logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 053308 - ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA
Docente Rossi Corinna
Cfu 4.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA***AZZZZ053308 - ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1017) ARCHITETTURA - ARCHITETTURA DELLE COSTRUZIONI***AZZZZ053308 - ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1195) ARCHITETTURA - AMBIENTE COSTRUITO - INTERNI - ARCHITECTURE - BUILT ENVIRONMENT - INTERIORS***AZZZZ053308 - ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1217) ARCHITETTURA E DISEGNO URBANO - ARCHITECTURE AND URBAN DESIGN***AZZZZ053308 - ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA

Obiettivi dell'insegnamento

Gli insegnamenti opzionali consentono allo studente di completare la propria formazione e di caratterizzare il proprio profilo formativo scegliendo secondo i propri interessi personali le tematiche di approfondimento tra un ampio ventaglio di alternative.


Risultati di apprendimento attesi

Secondo i Descrittori di Dublino (DdD), il superamento dell’esame attesta l'acquisizione dei seguenti risultati:

DdD 1 (conoscenza e comprensione), 3 (autonomia di giudizio), 4 (abilità comunicative) e 5 (capacità di apprendimento)

- capacità di acquisire, elaborare autonomamente e comunicare conoscenze non strettamente inerenti i temi caratterizzanti del Corso di laurea (DdD 1, 3, 4 e 5).


Argomenti trattati

Il corso intende discutere, in senso lato, la misurazione dei reperti archeologici e architettonici. Scopo del corso non è fare una carrellata di tutte le possibili misurazioni moderne, ma piuttosto riflettere su due argomenti più articolati:

a) la possibilità di identificare nuovi percorsi di ricerca basati su un utilizzo innovativo delle nuove tecnologie applicate allo studio della cultura materiale;

b) il rapporto tra misurazioni antiche e moderne, ovvero se e quanto misurare secondo criteri moderni riveli qualcosa dell'oggetto antico, concepito, realizzato e misurato in maniera diversa e secondo parametri diversi.

Obiettivi del corso sono:

  • stimolare una discussione critica sull'utilizzo di tecniche e strumenti tecnologici applicati allo studio della cultura materiale. Avere la possibilità di effettuare una misurazione non significa necessariamente che essa sia automaticamente utile; d'altra parte, nuove direzioni di ricerca sono rese possibili dalle crescenti innovazioni tecnologiche. Solo attraverso un'analisi critica del rapporto tra strumenti e oggetti di studio è possibile identificare le linee di ricerca più promettenti e produttive;
  • indagare l'argomento della misurazione dei resti archeologici, e i problemi di interpretazione collegati e derivanti da questo tipo di operazione. L'archeometria è, letteralmente, "la misura di ciò che è antico". Essa comprende tutte le possibili misurazioni attualmente effettuabili sui resti archeologici, ed è un campo ovviamente in continua evoluzione, al traino dello sviluppo scientifico e tecnologico;
  • focalizzare l'attenzione non sulle tecniche o sulla performance tecnologica, quanto piuttosto sullo scopo delle misurazioni, valutandole rispetto al loro contributo allo studio della cultura materiale;
  • in generale, dunque identificare la relazione più produttiva tra misurazioni e studio della cultura materiale;
  • far acquisire ai partecipanti i necessari strumenti critici per rompere gli schemi tradizionali e imparare a cercare nuove direzioni di ricerca.

Il corso si focalizzerà sulla civiltà dell'antico Egitto, e sarà così organizzato:

  1. Introduzione al corso e definizioni
  2. Lo studio immateriale della cultura materiale
  3. Caso-studio archeologico: le mummie
  4. Caso-studio architettonico: le piramidi egizie
  5. Conclusioni e prospettive

La prima parte comprende un'introduzione al corso, in cui definiremo scopi, confini, terminologia e cronologia dei reperti che incontreremo.

Nella seconda parte, discuteremo i motivi e gli scopi per cui vengono effettuale le misurazioni dei resti archeologici.

Nella terza parte analizzeremo nel dettaglio un caso-studio archeologico: le mummie egizie. Dopo una breve introduzione storica, parleremo dell'evoluzione e delle implicazioni etiche dello studio di questi particolari reperti umani e delle nuove tecniche di indagine che permettono agli studiosi di effettuare misurazioni dettagliate evitando operazioni invasive.

La quarta parte sarà dedicata all'enorme mole di misurazioni effettuate negli ultimi due secoli su alcuni tra i monumenti più famosi al mondo: le piramidi egizie. Vedremo come gli esploratori siano passati da aprirsi un varco con la dinamite a utilizzare i muoni per radiografare le piramidi; come le figure geometriche "di moda" siano state, a turno, utilizzate per spiegare la geometria di questi monumenti e, infine, di come le misurazioni moderne siano differenti da quelle antiche.

Concluderemo il corso con una discussione finale sugli argomenti trattati.

La bibliografia di base elencata qui sotto verrà integrata durante le lezioni.


Prerequisiti

Nessuna conoscenza pregressa sull'antico Egitto è richiesta per frequentare questo corso.


Modalità di valutazione

L'esame finale consisterà in un colloqui orale in cui lo studente dovrà discutere nel dettaglio un argomento a scelta tra quelli trattati nel corso dagli studenti in coordinamento con la docente.

Ulteriori referenze bibliografiche verranno fornite durante il corso; specifiche referenze bibliografiche potranno essere fornite dalla docente agli studenti che ne fanno richiesta in connessione con l'argomento d'esame da essi scelto.

Le lezioni comprenderanno una parte di lezione frontale e una parte di discussione tra studenti e docente: per questo motivo, la frequentazione del corso è fortemente consigliata. In ogni caso, le slides e il materiale bibliografico di approfondimento saranno resi disponibili a tutti gli studenti. L'esame per gli studenti non frequentanti sarà identico a quello di coloro che avranno frequentato il corso.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaCorinna Rossi, Architecture and Mathematics in Ancient Egypt, Editore: Cambridge University Press, Anno edizione: 2004, ISBN: 9780511550720 https://doi.org/10.1017/CBO9780511550720
Risorsa bibliografica obbligatoriaCorinna Rossi, Artistotle's Mirror: Combining Digital and Material Culture, Int. Arch. Photogramm. Remote Sens. Spatial Inf. Sci., XLII-2/W11, 2019: 1025-1029 https://doi.org/10.5194/isprs-archives-XLII-2-W11-1025-2019
Risorsa bibliografica obbligatoriaChristian Greco, The biography of objects, Int. Arch. Photogramm. Remote Sens. Spatial Inf. Sci., XLII-2/W11, 2019: 5-10 https://doi.org/10.5194/isprs-archives-XLII-2-W11-5-2019
Risorsa bibliografica facoltativaRosalie David, Egyptian Mummies and Modern Science, Editore: Cambridge University Press, Anno edizione: 2008, ISBN: 9780511499654 https://www.cambridge.org/core/books/egyptian-mummies-and-modern-science/91C0D2E37748464997FED4F18F11FE31
Risorsa bibliografica facoltativaMark Lehner, The Complete Pyramids, Editore: Thames & Hudson, Anno edizione: 2008, ISBN: 9780500285473

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
30:00
45:00
Esercitazione
10:00
15:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 40:00 60:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese
schedaincarico v. 1.6.2 / 1.6.2
Area Servizi ICT
04/06/2020