logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale
Insegnamento 054096 - TECNICHE DI MONITORAGGIO DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO (WORKSHOP)
  • 054094 - GEOFISICA
Docente Zanzi Luigi
Cfu 5.00 Tipo insegnamento Modulo Di Corso Strutturato
Didattica innovativa L'insegnamento prevede  1.0  CFU erogati con Didattica Innovativa come segue:
  • Blended Learning & Flipped Classroom

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing - Civ (1 liv.)(ord. 270) - LC (306) INGEGNERIA CIVILE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIOCMGAZZZZ054096 - TECNICHE DI MONITORAGGIO DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO (WORKSHOP)
CMSAZZZZ054100 - TECNICHE DI MONITORAGGIO DELLE INFRASTRUTTURE (WORKSHOP)

Obiettivi dell'insegnamento

L’obiettivo del corso è dotare il futuro ingegnere civile per la mitigazione del rischio delle conoscenze necessarie per commissionare o progettare direttamente indagini non invasive o sistemi di monitoraggio con tecniche geofisiche. Il corso introduce i metodi geofisici più utilizzati per studiare o monitorare problemi di rischio idrogeologico (frane, pareti di roccia instabile, rischio esondazioni, sinkhole, etc.) o per effettuare indagini diagnostiche o monitoraggi di infrastrutture (strade, ferrovie, canali, argini naturali e artificiali, dighe, gallerie, etc.). Per ogni metodo affrontato, lo studente sarà introdotto ai principi di funzionamento, alla strumentazione (con cui lo studente potrà familiarizzare durante lezioni sperimentali ed esercitazioni in campo), al progetto delle acquisizioni, alla lettura e interpretazione dei dati, e infine attraverso la discussione di molti esempi alle applicazioni più importanti (sono anche previste visite guidate, coordinate con gli altri due moduli del corso integrato, a siti pilota dove sono installati dei sistemi di monitoraggio).


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:

  • Conosce i metodi di prospezione geofisica più indicati per indagini e monitoraggi di siti a rischio idrogeologico o di infrastrutture.
  • E’ in grado di scegliere il metodo o la combinazione di metodi più appropriati per risolvere un dato problema.
  • E’ in grado di progettare acquisizioni geofisiche o di valutare criticamente la corretta esecuzione di indagini geofisiche affidate a società di servizi.
  • Ha familiarità con la strumentazione geofisica e con le sue specifiche per cui può comprendere facilmente un manuale d’uso di uno strumento ed eseguire in prima persona indagini sul campo.
  • E’ in grado di leggere e interpretare dati geofisici.
  • E’ in grado di proporre e progettare sistemi di monitoraggio geofisico.

Argomenti trattati

Introduzione ai metodi di prospezione geofisica.

1) Metodi sismici. Proprieta’ elastiche delle rocce. Onde elastiche. Strumentazione sismica.  Stendimenti e procedure di acquisizione. Sismica a rifrazione. Sismica a riflessione. Esempi applicativi per le infrastrutture e per il rischio idrogeologico.

2) Metodi elettrici. Proprieta' elettriche delle rocce. Apparecchiature per la geoelettrica. Metodo dei potenziali spontanei. Misure di resistività. Esempi applicativi per le infrastrutture e per il rischio idrogeologico.

3) Ground Penetrating Radar (GPR). Onde elettromagnetiche. Velocità e assorbimento del segnale radar nei materiali. Strumentazione GPR. Procedure di acquisizione. Esempi applicativi per le infrastrutture e per il rischio idrogeologico.

4) Tecniche tomografiche. Procedure di acquisizione, tomografia sismica, tomografia sonica e ultrasonica, tomografia radar. Esempi applicativi.

5) Applicazioni sperimentali e visite guidate a siti pilota.

 

Modalità di insegnamento

Alcune ore di lezione saranno svolte in forma di laboratorio sperimentale utilizzando strumentazione professionale.

Verranno svolte esercitazioni per il progetto di prospezioni geofisiche e per la discussione di esempi applicativi. 

Alcune ore di laboratorio sperimentale saranno svolte in campo per l'esecuzione di misure geofisiche con strumentazioni professionali.

Sono previste una o più visite a siti pilota oggetto di monitoraggio per la discussione di casi reali.


Prerequisiti

Basi di analisi matematica, geometria e fisica.

 


Modalità di valutazione

L’esame consiste in una prova orale in cui il docente verifica con domande su due o tre metodologie o applicazioni diverse se lo studente ha raggiunto i risultati di apprendimento attesi.

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaL. Zanzi. Raccolta di slides dalle lezioni https://beep.metid.polimi.it
Risorsa bibliografica obbligatoriaL. Zanzi, Appunti di sismica di esplorazione https://beep.metid.polimi.it
Risorsa bibliografica obbligatoriaL. Zanzi, Notes on Ground Penetrating Radar https://beep.metid.polimi.it
Risorsa bibliografica obbligatoriaA. Hojat, Notes on Electrical Methods https://beep.metid.polimi.it
Risorsa bibliografica facoltativaJ.M. Reynolds, An Introduction to Applied and Environmental Geophysics, Editore: John Wiley & Sons.

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
28:00
42:00
Esercitazione
6:00
9:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
16:00
24:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 50:00 75:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
27/09/2020