logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 051610 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA
Docente Cefis Nicola , Prusicki Marco Stanislao , Schiavo Alessio
Cfu 14.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1217) ARCHITETTURA E DISEGNO URBANO - ARCHITECTURE AND URBAN DESIGNADUAZZZZA051610 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

Obiettivi dell'insegnamento

Il Laboratorio propone agli allievi un’esperienza complessa, nella quale convergono operativamente le diverse componenti del progetto di architettura: da quelle contestuali, alle quelle tipologiche e funzionali, a quelle costruttive, espressive e formali. Al centro è la dimensione conoscitiva dell’impegno progettuale nel rapporto con la realtà. A tale scopo gli allievi sono guidati: in primo luogo a conoscere e interpretare il contesto di applicazione del progetto, orientarsi nel dibattito intorno alle alternative di intervento tese a governare le trasformazioni insediative in atto, stabilire specifiche correlazioni fra architettura e struttura insediativa; in secondo luogo a compiere una ricerca sperimentale intorno a tipologie e figure, correlando fra loro composizione architettonica, progettazione architettonica e caratteristiche tecniche dei manufatti. 
L’insegnamento ha come obbiettivo il progetto di un organismo architettonico sviluppato alle diverse scale, dal disegno alla scala urbana fino a quello di dettaglio, controllandone il processo di definizione formale in rapporto alle tecniche e ai materiali adottati, e al programma funzionale.
Nell’ambito del progetto, viene affrontata la concezione del sistema strutturale in presenza di azioni sismiche, che acquisisce particolare interesse in quanto richiede di individuare un efficace sistema di controvento e di organizzare, in generale, un sistema resistente tridimensionale, con caratteristiche di regolarità in pianta e in elevazione.


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:
- conosce e comprende le tecniche e gli strumenti del progetto di architettura;
- conosce e comprende i principi dell’ingegneria strutturale sismica;
- è in grado di compiere un’impostazione critica a tutte le scale necessarie di un progetto di architettura con gradi avanzati di specializzazione e approfondimento;
- è in grado di compiere un’analisi critica dei luoghi e dei contesti nello stretto rapporto fra edificio e città, storia e gusto, tecnica e funzione dell’architettura;
- è in grado di elaborare soluzioni progettuali coerenti con il luogo e il contesto, anche in ambiti urbani complessi;
- è in grado di applicare i principi dell’ingegneria strutturale sismica nel progetto di architettura.


Argomenti trattati

Mantova “città d’acqua”. Assumere il sistema delle acque come oggetto fondamentale di intervento per il riassetto di alcuni luoghi della città di Mantova,  significa non solo riconoscere la sua specificità, contrapponendosi al processo di trasformazione che ha visto nelle acque un ostacolo alla realizzazione dei propri disegni e perseguito una loro progressiva eliminazione dal paesaggio urbano, ma anche esprimere nuovi progetti per gli spazi della vita collettiva che ne sappiano interpretare le potenzialità per un rinnovamento profondamente radicato alla sua storia,  come sta avvenendo anche a Milano con il progetto di riapertura dei Navigli, cui ci si intende direttamente riferire.

In questa prospettiva, il lavoro del laboratorio affronterà la riforma di alcune aree urbane fondamentali della città di Mantova, strettamente legate al sistema delle acque, in particolare al Rio. Esse saranno ripensate sia attraverso il ridisegno degli spazi aperti che tramite la definizione di nuovi organismi architettonici di uso pubblico, destinati allo svolgimento di una molteplicità di funzioni per la vita collettiva (attività culturali, espositive, di servizio, commerciali ecc.), sviluppando una specifica ricerca progettuale strettamente legata alle esperienze più avanzate in questo campo, soprattutto internazionali, valutando, in alcuni casi, anche il possibile riutilizzo parziale o totale di edifici esistenti.

Si propone, quindi, più in generale, di partire dalla realtà di un preciso spazio architettonico della città che sarà descritto ricostruendo l'insieme dei progetti, realizzati e non, che hanno dato origine alle sue forme, formulandone un bilancio nella situazione attuale, il cui esito verrà assunto come base fondamentale di riferimento per la ricerca progettuale.  Analogamente si partirà da un bilancio delle esperienze della cultura architettonica che hanno contribuito ad interpretare e dare forma alle attività da insediare tentando di ricavare, anche da esse, elementi utili al loro necessario rinnovamento tipologico, in grado di rispondere in modo adeguato ai cambiamenti in atto della domanda di tali funzioni da parte delle popolazioni urbane.

Si vuole così affermare e praticare la specificità di una disciplina della progettazione architettonica fondata sulla conoscenza delle diverse logiche di formazione dello spazio reale in rapporto ai diversi pensieri architettonici che lo hanno plasmato, e sulla necessità del loro apporto nel definire i criteri per ogni nuova trasformazione fisica che non si voglia ridurre semplicemente alla formalizzazione di scelte settoriali già definite a priori.

Il lavoro si svilupperà quindi a partire dall’acquisizione critica di uno scenario strategico di intervento fornito dalla docenza che individuerà le singole aree di sperimentazione progettuale e i relativi temi, insieme ad una serie di esempi ritenuti significativi che costituiranno un corpus condiviso di architetture, antiche e recenti, da considerare come possibili riferimenti per i nuovi progetti. Successivamente le diverse ipotesi di trasformazione verranno approfondite fino alla definizione di progetti compiuti sia a scala urbana che architettonica e costruttiva.

I prodotti, sia individuali che di piccoli gruppi, saranno valutati e concorreranno al giudizio finale.

L'attività prevede lezioni ex-cathedra e revisioni periodiche degli elaborati, oltre a seminari di confronto condotti insieme agli altri docenti del laboratorio.

 

 

 

 


Prerequisiti

Nessun prerequisito


Modalità di valutazione

L’esame finale consisterà nella discussione dei risultati delle attività sviluppate nel Laboratorio e nella verifica della conoscenza acquisita sugli aspetti di carattere teorico-metodologico relativi alla progettazione architettonica e degli aspetti strutturali, valutando anche la capacità acquisita dai singoli studenti di elaborare collegamenti tra i vari argomenti attinenti le diverse discipline trattate.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaPatrick Geddes, Cittàin evoluzione, Editore: Il Saggiatore, Anno edizione: 1970
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarcel Poete, Introduzione all'urbanistica, La cittàantica, Editore: Einaudi, Anno edizione: 1958
Risorsa bibliografica obbligatoriaAdolf Loos, Parole nel vuoto, Editore: Adelphi, Anno edizione: 1972
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiuseppe de Finetti, Milano Costruzione di una città, Editore: Hoepli, Anno edizione: 2002
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Pogacnik, Adolf Loos e Vienna, Editore: QuodlibetStudio, Anno edizione: 2011
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiovanni Fanelli, Roberto Gargiani, Storia dell'architettura contemporanea, Editore: Laterza, Anno edizione: 1998
Risorsa bibliografica obbligatoriaRafael Moneo, L'altra modernità. Considerazioni sul futuro dell'architettura, Editore: Christian Marinotti Edizioni, Anno edizione: 2012
Risorsa bibliografica obbligatoriaAntonello Boatti, Marco Prusicki, I nuovi Navigli milanesi. Storia per il futuro, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2018

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
50:00
54:10
Esercitazione
34:00
36:50
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
84:00
91:00
Totale 168:00 182:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
25/02/2021