logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 095748 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1
Docente Casonato Camilla , Serrazanetti Francesca , Tosoni Vitaliano
Cfu 16.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIADe PRIORIDUCROTA095748 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio si caratterizza in termini di sperimentazione degli strumenti e delle tecniche del progetto di architettura maturate nei corsi.

Il Laboratorio di progettazione architettonica 1 ha, infatti, l’obiettivo di introdurre gradualmente lo studente alla complessità del progetto mettendone a fuoco i fondamenti e le conoscenze teoriche, analitiche e strumentali, necessarie. Nel laboratorio lo studente si applica a esercizi compositivi e progettuali di base attraverso lo strumento della sua rappresentazione e della sua realizzazione attraverso la costruzione di modelli nelle scale necessarie.

Nel corso dell’anno vengono svolti differenti esercizi riguardanti inizialmente la lettura, l’interpretazione e la rappresentazione di architetture significative e, successivamente, lo sviluppo del progetto vero e proprio applicato a temi con contenuti funzionali semplici attraverso cui sia possibile affrontare anche la questione delle relazioni che il progetto necessariamente instaura con il luogo, la questione della destinazione d’uso e i temi della costruzione e della scelta dei materiali.


Risultati di apprendimento attesi

Il laboratorio garantisce allo studente l’acquisizione di capacità teoriche, analitiche e progettuali di base applicate a esercizi propedeutici e a un progetto conclusivo. La frequenza alle lezioni e lo studio della bibliografia rappresenta momento essenziale per il conseguimento di una capacità di giudizio e controllo della composizione.

I risultati attesi sono: conoscenza e comprensione degli strumenti di lettura e interpretazione dell’architettura attraverso lo studio, il ridisegno interpretativo e la costruzione di modelli; conoscenza e comprensione del ridisegno come strumento di conoscenza; conoscenza e comprensione delle regole della composizione architettonica; conoscenza e comprensione degli elementi che caratterizzano il rapporto dell’architettura con il luogo e lo spazio.

 


Argomenti trattati

Il laboratorio si proporne di avvicinare gli studenti alla pratica e alla lettura critica dell’architettura a partire dai fondamenti teorici e metodologici della ricerca progettuale e degli strumenti utili alla sua rappresentazione. Il laboratorio si articola in contributi disciplinari e attività – pratiche e teoriche – tra loro parallele e strettamente integrate.

L’acquisizione di una consapevolezza critica, che consenta di leggere e comprendere gli elementi dell’opera architettonica, è considerata atto ineludibile e preliminare a qualunque percorso progettuale. L’esercizio di uno sguardo consapevole, fondato sullo studio, l’interpretazione, la sintesi e la restituzione grafica di alcuni edifici esemplari, porterà a prove di ri-composizione di spazialità semplici che mettano in campo gli elementi alla base del progetto a partire da un’idea di uso dello spazio.

Il primo semestre sarà dedicato ad attività propedeutiche e consisterà in lezioni, seminari ed esercitazioni volti ad apprendere ed applicare gli elementi alla base del progetto e gli strumenti teorici e critici utili alla lettura dell’architettura co­struita. Le attività avranno come obiettivo l’acquisizione dei fondamenti necessari ad affrontare un progetto nella sua com­plessità: interpretazione, scomposizione e ricomposizione di opere costruite; studio di riferimenti teorici e progettuali; creazione di un campo di conoscenze e di una consapevolezza critica sui principi del fenomeno architettonico.

La seconda fase del laboratorio, nel secondo semestre, sarà invece dedicata allo sviluppo di un progetto completo che, mettendo in campo tutte le conoscenze e gli strumenti appresi, arrivi a definire un organismo architettonico e la sua relazio­ne con il contesto.

Simmetricamente a uno studio dell’architettura come organismo autonomo, il laboratorio orienta infatti lo sguardo sulla lettura dei luoghi in cui il nuovo si innesta. Partendo dall’individuazione degli strumenti di descrizione e interpretazione del contesto di riferimento, si prenderanno in considerazione le molteplici relazioni che il progetto intesse con uno spazio preesistente che si trasforma incessantemente, tra continuità e variazione.

