logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale
Insegnamento 082355 - GEOLOGIA AMBIENTALE
Docente Gattinoni Paola
Cfu 8.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing - Civ (1 liv.)(ord. 270) - MI (346) INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO*AZZZZ082355 - GEOLOGIA AMBIENTALE

Obiettivi dell'insegnamento

L'obiettivo principale dell'insegnamento è quello di fornire al futuro ingegnere per l'ambiente e il territorio le conoscenze di base per la ricostruzione del modello geologico e idrogeologico del sottosuolo, presupposto indispensabile sia per la gestione delle risorse natuarli e la difesa del territorio, sia per la progettazione di opere ingegneristiche correttamente inserite nell'ambiente. L'insegnamento si pone anche l'obiettivo di sviluppare alcune competenze applicative, tramite attività di laboratorio e la risoluzione di probelmi geologici reali. Tali competenze teoriche e applicative sono fondamentali per la valutazione del rischio geologico e idrogeologico: infatti, da una lato, permettono al futuro ingegnere per l'ambiente e il territorio di identificare i vincoli geologici per la pianificazione e la gestione del territorio, nonchè di prevedere l'evoluzione dei fenomeni geologici che possono condizionare i processi ambientali e le scelte progettauli; dall'altro, lo aiutano a comprendere se e come la realizzazione di opere antropiche possa avere degli impatti sull'ambiente.


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:

- conosce il lessico specialistico e i fondamenti della geologia (nomencatura e proprietà delle rocce, loro distribuzione nello spazio e caratterizzazione) che servono per una corretta identificazione, valutazione e gestione dei rischi naturali che insistono sul territorio e che aiutano una progettazione ambientalmente sostenibile delle opere ingegneristiche;

- comprende i processi geologici (in particolare quelli che governano la dinamica dei versanti e il flusso delle acque sotterranee) che insistono sul territorio e sa riconoscere le forzanti che ne condizonano l'evoluzione, nell'ottica di una corretta identificazione e gestione del rischio;

- è in grado di applicare le conoscenze acquisite per la risoluzione di semplici problemi geologici (ad esempio, identificare le aree potenzialmente franose a partire da carte e sezioni geologiche) e idrogeologici (dove reperire risorse idriche sotterranee e come proteggerle).


Argomenti trattati

1. Geomateriali: origine, classificazione e caratteristiche tecniche di minerali, rocce e terreni sciolti che costituiscono la Litosfera; modalità esecutive e interpretazione dei risultati delle indagini geognostiche in sito (sondaggi meccanici a percussione e a rotazione) e di alcune semplici prove di laboratorio (analisi granulometriche e determinazione dei Limiti di Atterberg). L'insegnamento prevede attività di laboratorio sperimentale su tale argomento, con riconoscimento delle rocce presso il Laboratorio Petrografico e prove di caratterizzazione sulle terre presso il Laboratorio Stradale.

2. Lettura e interpretazione della carta geologica: dopo avre introdotto i principi fondmentali della tettonica e della stratigrafia, si procedere con la lettura della carta geologica e la sua interpretazione, sia tramite correlazioni stratigrafiche sia tramite la realizzazione di sezioni geologiche, allo scopo di ricostruire la geometria dei corpi geologici nel sottosuolo. Per tale argomento l'insegnamento prevede lo svolgimento di numerosi esercizi in aula, con identificazione dei geomateriali e del tipo di limite, interpretazione della giacitura delle rocce e delle strutture geologiche, applicazoine della regola dei limiti e dei principi della stratimetria.

3. Dinamica dei versanti: rilievi geo-strutturali e geologico-tecnici (con attività di laboratorio sperimentale sul terreno), riconoscimento morfologico e classificazione delle frane; indagini in aree franose; analisi cinematica tramite esercitazioni con diagrammi strutturali e Test di Markland; classificazioni geomeccaniche di Bieniawski, Barton e Romana, con applicazione progettuale ai dati rilevati sul terreno nell’ambito delle attività di laboratorio.

