logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 052944 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DI ARTEFATTI E SISTEMI COMPLESSI
Docente Balzerano Gian Luca , Ricco' Dina
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio
Didattica innovativa L'insegnamento prevede  12.0  CFU erogati con Didattica Innovativa come segue:
  • Blended Learning & Flipped Classroom

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1162) DESIGN DELLA COMUNICAZIONEC_2AZZZZA052944 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DI ARTEFATTI E SISTEMI COMPLESSI

Obiettivi dell'insegnamento

Il laboratorio intende approfondire questioni riguardanti l'identificazione di aree specifiche di intervento progettuale, l’organizzazione dei contenuti e la relativa trasposizione su diversi supporti comunicativi in ambito analogico e digitale: saranno analizzate le potenzialità offerte e i vincoli imposti dalla tecnologia; saranno fornitigli strumenti metodologici e tecnici per affrontare in modo efficace l'analisi, la progettazione e la valutazione dei vari aspetti della progettazione di artefatti comunicativi complessi


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente
- conosce e comprende gli strumenti e i metodi per la progettazione di un sistema di artefatti comunicativi;
- sa applicare le conoscenze metodologiche e tecniche apprese nelle fasi di sviluppo del progetto;
- in autonomia e in gruppo sviluppa ed interpreta meccanismi percettivi e sistemi cromatici, condividendo e comunicando le scelte progettuali effettuate, sviluppando attitudini alla negoziazione, al teambuilding, all'assunzione di leadership e alla gestione del conflitto.


Argomenti trattati

Sinestesie Audio/Visive

 

L’insegnamento intende fornire gli strumenti, concettuali, critici e tecnici, per affrontare il progetto di artefatti e sistemi complessi audiovisuali e di motion graphic design.

Centrali sono il concetto di sinestesia e l’interazione suono/immagine in progetti audiovideo, considerando che “non si vede la stessa cosa quando si sente, non si sente la stessa cosa quando si vede” (Chion, 1997); ponendo attenzione al valore aggiunto - ovvero al valore espressivo e informativo - prodotto dal suono quando è unito all’immagine; e studiando i modi della traduzione audiovisiva al fine di rendere le informazioni accessibili – rispettose delle abilità di tutti gli utenti (design for all) – e fruibili in piattaforme e formati differenti.

Tali concetti sono studiati, esemplificati, e applicati dagli studenti a tre gruppi di progetti, considerando nello specifico: 

  1. la relazione e la traduzione verbo/figurale in configurazioni cinetiche (con progetti di tipografia cinetica); 
  2. la rappresentazione grafica cinetica coerente con un contenuto musicale (con progetti di visual music);
  3. le relazioni e le traduzioni sinestesiche fra suono/immagine in comunicazioni multipiattaforma (con progetti di audiovideo accessibili).

Gli ambiti di progetto propongono lo studio della trasposizione di contenuti fra supporti – nello specifico tra libro e audiovideo – e la verifica di comprensibilità, riconoscibilità, accessibilità, coerenza. Gli studenti sono invitati a perseguire una coerenza sinestesica fra i linguaggi (fotografici, grafici, tipografici, verbali, musicali, materici) coinvolti nel progetto, sperimentando soluzioni tecniche ed estetiche non convenzionali; ed inoltre chiamati a confrontarsi con il progetto di comunicazioni multipiattaforma, funzionali ai formati, alla segmentazione dei contenuti e alla continua trasformazione dei messaggi veicolati, studiando linguaggi espressivi specifici.

Nel laboratorio accanto a contributi teorici fondativi che affrontano le specificità e ripercorrono le tappe del progetto dell'immagine in movimento – dal cinema d’animazione delle origini, alle sperimentazioni cinetiche delle Avanguardie, ai primi title designers, fino ai più recenti esempi di motion graphic design – è dato rilievo ai fattori caratterizzanti il progetto di artefatti con uno sviluppo temporale, alla relazione fra i tempi dei cinetismi progettati e i tempi percepiti, ovvero confrontati con i limiti dei sensi, al ruolo della musica e degli effetti sonori, all’interazione sensoriale, all'esperienza e alle specificità sensoriali del fruitore.

Questo percorso, teorico e applicato, consente agli studenti di apprendere un metodo di osservazione – di audiovisione (Chion, 1997) – e di analisi di progetti di motion graphics, unito alle capacità tecniche necessarie alla loro configurazione, idoneo ad essere applicato ad ogni artefatto comunicativo basato sulla combinazione immagine/suono (motion titles, logo animation, explainer videos, book trailers, music videos, visual music, promo video, ecc.).

Accanto a lezioni frontali, extempore, attività (singole e di gruppo) di laboratorio progettuale, l’insegnamento prevede Blended learning coinvolgendo gli studenti nella lettura critica dei contenuti resi disponibili su piattaforme condivise. Gli studenti saranno inoltre protagonisti nello scambio bidirezionale dei contenuti (Flipped classroom) sia nella proposizione in aula, sia applicando le possibilità di confronto e d’interazione dei social media sull’avanzamento dei progetti.

