  CFU erogati con Didattica Innovativa come segue:
  • Soft Skills

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1260) INTERIOR AND SPATIAL DESIGNIS1AZZZZA054616 - NEW INTERIORS 1
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1262) DIGITAL AND INTERACTION DESIGN***AZZZZ055171 - NEW INTERIORS (INT. OF...)
A055170 - NEW INTERIORS

Obiettivi dell'insegnamento

Il laboratorio si pone come obiettivo la progettazione di uno spazio complesso, stabile o temporaneo, interno o esterno, stimolando lo studente a:

  • capire il briefing
  • analizzare il contesto
  • elaborare una ricerca
  • saper impostare risposte di progetto

 


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:
- conosce e comprende i processi, metodi e strumenti per interpretare in modo critico le tematiche del progetto connesso all'ambito dello Spatial Design;
- sa analizzare il contesto di riferimento ed elaborare progetti complessi di rifunzionalizzazione di spazi;
- in autonomia e in gruppo opera e comunica le scelte progettuali effettuate, sviluppando attitudini alla negoziazione, al teambuilding, all'assunzione di leadership e alla gestione del conflitto


Argomenti trattati

Gli spazi pubblici urbani sono oggi innegabilmente inscindibili dai luoghi del commercio.

La nuova complessità del punto di vendita, può diventare, se letta all’interno di un quadro più complesso, un’opportunità per lo sviluppo organico della città.

La crisi della pianificazione e la crescita di un’imprenditorialità debole e diffusa sul Territorio hanno infatti portato ad un nuovo utilizzo della Città, coinvolgendo non solo le grandi aree dismesse, ma provocando un uso creativo e trasversale anche delle nuove architetture, secondo criteri sfuggenti che producono luoghi a basso livello di identità funzionale, reinterpretabili di volta in volta a seconda delle necessità dell’utente, investendo indiscriminatamente le differenti tipologie edilizie, ma in particolar modo quelle deputate ad un utilizzo legato ai servizi, al terziario ed al commercio.

Nella città contemporanea, inoltre, la qualità dei luoghi non è determinata solo dalla sua Architettura, ma da un tessuto urbano più diffuso, una sorta di Buzz Design, come viene definito da A. Branzi quello sciame di progetti piccoli e medi che concorrono a creare un nuovo livello espressivo e culturale dell’ambiente urbano. All’interno di tale quadro di micromutazioni i luoghi del commercio non devono oggi rispondere soltanto a necessità funzionali, ma devono saper combinare temi ambientali più complessi, che rispondano positivamente al contesto di riferimento, contribuendo attraverso la qualità ambientale dei propri spazi, che da meri contenitori di merci si trasformano in momenti di relazione, di socializzazione e di comunicazione. 

Tale approccio verrà applicato ad uno specifico Sistema Territoriale sportivo Lombardo qual'è l'autodromo Nazionale di Monza, realizzato nel 1922  per volontà dell’Automobile Club di Milano, sistema che ospita non solo il Gran Premio d'Italia di Formula 1, ma anche decine di altre manifestazioni di rinomanza mondiale, concerti ed esposizioni. La collocazione all’interno del Parco dà vita ad uno scenario unico al mondo, di grande rilievo anche dal punto di vista naturalistico. 

 

 

Il Laboratorio si articolerà attreverso tre principali fasi:

-analisi dell'ambito di intervento 

-analisi casi di studio ed elaborazione concept progettuale 

-sviluppo del progetto con particolare attenzione agli aspetti funzionali, formale e materici


Prerequisiti

Non sono richiesti pre-requisiti per la frequenza dell'insegnamento.


Modalità di valutazione

Durante il semestre sono previste verifiche degli stati di avanzamento dell'attività progettuale.

L'attività di laboratorio si chiude con la presentazione seminariale degli elaborati di progetto secondo le indicazioni che verranno fornite all'inizio del corso.

 

Students work will be marked after each phase;   grades will be given considering: quality and quantity of work presented,  quality of comunication and presentation, level of innovation of presented topics.

All these marks will contribute to the final grade of the studio, as well as the real active partecipation in all the didactic activities of the studio (lectures, presentations, visits, tutorials, etc)


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaGerosa, Giulia, Il progetto dell'identità di marca nel punto vendita, Editore: FrancoAngeli, Anno edizione: 2008
Risorsa bibliografica obbligatoriaIannilli, Valeria M., Visual merchandising.Il senso dello spazio allestito, Editore: Esculapio, Anno edizione: 2016
Risorsa bibliografica obbligatoriaIannilli, Valeria M., Visual retaling. Shaping the sense of space, Editore: Esculapio, Anno edizione: 2016
Risorsa bibliografica obbligatoriaPotter, Norman, What is a designer: things, places, messages

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
98:00
147:00
Esercitazione
20:00
30:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
10:00
15:00
Laboratorio Di Progetto
22:00
33:00
Totale 150:00 225:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
20/01/2020