logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 052033 - DESIGN PER L'ARREDO/ IL MODELLO ITALIANO E I SUOI SVILUPPI
Docente Pasca Raymondi Giovanni Maria
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1087) DESIGN DEGLI INTERNI***AZZZZ052033 - DESIGN PER L'ARREDO/ IL MODELLO ITALIANO E I SUOI SVILUPPI
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1088) DESIGN DELLA COMUNICAZIONE***AZZZZ052033 - DESIGN PER L'ARREDO/ IL MODELLO ITALIANO E I SUOI SVILUPPI
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1090) DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALE***AZZZZ052033 - DESIGN PER L'ARREDO/ IL MODELLO ITALIANO E I SUOI SVILUPPI

Obiettivi dell'insegnamento

L'insegnamento intende approfondire la conoscenza del "modello
italiano" del design per l'arredo (progettazione, produzione e distribuzione degli oggetti di arredo) e del suo processo di formazione. Intende però anche analizzare i profondi cambiamenti in corso a partire dagli anni '80, in gran parte dovuti alla globalizzazione e alle innovazioni tecnologiche, cambiamenti che vanno
delineando una nuova fase del "modello italiano".


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:
- conosce e comprende le specificità dell'ambito del design di arredo italiano;
- conosce i cambiamenti avvenuti nell'ultimo trentennio e ne comprende le motivazioni.


Argomenti trattati

Design per l’arredo

Il modello italiano e i suoi sviluppi dagli anni Cinquanta a oggi

A partire dal secondo dopoguerra, in Italia si è andato definendo un “modello italiano” del design per l’arredo (progettazione, produzione e distribuzione degli oggetti di arredo), modello che si è andato sviluppando attraverso una serie di “mediations”: la stampa, la critica di settore, la pubblicità, la capacità di progettare eventi in Italia e in altri paesi, il ruolo del Salone del Mobile di Milano. Il corso intende approfondire la conoscenza di questo modello e del suo processo di formazione. Intende però anche analizzare i profondi cambiamenti in corso a partire dagli anni ’80, in gran parte dovuti alla globalizzazione e alle innovazioni tecnologiche, cambiamenti che vanno delineando una nuova fase del “modello italiano”.

Nel corso degli ultimi decenni le aziende italiane hanno aperto rapporti di collaborazione con designer di tutto il mondo, diventando così punti di riferimento per il design internazionale. Molte aziende italiane design oriented, in gran parte a conduzione familiare, sono state acquisite da aziende o gruppi finanziari italiani o stranieri. Ciò modifica il precedente modello di relazioni tra imprenditori e designer (tipico del design italiano) e fa emergere, con nuova importanza, di figure come l’art director, il designer strategico, il progettista di corporate image (oltre ovviamente al designer di prodotto) e così via.

D’altro canto molte aziende italiane in passato operanti principalmente sul mercato medio stanno alzando il livello qualitativo dei prodotti e incrementando le esportazioni. Collaborando con designer, tendono a costituire una nuova fascia di aziende design oriented operanti anche in aree geografiche italiane meno tradizionalmente vocate alla produzione dell’arredamento. E la distribuzione si va modificando con le nuove tecnologie come l’e-commerce.

L’insieme di questi processi, pur noti nelle linee generali, non è ancora stato sufficientemente analizzato.

Il corso analizzerà e approfondirà la conoscenza del modello italiano nella sua storia e nel cambiamento in atto attraverso lezioni frontali e con dibattiti o tavole rotonde con designer o studiosi invitati per le specifiche competenze.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

L’esame consisterà in una prova intermedia a test, mirata a valutare l’apprendimento delle nozioni di base utili per poter affrontare l’analisi della fenomenologia in atto, e in un esame orale. L’esame orale mira a valutare l’acquisizione critica delle nozioni trasmesse. Verrà valutata la capacità di espressione e la capacità di sintesi.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaVittorio Gregotti, Il disegno del prodotto industriale, Editore: Electa, Anno edizione: 1982
Note:

le schede relative alla III parte 1946-1980 (solo quelle che verranno indicate nel corso)

Risorsa bibliografica obbligatoriaVanni Pasca, "Negli ultimi tre decenni" in Design - La sindrome dell'influenza, Editore: Triennale di Milano, Anno edizione: 2014
Note:

Il pdf sara' fornito dal docente

Risorsa bibliografica obbligatoriaVanni Pasca, Il design nel futuro in "XXI Secolo", Editore: Treccani www.treccani.it/enciclopedia/il-design-nel-futuro_%28XXI-Secolo%29/
Risorsa bibliografica obbligatoriaGrace Lees-Maffei, Kjetil Fallan, Made in Italy. Rethinking a Century of Italian Design, Editore: Bloomsbury Academic, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaVanni Pasca, "Over the last three decades" in Design La sindrome dell'influenza, Editore: Triennale di Milano, Anno edizione: 2014
Note:

The pdf will be provided by the teacher


Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
36:00
72:00
Esercitazione
14:00
28:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 50:00 100:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
13/08/2020