logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione
Insegnamento 051108 - METODI DI RAPPRESENTAZIONE TECNICA
Docente Covarrubias Rodriguez Mario
Cfu 8.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing Ind - Inf (1 liv.)(ord. 270) - LC (367) INGEGNERIA DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE*AZZZZ081376 - METODI DI RAPPRESENTAZIONE TECNICA
051108 - METODI DI RAPPRESENTAZIONE TECNICA

Obiettivi dell'insegnamento

L’obiettivo del Corso è di fornire gli elementi di base dei linguaggi di comunicazione tecnica nel settore industriale per permettere allo studente di leggere, interpretare compiutamente e correttamente un disegno tecnico, e di produrlo sia secondo le pratiche usuali, cioè manualmente, che utilizzando le tecniche e gli strumenti informatici attualmente disponibili. A tal fine il corso prevede l’esecuzione manuale di tavole tecniche durante le esercitazioni e la realizzazione di prototipi virtuali con programmi commerciali nel laboratorio informatico. Nel corso delle lezioni vengono inoltre trattati gli aspetti di base della funzionalità e della morfologia degli elementi delle macchine.


Risultati di apprendimento attesi

Le lezioni e le esercitazioni in laboratorio consentiranno allo studente di:

- conoscere e comprendere

i documenti fondamentali per la rappresentazione tecnica di un prodotto e le normativa che li regola;

le norme ed i principi per la rappresentazione di particolari e assiemi di macchine industriali in proiezioni ortografiche, comprensiva dei sistemi di quotatura;

tipologie di imprecisioni di lavorazione e principi per la indicazione a disegno di prescrizioni dimensionali, geometriche e superficiali;

funzioni e modalità di rappresentazione standardizzata di organi delle macchine;

gli ambienti di modellazione di un sistema CAD (Computer-Aided Design) e le principali feature di modellazione;

applicare conoscenza e comprensione

all'interpretazione geometrica di un particolare meccanico rappresentato in proiezioni ortografiche;

alla lettura delle quote di un particolare meccanico ed al calcolo delle dimensioni non esplicitamente indicate;

alla rappresentazione a mano libera di un particolare meccanico mediante viste e tagli in proiezioni ortografiche;

alla indicazione a disegno delle dimensioni e della posizione di elementi geometrici;

alla interpretazione di tolleranze dimensionali ed al calcolo di accoppiamenti albero-mozzo;

alla interpretazione di indicazioni di finitura superficiale;

alla interpretazione di piccoli sotto-assiemi mediante riconoscimento degli organi di macchine fondamentali e dei dettagli costruttivi ad essi correlati;

alla rappresentazione di elementi delle macchine con particolare riferimento ai collegamenti;

alla modellazione solida di un particolare meccanico ed alla produzione di un disegno tecnico di dettaglio con quote.


Argomenti trattati
Il corso è articolato in lezioni, esercitazioni manuali e laboratorio informatico. Le lezioni trattano tutti gli argomenti del corso. Le esercitazioni affrontano gli aspetti essenziali della lettura, comprensione ed esecuzione manuale di un disegno tecnico; le finali sono dedicate alla rappresentazione di assiemi. Nel laboratorio informatico si forniscono le conoscenze e le competenze per l’utilizzo a livello elementare di strumenti per la modellazione geometrica tridimensionale.
 
1. Concetti introduttivi
La documentazione di prodotto. La rappresentazione grafica: principi, tipi, rapporti con il processo di progettazione. I fondamenti della modellazione geometrica per volumi e superfici. La normazione.
 
2. Metodi di rappresentazione grafica
Proiezioni ortografiche. Tagli e sezioni. Rappresentazione di elementi particolari.
Quotatura (elementi grafici, indicazioni alfanumeriche, sistemi di quotatura). Quotatura funzionale. Quotatura tecnologica.
 
3. Imprecisioni di lavorazione
Principi generali e classificazione. Imprecisioni superficiali: definizioni, correlazioni funzionali e tecnologiche, indicazione sui disegni.
Imprecisioni dimensionali: sistema ISO di tolleranze per parti singole ed assiemi, indicazioni sui disegni, correlazioni funzionali e tecnologiche.
Imprecisioni geometriche: definizioni, tipologie, condizione di massimo materiale, indicazioni sui disegni.
 
