logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 051558 - LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEGLI INTERNI
Docente Basso Peressut Gian Luca , Caputo Paola
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1195) ARCHITETTURA - AMBIENTE COSTRUITO - INTERNI - ARCHITECTURE - BUILT ENVIRONMENT - INTERIORSAC1AZZZZB051558 - LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEGLI INTERNI
AC2AZZZZB051558 - LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

Obiettivi dell'insegnamento

L'insegnamento affronta il progetto di architettura dal punto di vista dello spazio interno. In quanto fenomeno fondativo, indipendente dalla scala alla quale si applica, il progetto si caratterizza per una peculiare attenzione ai suoi fruitori e ai loro gesti di relazione e di apertura agli altri e al mondo; viene colto e determinato come concreto corpo costruito, nella dinamica, verificata fino alla scala del dettaglio, fra i suoi margini edificati, la luce che lo anima, gli arredi che lo attrezzano, i materiali e gli elementi decorativi che lo qualificano. Il progetto mira a definire una precisa identità di ogni luogo, nella dialettica fra impianto spaziale, figurazione, dimensionamento, aspetti strutturali, controllo ambientale, prestazioni energetiche. Il laboratorio pone particolare attenzione al recupero del patrimonio edilizio e architettonico esistente, spesso fragile, interpretando i temi posti dell'abitare contemporaneo, da quelli della residenza a quelli di organismi complessi e multifunzionali per la cultura, i sistemi museali e il vivere sociale, fino a quelli della riqualificazione e attrezzatura degli spazi aperti. L'integrazione con le discipline della fisica tecnica consente la verifica del comfort microclimatico, negli spazi residenziali di nuova edificazione e nella riqualificazione di quelli esistenti, degli aspetti di illuminotecnica e acustica per i luoghi museali, espositivi, per la cultura e il commercio, in un'ottica di efficienza del manufatto e di risparmio energetico.


Risultati di apprendimento attesi

Secondo i Descrittori di Dublino (DdD), il superamento dell’esame attesta l'acquisizione dei seguenti risultati:

DdD 2, capacità di applicare conoscenza e comprensione:

- capacità di sviluppare, alla scala adeguata, il progetto dello spazio interno, dove l'attenzione alla dimensione umana dell'architettura si concretizza nella definizione degli aspetti materici e costruttivi, delle attrezzature d'arredo o dei sistemi espositivi;

 

DdD 3 (autonomia di giudizio), 4 (abilità comunicative) e 5 (capacità di apprendimento):

- capacità di operare e comunicare in autonomia le scelte progettuali effettuate (DdD 3, 4 e 5).


Argomenti trattati

Presentazione del Laboratorio:
xhttps://drive.google.com/open?id=1HUurvz8uMRkAbnkdyXwz7TNI4d_ZSSyu

Il Laboratorio di Architettura degli Interni affronte il rapporto fra l'architettura come costruzione e la forma, la proporzione, la misura, l'organizzazione e l'attrezzatura dei suoi spazi interni attraverso un ampio spettro problematico. Il laboratorio si propone in continuità culturale e didattica con l'insegnamento di maestri come Gio Ponti, Franco Albini, Carlo De Carli, Vittoriano Viganò che in questa Facoltà insegnarono una progettazione integrale, attenta alla dimensione umana dell'architettura, alla scala urbana come a quella dello spazio abitato, alla costruzione dell'edificio come a quella del dettaglio architettonico, dell'arredo e dell'allestimento. Oggi il concetto di interiorità si applica, oltre che alla tradizionale sfera del domestico, anche a quella pubblica (edifici a destinazione culturale o commerciale, luoghi della mobilità e del loisir): qui il tema della "dimensione umana dell'architettura" si dilata e si approfondisce in un contemporaneo contesto collettivo. Lo spazio abitato, i luoghi del lavoro, i luoghi pubblici della città, l'allestimento, la scenografia, la museografia sono, alcuni degli argomenti affrontati nelle attività didattiche dei corsi del PdS. L'esperienza conclusiva della Tesi di Laurea aspira alla sintesi dei differenti apporti disciplinari tale da ribadire l'integrità dell'Architettura e della formazione di un architetto.

Il Laboratorio affronta le problematiche degli spazi espositivi per l'arte contemporanea, in particolare le gallerie d'arte e le kunsthallen, spazi per l'esposizione temporanea dell'arte contemporanea, dove si possono verificare le più recenti tendenze (site-specific art, environmental art, ecc.) con conseguenti riflessioni progettuali sull'organizzazione degli spazi e delle forme dell'architettura in relazione alle due arti. Nello specifico si conferma l'importanza di un continuo aggiornamento dei saperi nel campo progettuale dell'architettura e degli interni, dagli aspetti contestuali, tipologici a quelli spaziali, materici, impiantistici, strutturali, tecnologici, di progettazione esecutiva, fino agli allestimenti espositivi. In particolare l'integrazione di fisica tecnica e impianti svilupperà l'approfondimento progettuale dei temi propri a questa disciplina.

Il tema progettuale assegnato è quello di una “Casa d’arte” (Kunsthaus) o Galleria per l’esposizione di opere d’arte contemporanea. L’intervento riguarda un lotto a Milano. Il progetto dovrà affrontare criticamente il rapporto con il contesto urbano ed edilizio in cui si inserisce. Il progetto affronterà anche l’organizzazione di una mostra per la quale saranno selezionate opere di artisti, individuando un “tema guida” e studiando il loro allestimento negli spazi espositivi interni ed esterni. Il progetto sarà definito in scala 1:100 per le tutte le piante, sezioni e prospetti, con approfondimenti di dettaglio degli interni in scala 1:50, 1:20 o altro, in particolare per gli allestimenti. Dovranno essere altresì elaborate visualizzazioni statiche e/o dinamiche degli spazi interni, un plastico d’assieme dell’edificio (scala 1:200 o 1:100), un plastico di dettaglio di uno spazio interno allestito (1:50 o 1:20) e tavole relative agli aspetti impiantistici e di progettazione di dettaglio. Ogni 4/5 settimane verrà fatto un seminario di verifica collettivo con valutazione sullo stato di avanzamento del progetto.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

Corso teorico e progettuale. L'esame consiste nella presentazione degli elaborati di progetto con relativa discussione sui temi teorici affrontati.

Le modalità attraverso cui le diverse attività didattiche previste contribuiscono al raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi sono definite in accordo con i cinque Descrittori di Dublino.

Criteri di valutazione
L’esame consiste in una prova orale di esposizione degli elaborati progettuali, unitamente a domande sui contenuti del ciclo di lezioni e sulla bibliografia indicata. La valutazione verrà effettuata tenendo conto della qualità del progetto elaborato e della capacità dello studente di presentarlo con riferimento agli argomenti ed ai temi trattati nel laboratorio. 

Il voto finale di esame sarà determinato dall’esito dell’esame e dalla valutazione complessiva dell’operato dello studente nel laboratorio. La votazione conseguita nelle prove intermedie costituirà contributo integrativo alla valutazione finale.


Bibliografia

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
36:00
39:00
Esercitazione
24:00
26:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
60:00
65:00
Totale 120:00 130:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
30/11/2020