logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 050503 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI
Docente Colaci Davide Fabio , Salvadeo Pierluigi
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZA050503 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di Progettazione dell’architettura degli interni indaga il progetto dell’architettura degli Interni nelle diverse articolazioni (riuso del costruito, interni urbani e spazi aperti, allestimento e arredamento) e alle differenti scale di lettura critica, contrassegnate dalla “dimensione umana” dello spazio. Il Laboratorio promuove la conoscenza critica della cultura storica del progetto degli interni e le sue prospettive contemporanee e incentra l’attività progettuale sui temi del riuso (edifici e interni urbani), della valorizzazione del patrimonio culturale e architettonico, dei sistemi diffusi di recupero del territorio. Propone lo studio e il progetto di ambienti pubblici e semipubblici – come i luoghi del sapere, del lavoro, del culto religioso, del tempo libero – e privati, cui si affiancano il progetto degli spazi aperti urbani e paesaggistici e dei servizi collettivi per la diffusione culturale.

Obiettivi del Laboratorio sono, inoltre, l’esplorazione e l’acquisizione delle modalità progettuali relative all’Architettura degli Interni attraverso i suoi caratteri tipologici, spaziali, funzionali, materici, con particolare rilevanza rispetto all’ambiente preesistente, architettonico e urbano, e la conoscenza e la comprensione del processo progettuale quale sintesi di apporti multidisciplinari.


Risultati di apprendimento attesi

A conclusione dell’esperienza di laboratorio, lo studente maturerà conoscenza e comprensione delle modalità progettuali relative all'architettura degli interni alle diverse scale dimensionali, comprese quelle di definizione del dettaglio architettonico e dell’arredo. Saprà applicare articolate metodologie per impostare e risolvere progetti finalizzati alla soluzione di problemi complessi e rappresentare adeguatamente le diverse scale dimensionali del progetto. Sarà in grado di operare scelte progettuali in autonomia e comunicarne i risultati in modo chiaro e motivato, con strumenti adeguati ai diversi interlocutori (specialisti e non specialisti), sia per l'intero processo decisionale che per la soluzione finale.


Argomenti trattati

VACANZE A MILANO. Verosimili esperienze turistiche per la Torre Velasca.

Il laboratorio di progettazione di Architettura degli Interni e Allestimento vuole idealmente proseguire l’ esperienza di ricerca sullo spazio abitato compiuta dal gruppo BBPR dopo il 1950 con la costruzione di uno dei simboli dell’architettura milanese del dopoguerra: la Torre Velasca. Un edificio civile che oggi vive una crisi tutta interna, in quanto il suo rapporto con la società si è progressivamente logorato perché frutto di un modello abitativo e culturale che non esiste più. Ciò nonostante ha trasformato in modo virtuoso la sua immagine in un’icona di grande valore architettonico, segno di “eccezione visiva” della scena urbana. In questo contesto la riflessione sul valore della Torre Velasca come “opera manifesto” diventa importante perché da eredità architettonica del passato può trasformarsi in un ricco repertorio di sperimentazione, uno spazio interno da inventare nuovamente. Milano è una città che negli ultimi anni ha modificato la propria identità attraverso una spinta spesso indipendente dalla forma fisica della città stessa e attraverso internet, social media, relazioni interpersonali, eventi, servizi, flussi d’ informazioni e originalità produttive è riuscita a guadagnare una vocazione turistica molto specifica e diversa da tutte le altre città italiane. “Vacanze a Milano” è dunque una ricerca che vuole indagare le continue trasformazioni dell’abitare contemporaneo individuando quei modelli "reversibili, provvisori e perfettibili", che il progetto di architettura degli interni è in grado produrre e che fanno parte di quella “esperienza turistica” che alimenta la ricchezza della città. Il progetto avrà l’obiettivo di immaginare un nuovo codice abitativo “turistico” per la città di Milano in grado di sovrapporsi in maniera sostenibile a quello dell’architettura esistente della Torre Velasca determinando così inattese o verosimili qualità ambientali (interne e/o urbane) capaci di riconnettere un monumento dell’architettura italiana con la sua città.

