logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione
Insegnamento 089250 - TECNOLOGIE DEI MATERIALI
  • 089247 - TECNOLOGIE GENERALI DEI MATERIALI
Docente Imperio Ernesto
Cfu 5.00 Tipo insegnamento Modulo Di Corso Strutturato

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing Ind - Inf (1 liv.)(ord. 270) - MI (348) INGEGNERIA DEI MATERIALI E DELLE NANOTECNOLOGIE*AZZZZ089250 - TECNOLOGIE DEI MATERIALI

Obiettivi dell'insegnamento

Il modulo di "Tecnologie Generali dei Materiali" si pone come obiettivo formativo lo sviluppo delle conoscenze relative ai principali processi produttivi, primari e secondari, nei sistemi industriali manifatturieri.

I processi di fonderia, di deformazione plastica e asportazione di materiale, inseriti in un contesto di sistema tecnologico delle trasformazioni, costituiscono la parte fondante dell'insegnamento. Ogni tecnologia e/o processo viene sviluppata/o fornendo una descrizione dei principi di base del processo, dei principi di base del funzionamento delle relative macchine/impianti e dei principali ambiti e settori industriali di applicazione, evidenziandone problematiche applicative, limiti e risultati produttivi.

Attraverso l'organizzazione di visite aziendali e/o la partecipazione a manifestazioni fieristiche specializzate lo studente ha l'opportunità di confrontarsi, sia pure in minima misura, con realtà aziendali che realizzano o utilizzano macchine e impianti. 


Risultati di apprendimento attesi

Al termine del processo di apprendimento e a seguito del superamento dell’esame, lo studente:

- conosce i principi di base delle principali lavorazioni di fonderia, deformazione plastica (a caldo e a freddo) e asportazione di materiale (DdD 1)

- comprende le caratteristiche, le esigenze, i vincoli e i campi di applicazione industriale dei processi oggetto di studio (DdD 1)

- calcola le grandezze fisiche di riferimento per ogni processo studiato (forze, momenti, potenze, deformazioni, ritiri, ecc.), utili per la progettazione di base di una lavorazione (DdD 2)

- valuta criticamente (DdD 3) e sceglie i vari processi produttivi che consentono, a partire dal disegno del componente finito, di definire il ciclo di lavorazione del componente stesso, anche in base a considerazioni di convenienza economica (DdD 2)


Argomenti trattati

Introduzione - Teoria della trasformazione. Esigenze di sviluppo delle tecnologie meccaniche. Geometrie ottenibili e tolleranze naturali dei processi. Classificazione dei processi. Lavorabilità dei materiali con le differenti tecnologie. Importanza delle tolleranze imposte su costi e tempi di lavorazione. Quadro generale dei processi tecnologici di trasformazione.

Fonderia - Progettazione del ciclo di fonderia in terra. Dal pezzo al grezzo di fonderia, dal grezzo al modello.  Progettazione e dimensionamento del sistema di colata. Progettazione e dimensionamento del sistema di alimentazione. Esercitazioni numeriche di progettazione del ciclo di fonderia. Altri processi di fonderia e relative macchine.

Lavorazioni per deformazione plastica - Concetti base della teoria della plasticità. Fucinatura e stampaggio: generalità, aspetti economici, macchine e attrezzature. Laminazione: generalità, vari tipi laminazione, aspetti economici, attrezzature. Laminazione dei tubi. Difetti nelle operazione di laminazione. Trafilatura dei fili e dei tubi. Estrusione diretta e inversa: generalità, studio della forza di estrusione, difetti di estrusione, aspetti economici, attrezzature.  Lavorazioni della lamiera: tranciatura, piegatura, imbutitura.

Lavorazioni per asportazione di materiale -Taglio ortogonale. I modelli di distacco del truciolo. Aspetti modellistici della formazione del truciolo. Le forze di taglio. Principali lavorazioni: tornitura, fresatura, foratura e rettificatura. Aspetti generali, parametri di taglio, configurazione dei sistemi, principali verifiche. Introduzione ai cicli di lavorazione.

Attività di laboratorio: nell'ambito dell'insegnamento sono previste alcune visite presso aziende e/o laboratori sperimentali e manifestazioni fieristiche specializzate.


Prerequisiti

Lo studente non necessita di particolari conoscenze pregresse, sebbene sia apprezzabile la conoscenza di elementi base di metallurgia, di caratterizzazione meccanica dei materiali metallici e di disegno tecnico; tali argomenti, comunque, vengono di volta in volta ripresi nell'insegnamento, sulla base dei singoli argomenti trattati.


Modalità di valutazione

La prova d’esame verterà sugli argomenti trattati nei tre moduli didattici che compongono l'insegnamento di Tecnologie dei Materiali.

La valutazione della prova d’esame sarà ottenuta dalla media delle valutazioni parziali ottenute in ciascuno dei moduli didattici e sarà considerata superata se la valutazione parziale relativa a ciascun modulo didattico non è inferiore a 18/30.

Lo studente che ha superato la prova d’esame potrà richiedere di sostenere una prova orale integrativa.

Ulteriori dettagli sulle modalità di valutazione verranno illustrati in aula.


Bibliografia

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
35:00
52:30
Esercitazione
15:00
22:30
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 50:00 75:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
30/11/2020