logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2017/2018
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 095748 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1
Docente Cuca Branka , Dalzero Silvia , Orsini Filippo
Cfu 16.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAROVELLISTANZIOLAA095748 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1

Programma comune

Il Laboratorio di progettazione architettonica 1 introduce gradualmente lo studente alla complessità del progetto mettendone a fuoco i fondamenti e le conoscenze teoriche, analitiche e strumentali necessarie.

Nel laboratorio lo studente si applica ad esercizi compositivi e progettuali di base e alla rappresentazione dell’architettura attraverso lo strumento del disegno e del modello, secondo diverse modalità tecniche ed espressive. Nell’attività del laboratorio lo studente svolge esercizi differenti riguardanti, inizialmente, la lettura, l’interpretazione e la rappresentazione di architetture significative e, successivamente, lo sviluppo del progetto vero e proprio applicato a temi con contenuti funzionali semplici e chiaramente identificati. In questa fase allo studente viene data la possibilità di affrontare la questione delle relazioni che il progetto instaura con il luogo, la questione della destinazione d’uso e i temi della costruzione e della scelta dei materiali. Nel laboratorio lo studente acquisisce capacità teoriche, analitiche e progettuali di base, oltre a elementi fondamentali di giudizio e di controllo sui caratteri e sulla qualità degli spazi e dei volumi nelle diverse fasi di progetto, dall’ idea iniziale alla sua definizione formale; acquisisce inoltre la capacità di correlare l’idea progettuale alla sua rappresentazione.


Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

 CASA e CHIESA

Il laboratorio si propone di guidare lo studente in un percorso di conoscenza delle problematiche teoriche e pratiche dell’architettura quale sintesi significativa delle varie componenti che determinano la qualità distintiva del progetto, cercando nel contempo di alimentare la passione e trasmettere l’entusiasmo per l’architettura, indispensabili per affrontare le sfide che attenderanno lo studente durante ed al termine degli studi.

L’esplorazione si inaugura con semplici esercizi progettuali sviluppati a partire da un volume o una superficie assegnata, per poi proseguire con lo studio di alcune opere di architettura e la realizzazione di un progetto capace di misurarsi con un contesto specifico.

Gli esercizi preliminari permetteranno agli studenti di sperimentare una propria idea di forma accettando i limiti dettati dalle circostanze e nel contempo verranno introdotti ad alcuni fondamenti dello spazio architettonico.

Poiché “l’architettura si progetta a partire dall’architettura” l’itinerario proposto procede con alcuni “esercizi di scomposizione critica” in cui le opere di architettura, attinte dal repertorio contemporaneo, costituiranno i materiali di studio ai quali applicare l’esercizio del ri-disegno.

Lo studio degli edifici non si limiterà ad una indifferente restituzione grafica delle piante, degli alzati e delle sezioni. Attraverso una scomposizione degli elementi costitutivi delle opere e dello spazio da queste racchiuso, metterà in evidenza i dispositivi ordinatori della composizione in grado di determinare il volume, le superfici, le caratteristiche utilitarie e distributive, gli aspetti costruttivi e le relazioni con il luogo.

Ai disegni si affiancheranno dei plastici critici attraverso i quali sperimentare, nella fisicità della materia formata, le dimensioni e le misure dei volumi dell’architettura con l’obiettivo di scoprire, attraverso l’esperienza diretta del modello e della sezione tridimensionale, i rapporti proporzionali presenti nella composizione.

L'obiettivo tematico delle esercitazioni della prima fase del laboratorio (1°semestre) sarà la progettazione di una piccola casa monofamiliare.

Con le conoscenze acquisite, nella fase successiva del laboratorio (2° semestre), lo studente si misurerà con un contesto specifico, di cui potrà avere esperienza diretta, identificando gli elementi costitutivi della morfologia urbana e insediativa, del paesaggio, i caratteri e le relazioni dello spazio costruito, dello spazio aperto e dello spazio di relazione e la loro interpretazione finalizzata alla definizione della soluzione progettuale.

 Luoghi privilegiati di applicazione, la periferia di Milano con l’obiettivo di sviluppare sperimentazioni progettuali legate ad alcune aree marginali presenti nel tessuto delle città.

Nei contesti prescelti si sperimenteranno piccoli progetti di rigenerazione urbana proponendo possibili interventi volti ad innescare una serie di reazioni positive a partire dalla riqualificazione dei sistemi oratoriali disseminati sul territorio, nocciolo vitale degli spazi di relazione e della vita pubblica e delle comunità di quartiere.

Il secondo semestre sarà finalizato alla progettazione di sistemi spaziali semplici ma articolati in più unità che configurino materialmente e simbolicamente quei luoghi di soglia, come possibile sintesi tra lo spazio sacro e vita laica delle comunità.

 

Il laboratorio di progettazione è seguito dai docenti e dagli assistenti ed è integrato dai moduli di “progettazione architettonica” e “tecniche della rappresentazione”.