4. Idrogeologia: descrizione e caratterizzazione degli acquiferi, con relativi parametri idrogeologici; ricostruzione delle sezioni idrogeologiche e delle carte piezometriche; valutazione del flusso idrico sotterraneo, sia in condizioni naturali che in presenza di captazioni; studio idrogeologico per la ricerca idrica e la protezione dall’inquinamento delle acque sotterranee, con esempi applicativi a casi reali e anche attraverso attività di laboratorio informatico.


Prerequisiti

L'insegnamento non richiede alcun particolare prerequisito.


Modalità di valutazione

L'esame può essere superato attraverso due prove in itinere non obbligatorie oppure presentandosi a uno degli appelli d'esame.

In merito alla prima modalità, le due prove in itinere non obbligatorie riguarderanno due parti distinte del programma dell'insegnamento:

 - la prima prova in itinere è relativa ai primi due argomenti sviluppati nel corso (geomateriali e interpretazione della carta geologica) e comprende un esercizio sulle sezioni geologiche e tre o quattro domande aperte sui geomateriali e la loro caratterizzazione;

- la seconda prova in itinere è relativa agli ultimi due argomenti sviluppati nel corso (dinamica dei versanti e idrogeologia) e comprende due esercizi (uno sull'uso dei diagrammi strutturali e del Test di Markland per l'analisi cinematica della stabilità dei versanti e uno di idrogeologia) e quattro o cinque domande di teoria sugli argomenti sviluppati a lezione.

Alla seconda prova si può accedere solo se si è superata la prima. In caso di superamento anche della seconda prova, il voto finale risulterà dalla media aritmetica dei due parziali.

In caso di non superamento o non partecipazione alle prove in itinere, si accede direttamente agli appelli d'esame. L'esame finale è costituito da un compito scritto dato dalla somma delle due prove in itinere (i 3 esercizi sopra descritti e 7-8 domande aperte).

L'orale è facoltativo, solo per eventuali integrazioni, e su richiesta dello studente, previo superamento della prova scritta.

In sede d'esame, lo studente dovrà dimostrare di:

- avere acquisito il lessico specialistico,

- conoscere i geomateriali (nomenclatura e classificazione) e essere in grado di prevederne le principali proprietà e il comportamento tecnico,

- saper leggere e interpretare una carta geologica, nonchè i dati derivanti da prove di sottosuolo per la ricostruzione geometrica dei corpi geologici (anche in campo tridimensionale),

- essere in grado di analizzare le condizioni qualitative di un ammasso roccioso, sia tramite l'uso di diagrammi strutturali che attraverso le classificazioni geomeccaniche,

- dimostrare di comprendere i processi geologici che governano la dinamica dei versanti, riconoscendo le diverse tipologie di cinematimo coi relativi fattori predisponenti e scatenanti,

- sapere affrontare problemi idrogeologici per la ricerca idrica e la protezione dall’inquinamento delle acque sotterranee.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaScesi L., Papini M., Gattinoni P., Principi di Geologia Applicata, Editore: Casa Editrice Ambrosiana, Anno edizione: 2014, ISBN: 978-88-08-18642-3
Risorsa bibliografica facoltativaColombo L., La Licata I., Esercizi di Geologia Applicata, Editore: CUSL, Anno edizione: 2015
Risorsa bibliografica facoltativaFrancani V., Idrogeologia Ambientale, Editore: Casa Editrice Ambrosiana, Anno edizione: 2014, ISBN: 978-88-08-18647-8
Risorsa bibliografica facoltativaScesi L., Papini M., Gattinoni P., Longoni L., Geologia Tecnica, Editore: Casa Editrice Ambrosiana, Anno edizione: 2015, ISBN: 978-88-08-18646-1

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
40:00
60:00
Esercitazione
28:00
42:00
Laboratorio Informatico
4:00
6:00
Laboratorio Sperimentale
8:00
12:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 80:00 120:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
24/10/2020