logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 051555 - LABORATORIO DI PROGETTO E COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA
Docente Bolici Roberto , Capsoni Antonio
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1195) ARCHITETTURA - AMBIENTE COSTRUITO - INTERNI - ARCHITECTURE - BUILT ENVIRONMENT - INTERIORSAC1AZZZZC051555 - LABORATORIO DI PROGETTO E COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA
AC2AZZZZC051555 - LABORATORIO DI PROGETTO E COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA

Obiettivi dell'insegnamento

L'insegnamento si propone di sperimentare la complessità dell'atto progettuale, dalla ideazione alla realizzazione, acquisendo conoscenze relative alle modalità di controllo delle relazioni tra aspetti tecnologici, energetico-ambientali e strutturali, e ai percorsi di sperimentazione e innovazione delle tecniche, dei processi e delle modalità di elaborazione del progetto. Il laboratorio si propone di illustrare gli strumenti conoscitivi, metodologici, organizzativi e procedurali che, nelle diverse fasi del processo edilizio, si finalizzano alla costruibilità di interventi architettonici complessi, di nuova costruzione o di riqualificazione dell'esistente. Particolare attenzione è riservata alle scelte funzionali, costruttive e ambientali, che vengono esaminate, fin dalle prime fasi del progetto, in rapporto alla concezione strutturale e a criteri di progettazione antisismica. I risultati di apprendimento attesi sono la capacità di sviluppare un progetto orientato alla fattibilità e alla costruibilità; in particolare, la capacità di elaborazione progettuale attenta alla dimensione costruttiva, agli aspetti di vincolo legati al contesto ambientale, fisico, normativo e culturale in cui l'intervento si colloca, ai modi d'uso; di gestione coordinata e interdisciplinare dei temi tecnologici, strutturali ed energetico-ambientali configuranti il progetto, sulla base di requisiti prioritari; di anticipazione delle decisioni e di valutazione delle differenti opzioni tecniche oggi disponibili; di applicazione degli strumenti di supporto alle decisioni di progetto.


Risultati di apprendimento attesi

Secondo i Descrittori di Dublino (DdD), il superamento dell’esame attesta l'acquisizione dei seguenti risultati:

DdD 2, capacità di applicare conoscenza e comprensione:

- capacità di elaborare progetti attenti alla dimensione costruttiva, agli aspetti di vincolo legati al contesto ambientale, fisico, normativo e culturale in cui l'intervento si colloca, ai modi d'uso e alla verifica della fattibilità tecnica;

- capacità di governare la complessità dell'atto progettuale, dalla fase ideativa alla fase realizzativa.

 

DdD 3 (autonomia di giudizio), 4 (abilità comunicative) e 5 (capacità di apprendimento):

- capacità di operare e comunicare in autonomia le scelte progettuali effettuate (DdD 3, 4 e 5).

 


Argomenti trattati

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL LABORATORIO

Il Laboratorio si avvale dei contributi delle discipline di Progettazione tecnologica ambientale (Roberto Bolici, 6 CFU) e di Strutture e criteri di progettazione antisismica (Antonio Capsoni, 4 CFU). Nella prospettiva di formare una figura capace di coordinare i contenuti del linguaggio architettonico con quelli tecnici che contribuiscono a definire la completezza del progetto per la sua realizzazione, l'esperienza didattica fornisce agli studenti conoscenze e capacità per lo sviluppo di un progetto esecutivo di un edificio complesso, con riferimento agli aspetti morfologici, funzionali e distributivi, nonché tecnico-costruttivi, con attenzione critica alla sostenibilità ambientale ed economica dell’intervento. Particolari approfondimenti riguardano la concezione strutturale dell'edificio, con il relativo calcolo dimensionale. Il laboratorio fornisce conoscenze tecniche e critico-scientifiche (learning skills), stimolando la capacità di comprensione e di apprendimento (knowledge and understanding). Inoltre gli studenti sono chiamati ad applicarsi su un progetto multi-scalare complesso, per una verifica e un potenziamento delle competenze acquisite (applying knowledge and understanding), in linea con l’evoluzione delle pratiche progettuali nei contesti professionali più avanzati. Lo studente deve sviluppare una propria dimensione critica sulle scelte progettuali, tecniche e costruttive (making judgements), acquisendo nel contempo capacità attitudinali di lavoro in team (communication skills). Il laboratorio contribuisce quindi al raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi, definiti in accordo con i descrittori di Dublino: capacità di applicare conoscenza e comprensione, autonomia di giudizio, abilità comunicative e capacità di apprendimento.