 

 

 

Bibliografia

 

Testi obbligatori

1. Chion M., L'audiovisione. Suono e immagine nel cinema, Lindau, Torino, 1997.
2. Riccò D., Sentire il design. Sinestesie nel progetto di comunicazione, Carocci, Roma, 2008.
3. Riccò D., Cordoba M.J. (eds.), MuVi5. Video and moving image on synesthesia and visual music /MuVi5. Vídeo e imagen en movimiento sobre sinestesia y música visual, Ediciones Fundación Internacional Artecittà, Granada, 2018 [Book + Dvd, ISBN 978-84-943071-7-1; oppure eBook ISBN 978-84-943071-9-5, disponibile in http://play.google.com]

 

Altri testi di riferimento

- Antunes L.R., The Multisensory Film Experience. A cognitive Model of Experimental Film Aesthetics, Intellect Ltd, 2016.

- Auteliano A., Innocenti V., Re V. (a cura di), I cinque sensi del cinema, XI Convegno Internazionale di Studi sul cinema, Udine/Gorizia, 15-18 marzo 2004.  

- Baule G., Caratti E. (a cura di), Design e' traduzione, Franco Angeli, 2016 [Disponibile anche edizione eBook in inglese].

- Bellantoni J., Woolman M., Moving Type. Progettare per tempo e spazio, Progetto Editrice, Milano, 2001.

- Bertetto P. (a cura di), Cinema e sensazione, Mimesis, Milano, 2015.

- Betancourt M., The history of motion graphics, Wildside Press, United States, 2013

- Camilleri L., Il peso del suono. Forme d’uso del sonoro ai fini comunicativi, Apogeo, Milano, 2005 [ebook 2014, ed. MIST]

- M. José De Córdoba, Dina Riccò (et al.), Synaesthesia: Theoretical, artistic and scientific foundations, International Foundation Artecittà Publishing, Granada, Spain, 2014 (anche eBook Edition, disponibile in http://play.google.com) (Edizione spagnola, 2012)

- Dusi N., Il cinema come traduzione. Da un medium all'altro: letteratura, cinema, pittura, UTET, Torino, 2006.

- Ghislotti S., Film Time. Le dimensioni temporali della visione, Bergamo University Press, Bergamo, 2012

- Krasner J., Motion Graphic Design. Applied history and aesthetics, Focal Press /Elsevier, USA / Oxford, 2008.

- Lund C. and H. (eds), Audio.Visual. On Visual Music and Related Media, Arnoldsche, Stuttgart, 2009.                                                                                                                     

- Murch W., In un batter d'occhi. Una prospettiva sul montaggio cinematografico nell'era digitale, Lindau, Torino, 2007.

- Perego E., Taylor C., Tradurre l'audiovisivo, Carocci, 2012.

- Solana G., Boneu A., Uncredited. Graphic Design & Opening Titles in Movies, Index Book, Barcelona, 2007.

- Youngblood G., Expanded cinema, Dutton, New York, 1970 [Edizione italiana: Clueb, 2013. Pdf ed. inglese disponibile sul web: http://www.vasulka.org/Kitchen/PDF_ExpandedCinema/book.pdf].                   

- Woolman M., Sonic Graphics. Seeing Sound, Thames & Hudson, London, 2000.

Ulteriori indicazioni bibliografiche specifiche saranno fornite durante il laboratorio.

 

Esempi di video realizzati negli A.A. precedenti sono disponibili in: http://www.sinestesie.it/ (canale YouTube)

 

 

 


                                                                                       


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

Le valutazioni saranno definite sulla base degli elaborati prodotti, della partecipazione a tutte le attività del laboratorio, della conoscenza dei contenuti trattati nelle lezioni e nella bibliografia. Durante il semestre sono previste prove in itinere ed extempore la cui media concorre a determinare la valutazione conclusiva in sede d’esame. In data d’esame ogni studente è tenuto a presentare e discutere tutti gli elaborati prodotti.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaMichel Chion, L'audiovisione. Suono e immagine nel cinema, Editore: Lindau, Anno edizione: 1997
Risorsa bibliografica obbligatoriaDina Riccò, Sentire il design. Sinestesie nel progetto di comunicazione, Editore: Carocci, Anno edizione: 2008, ISBN: 978-88-430-4698-0
Risorsa bibliografica obbligatoriaDina Riccò & M. Josè de Cordoba (eds.), MuVi5. Video and moving image on synesthesia and visual music, Editore: Ediciones Fundación Internacional Artecittà, Granada, Anno edizione: 2018
Note:

[Book + Dvd, ISBN 978-84-943071-7-1; oppure eBook ISBN 978-84-943071-9-5, disponibile in http://play.google.com]


Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
80:00
120:00
Esercitazione
20:00
30:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
6:00
9:00
Laboratorio Di Progetto
14:00
21:00
Totale 120:00 180:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
04/04/2020