logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 097373 - LABORATORIO DI ELEMENTI VISIVI DEL PROGETTO
Docente Falzone Davide , Giunta Elena Enrica , Rotelli Silva
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1087) DESIGN DEGLI INTERNII3AZZZZA097373 - LABORATORIO DI ELEMENTI VISIVI DEL PROGETTO

Obiettivi dell'insegnamento

Il laboratorio introduce e sviluppa in modo approfondito l'uso dei linguaggi visivi e dei relativi strumenti e tecniche finalizzati alla rappresentazione del progetto, attraverso lo sviluppo e l'interpretazione dei meccanismi percettivi e dei sistemi cromatici.
Obiettivo di questo nucleo formativo disciplinare è quello di integrare le abilità di comunicazione del progetto con la capacità di tradurre sul piano visivo elementi di analisi e di sintesi progettuale.


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:
- conosce e comprende i linguaggi visivi del progetto;
- applica strumenti e tecniche finalizzati alla rappresentazione morfologica, materica e funzionale del progetto;
- in autonomia e in gruppo sviluppa ed interpreta meccanismi percettivi e sistemi cromatici, condividendo e comunicando le scelte progettuali effettuate, sviluppando attitudini alla negoziazione, al teambuilding, all'assunzione di leadership e alla gestione del conflitto.


Argomenti trattati

ALTERAZIONI

“La percezione è il processo psichico che sintetizza, in forme dotate di significato, gli innumerevoli dati sensoriali che giungono al cervello dall’ambiente che ci circonda.“
(L. Janiri)

Quando essa non avviene in modo regolare abbiamo una dispercezione.
La dispercezione si presenta sotto forma di distorsioni sensoriali: alterazioni della quantità, della qualità, della forma spaziale e dell’esperienza del tempo.

Per un designer è importante conoscere le cause di queste esperienze visive alterate, che possono essere esterne al soggetto percettore, ma anche organiche, psicologiche, culturali, sociali.

Gli studenti, suddivisi in gruppi di lavoro, saranno invitati a leggere e indagare una delle moltitudini di ottiche di dispercezione dello spazio esposte in classe, riconoscendo gli elementi caratterizzanti e studiando le dinamiche del processo percettivo alterato che concorrono alla fruizione di un interno.

Attraverso il processo ricorsivo del design-thinking, la dispercezione diventa quindi ottica di interni e stimolo progettuale.

La classe dovrà restituire i risultati delle indagini attraverso un sistema di artefatti libro tra loro coordinati.
In una prima fase di analisi, rileggeranno l’ottica di dispercezione e la tradurranno sotto forma di libro a 360 gradi, come supporto di indagine che simula ed evoca la visione alterata dello spazio.
In una seconda fase di sintesi, realizzeranno un librospazio, che identifica una soluzione di interpretazione/immaginazione dell’artefatto spazio progettuale, sperimentando un approccio critico individuale come momento conclusivo del percorso didattico.

A questo si aggiunge il progetto di una cartolina fotografica e di un diario di progetto come supporto di comunicazione dell’intero processo creativo.

La dispercezione dello spazio e il libro dialogano per diventare una piattaforma di sperimentazione progettuale, di narrazione visiva e tridimensionale, dove la materia e la luce si combinano per illustrare l’idea.

Saranno presentati e commentati esempi significativi (in ambito di design editoriale, progetti di design di interni, di arte e fotografia), una casistica di buone pratiche da cui attingere per sperimentare con formati, stili di rappresentazione e linguaggi, nonché sintassi comunicative.

Verranno proposti diversi fronti tecnici (rappresentazioni a mano libera, assemblaggi analogici e digitali, uso dei software, paper-cutting, uso plastico dei materiali e del colore, fotografia); avendo cura di stimolare ciascuno nella ricerca della propria cifra stilistica ed espressiva.

I contributi teorici si strutturano per fornire gli elementi fondamentali per la comprensione e la produzione di artefatti con intento comunicativo. I temi affrontati riguarderanno la grammatica visiva, le caratteristiche percettive ed estetiche degli artefatti (Gestalt, teoria del colore, etc.), le qualità espressive e di movimento dei corpi che abitano lo spazio.

Alle lezioni teoriche si affiancheranno una serie di brevi esercitazioni pratiche, condotte individualmente, sia su tecniche di lettura e interpretazione dell'immagine sia nell'elaborazione di specifici strumenti di lavoro (disegni evocativi, diagrammi, moodboard, colorboard, maquette, modelli, studio della luce etc.).
Parte integrante del corso sarà dedicata all'avvicinamento strumentale dei principali software di elaborazione dell'immagine digitale e impaginazione.


Prerequisiti

Non sono richiesti pre-requisiti per la frequenza dell'insegnamento.


Modalità di valutazione

Il percorso evolutivo di ciascuno studente sarà costituito dalla sommatoria, ponderata, di valutazioni individuali (mediante specifici esercizi proposti durante le fasi di acquisizione contenuti) e di gruppo (generalmente riferite agli stati di avanzamento progettuale, verificati in apposite prove in itinere). Il corso prevede una prova orale sulla bibliografia.

Il calendario dettagliato dei contenuti, con le date di esercizi e prove intermedie, sarà fornito a inizio corso.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaFalcinelli Riccardo, Guardare Pensare Progettare, Editore: Stampa Alternativa e Graffiti, Anno edizione: 2011
Risorsa bibliografica obbligatoriaAlbers Josef, Interazione del colore, Editore: Il Saggiatore, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica facoltativaThe London Centre for Book Arts, Making Books - A guide to creating hand-crafted books , Editore: Pavilion, Anno edizione: 2017 pavilionbooks.com

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
80:00
120:00
Esercitazione
20:00
30:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
6:00
9:00
Laboratorio Di Progetto
14:00
21:00
Totale 120:00 180:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
19/11/2019