Tema

Il tema del Laboratorio riguarda il progetto di un edificio complesso a uso residenziale, localizzato nella città di PiacenzaL’esercitazione progettuale dovrà anche approfondire il rapporto del nuovo intervento con il contesto urbano, definendo azioni sinergiche in grado di produrre un processo di valorizzazione architettonica e ambientale. La docenza imposta e predefinisce le variabili del tema progettuale fornendo materiali didattici di supporto. Gli studenti concentrano l’impegno nel processo progettuale lungo le fasi di interpretazione, configurazione, valutazione e sintesi decisionale, con una graduale acquisizione e applicazione degli strumenti metodologici e operativi, secondo un programmato percorso di attività di apprendimento e di verifica.

Attività didattica

L’articolazione didattica prevede la predisposizione di elaborati tecnici alle diverse scale del progetto di fattibilità, definitivo ed esecutivo, supportata dai necessari approfondimenti sul contesto urbano di riferimento, nonché dalle verifiche sulla fattibilità tecnica dell’intervento. Le attività didattiche riguardano: lezioni teoriche; attività di ricerca svolte dagli studenti su indicazione della docenza; momenti di verifica degli avanzamenti del lavoro. Agli studenti è richiesto di seguire le attività didattiche e le fasi esercitative con riferimento ai due i moduli di cui si compone il laboratorio.


Prerequisiti

Nessun prerequisito


Modalità di valutazione

Per verificare il raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi, definiti in accordo con i descrittori di Dublino, l'esame finale consisterà di un esame orale obbligatorio e individuale che verterà su quesiti di tipo teorico e quesiti inerenti all’attività progettuale sviluppata durante il laboratorio.

Le domande di carattere teorico riguarderanno gli argomenti trattati in seminari e lezioni e saranno volte a evidenziare la capacità dello studente di elaborare collegamenti fra i vari argomenti del corso, nonché con gli insegnamenti precedenti.

Gli studenti dovranno dimostrare di avere maturato una posizione critica chiara e individuale con riferimento ai temi trattati e sviluppati durante il semestre, riscontrabile negli elaborati progettuali oggetto dell’attività del laboratorio. Si terrà anche conto degli approfondimenti e delle ricerche svolte dagli studenti.

I criteri di valutazione sono:

- Per la parte teorica: il livello di conoscenza degli argomenti del laboratorio; la capacità di pensiero critico; la chiarezza e la pertinenza tecnica del vocabolario adottato.

- Per la parte progettuale: chiara corrispondenza tra soluzioni architettoniche, tecnologiche e strutturali con gli aspetti morfologici e tipologici, a diverse scale di approfondimento; correttezza e coerenza dei dettagli tecnico-costruttivi, in relazione a tutti i subsistemi di cui si compone il manufatto edilizio; accuratezza grafica nella rappresentazione alle diverse scale; completezza di informazioni negli elaborati progettuali.

L’esame potrà essere sostenuto dagli studenti che avranno una presenza maggiore o uguale al 75% del monte ore. Coloro che non raggiungeranno tale soglia dovranno rifrequentare il laboratorio.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaFabrizio Schiaffonati, Il progetto della residenza sociale, Editore: Maggioli Editore, Anno edizione: 2014, ISBN: 9788891604514
Risorsa bibliografica obbligatoriaPier Angelo Cetica, La scelta di progettare. Paradigmi per un'Architettura della vita, Editore: Angelo Pontecorboli Editore, Anno edizione: 2003, ISBN: 9788888461051
Risorsa bibliografica obbligatoriaOlga Popovic Larsen, Conceptual Structural Design: Bridging the gap between architects and engineers, Editore: ICE Publishing, Anno edizione: 2016, ISBN: 100727761102

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
36:00
39:00
Esercitazione
24:00
26:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
60:00
65:00
Totale 120:00 130:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese

Note Docente
I riferimenti bibliografici indicati sono da considerare fondamentali per la comprensione dei contenuti del laboratorio e per lo svolgimento della esercitazione progettuale. Sarà cura della docenza comunicare una bibliografia integrativa utile per l'approfondimento dei temi affrontati.
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
19/11/2019