L’elaborazione del progetto esito del laboratorio porterà a una sintesi dei fondamenti teorici e metodologici introdotti, affrontando un tema specifico nella sua complessità in un contesto reale, e portando gli studenti a confrontarsi con l'insieme delle scelte necessarie alla definizione del progetto di architettura. Muovendo dallo studio dell’esistente – fondamentale riferimento per l’identificazione delle ragioni delle trasformazioni – e in continuo confronto con quel patrimonio di soluzioni possibili che l'architettura ha dato nel corso della storia, il lavoro seguirà percorsi logici e paralleli ai processi di conoscenza critica, operando per ipotesi e verifiche. La ricerca progettuale sarà finalizzata a identificare spazi capaci di accogliere l’abitare privato e collettivo della contemporaneità, in una scena urbana dalla lunga storia e in continuo mutamento. 

Nell’ambito del Laboratorio il modulo di Tecniche della Rappresentazione è strettamente correlato alle attività progettuali, presiede all’esercizio delle tecniche e all’applicazione critica dei metodi della rappresentazione architettonica e urbana, accompagnando gli studenti nella familiarizzazione con i principali dispositivi grafici e visuali, analogici e digitali, articolandoli criticamente nelle varie fasi e scale dell’elaborazione, esplicitandoli operativamente in rapporto alle configurazioni e agli obiettivi progettuali, verificandone la correttezza esecutiva e l’appropriatezza nell’applicazione.

Il modulo ha lo scopo di stimolare la coscienza critica e fornire conoscenza scientifica dei metodi e delle tecniche che consentono di passare dalla complessità tridimensionale dello spazio alla costruzione di un modello, sia esso grafico, materiale o digitale. L’integrazione con gli altri moduli del laboratorio permetterà di identificarlo quale luogo della rielaborazione, dell’applicazione selettiva e del collaudo delle conoscenze nell’ambito dei processi della progettazione, in riferimento ai concreti casi architettonici proposti nel laboratorio.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

La frequenza del laboratorio è obbligatoria. Le lezioni programmate sono il supporto indispensabile allo sviluppo della ricerca progettuale. Non saranno ammessi agli esami studenti con frequenza inferiore al 70%. L’esame consiste in una discussione con la docenza sul per­corso del progetto in riferimento ai contenuti teorici delle lezioni e della bibliografia del corso. saranno valutati: la consapevolezza critica acquisita dallo studente in relazione ai temi affrontati nel laboratorio, alla bibliografia e ai contenuti delle lezioni; la qualità e la compiutezza del progetto proposto rispetto alle richie­ste della docenza e ai criteri individuati nella fase di lettura e studio; la cura della restituzione grafica e della presentazione degli elaborati finali. La valutazione terrà conto anche dei risultati delle esercitazio­ni del primo semestre e dei lavori conse­gnati nelle fasi intermedie del corso.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaCarlos Martì Arìs, Le variazioni dell'identità. Il tipo in architettura., Editore: Città Studi, Anno edizione: 1990
Risorsa bibliografica obbligatoriaBruno Zevi, Saper vedere l'architettura, Editore: Einaudi, Anno edizione: 1948
Risorsa bibliografica obbligatoriaAldo Rossi, L'architettura della città , Editore: Città Studi, Anno edizione: 1966
Risorsa bibliografica obbligatoriaRafael Moneo, Inquietudine teorica e strategia progettuale nell'opera di otto architetti contemporanei, Editore: Electa, Anno edizione: 2005
Risorsa bibliografica obbligatoriaLudovico Quaroni, Progettare un Edificio-Otto Lezioni di Architettura, Editore: Mazzotta, Anno edizione: 1982
Risorsa bibliografica obbligatoriaDocci Mario, Maestri Diego, Gaiani Marco, Scienza del Disegno, Editore: CittàStudiEdizioni, Torino, Anno edizione: 2011, ISBN: 9788825173673
Risorsa bibliografica obbligatoriaYee Rendow, Disegno Architettonico. Metodi e strumenti di rappresentazione, Editore: Hoepli, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaUgo Vittorio, Fondamenti della rappresentazione architettonica, Editore: Esculapio, Anno edizione: 1994

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
58:00
62:50
Esercitazione
38:00
41:10
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
96:00
104:00
Totale 192:00 208:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
12/07/2020