4: Aspetti funzionali e costruttivi degli organi di macchine
Classificazione dei collegamenti. Filettature: definizioni, tipologie, rappresentazione ed indicazione simbolica sui disegni. Organi filettati. Chiodature, saldature, incollaggi (cenni).
Collegamenti per la trasmissione (assi, alberi, mozzi, cuscinetti) e per la trasformazione del moto (rotismi, pulegge, catene, meccanismi).
Lettura ed esecuzione di semplici disegni d’assieme: layout, distinta delle parti, viste, sezioni, esplosi, quotatura. Regole per il corretto collegamento delle parti.

 


Prerequisiti

Per seguire proficuamente l'insegnamento è necessario che lo studente abbia una conoscenza elementare della rappresentazione di solidi geometrici mediante proiezioni ortogonali. E' inoltre necessario che sia autonomo nell'uso di un personal computer e nella gestione dei file, sia in locale, sia su piattaforma online.


Modalità di valutazione

Organizzazione del corso

Il corso è articolato in lezioni, esercitazioni manuali e laboratorio informatico. Le lezioni trattano tutti gli argomenti del corso. Le esercitazioni affrontano gli aspetti essenziali della lettura, comprensione ed esecuzione manuale di un disegno tecnico; le esercitazioni finali sono dedicate alla lettura di semplici assiemi.  Nel laboratorio informatico si forniscono le conoscenze e le competenze per l’utilizzo a livello elementare di strumenti per la modellazione geometrica tridimensionale.

 

Modalità di verifica

La verifica avviene attraverso un esame articolato in una prova grafica con questionario scritto ed in una prova CAD di modellazione e messa in tavola in laboratorio informatico. Gli appelli d’esame si svolgono nelle date stabilite dal calendario della Scuola.

Nello specifico, la prova grafica mira a verificare la conoscenza di

- normative e principi di rappresentazione tecnica;

- tipologie di imprecisioni di lavorazione;

- funzione degli elementi delle macchine;

e la capacità di applicare ale conoscenza per:

- leggere ed interpretare un disegno tecnico di un particolare meccanico comprensivo di quote ed indicazioni di tolleranze e rugosità;

- eseguire il disegno a mano libera di viste e tagli ulteriori a partire da una assegnata rappresentazione di un particolare in proiezioni ortografiche;

- determinare se un accoppiamento albero mozzo presenti gioco o interferenza e di calcolarne il valore;

- rappresentare collegamenti tra organi di macchine;

- riconoscere elementi delle macchine all'interno di piccoli assiemi e descriverne il montaggio e la funzione.

 

La prova CAD mira a verificare la conoscenza:

- degli ambienti di modellazione e messa in tavola di un sistema CAD;

- delle principali feature di modellazione;

e la capacità di applicare tale conoscenza per:

- realizzare un modello geometrico tridimensionale mediante un sistema CAD;

- realizzare il disegno tecnico di dettaglio di un particolare meccanico a partire dal modello CAD comprensiva di quote.

 

La verifica prevede il superamento di entrambe le prove all'interno dello stesso anno accademico. Il superamento di una sola delle due prove dà diritto allo svolgimento della sola prova mancante in uno degli appelli successivi. L'eventuale ripetizione di una prova nella quale si era già conseguita una valutazione sufficiente è ammessa, ma implica la rinuncia alla valutazione precedente a prescindere dal completamento della prova e dal relativo risultato.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaE. Chirone - S. Tornincasa, Disegno Tecnico Industriale - Volume 1, Editore: Il capitello, Anno edizione: 2014, ISBN: 978-88-426-7443-6
Risorsa bibliografica obbligatoriaE. Chirone - S. Tornincasa, Disegno Tecnico Industriale - Volume 2, Editore: Il capitello, Anno edizione: 2015, ISBN: 978-88-426-7444-3

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
20:00
30:00
Esercitazione
32:00
48:00
Laboratorio Informatico
28:00
42:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 80:00 120:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
20/09/2020