 Il primo volto ad indagare le componenti teoriche dell’architettura intesa come disciplina, con un proprio e specifico sapere, dotato di regole riconoscibili e trasmissibili attraverso il progetto. I contributi forniti concorreranno alla costruzione di un percorso di conoscenza che inevitabilmente costituirà il presupposto importante per poter poi pensare, disegnare e costruire l’architettura nell’ambito degli esercizi proposti dal laboratorio. In particolare il modulo di Progettazione Architettonica intende strutturarsi a partire dall’osservazione critica, oggettiva di tutti quegli aspetti progettualiche si fanno ragione dell’opera, testimoni di realtà sorprendenti, misteriose e prove tangibili dell’identità culturale e ambientale a cui si riferiscono. Usando una parafrasi derivata da Peter Zumthor, ci si occuperà del nocciolo duro dell’architettura, ovvero il progetto che necessita sempre di un’attenta riflessione in merito al tempo e allo spazio. All’interno del piano formativo il corso si preoccuperà di fornire la consapevolezza della centralità del pensiero progettuale e gli strumenti utili a registrare, interpretare l’evoluzione architettonica e l’identità di luogo che, nel panorama attuale, si fa sempre più mobile e vitale, soggetta a una continua rielaborazione concettuale la cui definizione necessita del contributo di materie diverse: ambientali, sociali, culturali, tecniche

Il secondo modulo integrativo intende fornire agli studenti le conoscenze teoriche ed applicative necessarie per il rilevamento e la rappresentazione grafica dello spazio architettonico ed urbano, richiamando l’importante ruolo assunto dalle discipline che stanno alla base della rappresentazione del territorio quali la cartografia, la topografia e la fotogrammetria. Nell’ambito della sperimentazione progettuale proposta dal laboratorio ed applicata ad un contesto specifico, il corso integrato consentirà di acquisire metodi e strumenti per l’inquadramento, il rilevamento e la restituzione grafica di modelli bi-tridimensionali dello spazio, fornendo un indispensabile supporto all’azione di ricerca progettuale.

Nello specifico il modulo di Tecniche di rappresentazione propone lo studio e l’impiego pratico di tecniche di misura, interpretazione e rappresentazione a supporto dello studio dell’architettura e il suo contesto. La prima parte del corso affronterà le tematiche di descrizione geometrica degli oggetti attraverso gli strumenti di geometria descrittiva e geometria proiettiva; saranno sperimentati diversi strumenti e metodi di rappresentazione a scale diverse. La fase successiva del corso intende fornire agli studenti le conoscenze teoriche ed applicative necessarie per il rilevamento e la rappresentazione grafica dello spazio architettonico ed urbano. Attraverso attività pratiche in-situ, gli allievi avranno l’occasione di confrontarsi con i metodi più adatti per la conoscenza del contesto esistente, impiegando diversi mezzi della rappresentazione, dallo schizzo dal vero all’ediotipo, ma anche alla restituzione con strumenti digitali, lo studio di schemi visivi e la fotografia.

 

Articolazione didattica

La struttura del Laboratorio consiste in: comunicazioni di base, workshops applicativi e revisioni intermedie, riferite alle diverse fasi di evoluzione del progetto. Tali attività collettive prevedono la presenza di esperti e studiosi che durante l’evoluzione del corso potranno integrarsi con la formula delle open lectures così da indurre lo studente a prendere coscienza dello ‘stato dell’architettura’ nella disciplina architettonica in relazione al tempo presente e alla conformazione spaziale e territoriale. Saranno inoltre predisposte attività correlate quali seminari, mostre ed eventualmente viaggi-studio sulle aree di progetto.


Note Sulla Modalità di valutazione

Il percorso didattico si articola in fasi successive durante le quali sono previste “critiche intermedie” e “seminari collet­tivi”, in entrambi gli appuntamenti verranno discussi con la docenza lo stato di avanzamento dei lavori dello studente e le ragioni delle scelte formulate. Ogni incontro prevede una valutazione parziale del lavoro svolto e un giudizio intermedio.

Pertanto la valutazione finale terrà conto della discussione individuale sostenuta dallo studente in sede d’esame, ma anche degli elaborati prodotti nel corso dell’anno e dell’apprendimento dei contenuti teorici e metodologici sviluppati nelle lezioni e approfonditi nelle bibliografie consigliate.

La valutazione terrà conto inoltre delle diverse modalità di presentazione degli elaborati (tavole, modelli) e della 'consapevolezza' disciplinare raggiunta dallo studente.

per sostenere l'esame, oltre la consegna delle esercitazioni intermedie, si ricorda che la presenza al Laboratorio è obbligatoria:

ogni studente dovrà essere presente almeno al 80% dell’attività laboratoriale (lezioni, seminari e attività in aula)

 

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaAldo Rossi, L' architettura della citt , Editore: Quodlibet, Anno edizione: 2011
Risorsa bibliografica obbligatoriaFrancesco Venezia, Che cosa ¨ l'architettura. Lezioni, conferenze, un intervento , Editore: Mondadori -Electa, Anno edizione: 2011
Risorsa bibliografica obbligatoriaVon Meiss Pierre, Dalla forma al luogo. Unâ¿introduzione allo studio dellâ¿architettura, Editore: Hoepli, Anno edizione: 1992
Risorsa bibliografica obbligatoriaColin Rowe Fred Koetter, Collage City, Editore: MIT press, Anno edizione: 1978
Risorsa bibliografica obbligatoriaRem Koolhas, Delirious New York, a cura di Marco Biraghi, Editore: Electa, Anno edizione: 2001
Risorsa bibliografica obbligatoriaRobert Venturi, Complessit Â e contraddizione nell' architettura, Editore: Dedalo, Anno edizione: 2002
Risorsa bibliografica obbligatoriaRobert Venturi, Denise Scott Brown, Steven Izenour. A cura di Manuel Orazi Traduzione di Maurizio Sabini, Imparare da Las Vegas Il simbolismo dimenticato della forma architettonica, Editore: Habitat, Quodlibet, Anno edizione: 2010
Risorsa bibliografica obbligatoriaM. Docci, D. Maestri, Manuale di rilevamento architettonico e urbano, Editore: Laterza, Anno edizione: 2012
Risorsa bibliografica obbligatoriaG. Bezoari, C. Monti, A. Selvini, Misura e Rappresentazione, Editore: CEA, Anno edizione: 2001

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
75.0
esercitazione
52.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
83.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
Ulteriori riferimenti bibliografici saranno forniti dalla docenza durante lo svolgimento del corso
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
20/10/2020