logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2017/2018
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 099673 - STORIA DELLE COMUNICAZIONI VISIVE
Docente Gunetti Luciana
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1088) DESIGN DELLA COMUNICAZIONEC1AZZZZ099673 - STORIA DELLE COMUNICAZIONI VISIVE
C2AZZZZ099673 - STORIA DELLE COMUNICAZIONI VISIVE
C3AZZZZ099673 - STORIA DELLE COMUNICAZIONI VISIVE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1154) DESIGN DELLA COMUNICAZIONE***AZZZZ086717 - STORIA DELLE COMUNICAZIONI VISIVE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

 

Il corso esaminerà il dialogo tra arte, design e grafica nel Movimento Arts and Crafts, nel Costruttivismo russo, nella fotografia Surrealista e nel fotomontaggio Dada fino ai lavori post-moderni e contemporanei e alle relazioni con le digital humanities. Si focalizzerà, nelle parte generale, sui movimenti moderni nell’arte e nel design – de Stijl, Futurismo, Dada ad esempio – che continuano a rappresentare le basi estetiche e filosofiche del graphic design di oggi. Poi si soffermerà sui numerosi momenti in cui le innovazioni formali e teoriche nell’arte e nel graphic design si sono integrate, grazie al contributo di alcuni personaggi o allo sviluppo di istituzioni (il Bauhaus, la scuola di Ulm, la Cranbrook Academy), dalla fine del XIX secolo fino alla fine del ’900.

La fase centrale del corso muoverà dal modernismo italiano ed europeo al contesto americano approfondendo quelle implicazioni che hanno portato il modernismo ad interagire con la cultura del consumo, e mostrando come le contraddizioni della teoria e pratica modernista siano confluite nel postmodernismo. Nel corso delle due fasi alcune figure chiave saranno analizzate monograficamente (L. Moholy-Nagy, Ladislav Sutnar, Will Burtin, Herbert Bayer) nel contesto più ampio dei linguaggi e dei loro cambiamenti, oltre che in quello dell’information design fino alle teorie di Johanna Drucker espresse in Graphesis: Visual Forms of Knowledge Production.

Dal minimalismo anni ’60/’70 orientato alla grafica sistemica(Gerstner) al total design (p.e. A G Fronzoni, ma anche Wim Crouwel, Otl Aicher), fino al collettivo Conditional Design (Luna Maurer, Edo Paulus, Jonathan Puckey, Roel Wouters), dal punk al post modernismo (p.e. Wolfgang Weingart, April Greiman, Lucille Tenazas) fino alle nuove tendenze legate alla digital design theory di Helen Armstrong (http://graphicdesigntheory.net/).

Obiettivo del corso è fornire agli studenti strumenti di analisi storico-critica partendo dalla discussione di alcuni argomenti monografici e tematiche trasversali relative alla cultura del progetto grafico italiano ed internazionale. Le esercitazioni saranno svolte nel corso dell’anno dagli studenti che così avranno modo di approfondire e verificare quanto illustrato durante le lezioni frontali. Gli esercizi permetteranno agli allievi una migliore comprensione dei contenuti del corso e di affrontarne le questioni relative alla lettura, alla interpretazione e alla traduzione in forma grafica di contenuti storico-critici.


Note Sulla Modalità di valutazione

L'esame consiste nella discussione orale di uno dei testi fondamentali in programma (a scelta dello studente) e nella presentazione delle esercitazioni svolte durante l’anno.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaRichard Hollis, Graphic design: a coincise History, Editore: Thames and Hudson, Anno edizione: 1994
Risorsa bibliografica obbligatoriaPhilip B. Meggs, A History of Graphic Design, Editore: J. Wiley & Sons, Anno edizione: 1998
Risorsa bibliografica obbligatoriaDaniele Baroni, Maurizio Vitta, Storia del design grafico, Editore: Longanesi, Anno edizione: 2003
Risorsa bibliografica obbligatoriaStephen J. Eskilson, Graphic Design. A New History, Editore: Laurence King, Anno edizione: 2007
Risorsa bibliografica facoltativaUlteriore bibliografia sarà consigliata durante il corso.
Risorsa bibliografica obbligatoriaa cura di Pier Paolo Peruccio e Dario Russo, STORIA HIC ET NUNC. La formazione dello storico del design in Italia e allâ¿estero, Editore: Allemandi, Anno edizione: 2015

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
43.0
esercitazione
7.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
02/04/2020