Modulo I - FIGURE D'INTERNI  

Il primo modulo del laboratorio presenterà un ciclo di lezioni sulla vita e le opere di sette maestri dell’architettura d’interni: Piero Portaluppi, Gio Ponti, Carlo Mollino, Ettore Sottsass, Andrea Branzi, Alessandro Mendini e Ugo La Pietra. Le lezioni ex-cathedra saranno accompagnate da brevi esercitazioni svolte individualmente, ex-tempore, legate ai contenuti presentati e propedeutici al progetto oggetto del laboratorio.

Modulo II – BEL PAESE TOUR

Il secondo Modulo del laboratorio proseguirà con un viaggio “on the road” della durata di cinque giorni da Milano alla costiera Amalfitana. Il viaggio vuole ripercorrere alcuni tra i luoghi storici e le architetture più significative del tempo libero e dell’abitare in vacanza. Alberghi, terme e ville storiche saranno vissuti in prima persona come “luoghi turistici”. Itinerari, tempi e modalità saranno concordati con gli studenti le prime settimane del corso.

ModuloIII -  IL PROGETTO 

Il terzo modulo del laboratorio verterà sul progetto degli spazi interni della Torre Velasca come nuovi luoghi legati all’esperienza turistica abitativa. Attraverso la ricerca saranno definite le modalità e la natura del significato di “turismo contemporaneo” e saranno elaborati progetti in grado di interpretarne gli obiettivi. Attraverso il lavoro di gruppo saranno prodotti elaborati grafici in scala e maquette, raccontando attraverso molteplici linguaggi  (collages, fotografie, video e molto altro) l’esperienza turistica per la Torre Velasca.

 


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

La valutazione dello studente sarà definita dal risultato progettuale finale e dall’insieme dei risultati di apprendimento ottenuti seguendo i cinque descrittori sottoelencati :

1 Conoscenza e capacità di comprensione

2 Conoscenza e capacità di comprensione applicate

3 Autonomia di giudizio

4 Abilità comunicative

5 Capacità di apprendimento

L’esame consisterà nella presentazione degli elaborati prodotti durante il corso, comprensivo di disegni, modelli, schizzi, filmati e quant’altro necessario al racconto esauriente e completo del percorso progettuale. Gli ex-tempore individuali e le revisioni collettive saranno soggetti a valutazioni individuali e contribuiranno alla definizione del voto finale.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaEnrico Borgogna, La Torre Velasca dei BBPR a Milano, simbolo e monumento dell'architettura italiana del dopoguerra., Editore: Clean Edizioni, Anno edizione: 2017, ISBN: 978-88-8497-616-1
Risorsa bibliografica obbligatoriaGio Ponti, Amate l'architettura. L'architettura è un cristallo., Editore: Rizzoli, Anno edizione: 2015, ISBN: 9788817080071
Note:

edizione originale 1957.

Risorsa bibliografica obbligatoriaAA.VV, Carlo Mollino. Arabesques., Editore: Electa, Anno edizione: 2006, ISBN: 9788837048570
Risorsa bibliografica obbligatoriaLuca Molinari, a cura di., Piero Portaluppi. Linea errante nell'architettura del Novecento., Editore: Skira, Anno edizione: 2003, ISBN: 88-8491-680-1
Risorsa bibliografica obbligatoriaEttore Sottsass, Scritto di notte, Editore: Adelphi, Anno edizione: 2010, ISBN: 9788845925047
Risorsa bibliografica obbligatoriaAndrea Branzi, Modernità debole e diffusa. Il mondo del progetto all'inizio del XXI secolo., Editore: Skira, Anno edizione: 2006, ISBN: 88-7624-650-9
Risorsa bibliografica obbligatoriaAlessandro Mendini, Scritti di domenica, Editore: Postmedia Books, Anno edizione: 2016, ISBN: 9788874901456
Risorsa bibliografica obbligatoriaAngela Rui, a cura di., Progetto disequilibrante, Editore: Corraini Edizioni e Triennale Design Museum, Anno edizione: 2014, ISBN: 9788875704759

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
08/12/2019