logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2016/2017
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 096200 - LABORATORIO DI SINTESI FINALE
Docente Ceppi Giulio , Facchinetti Massimo , Samorè Francesco , Villani Emmanuele , Volonte' Paolo Gaetano
Cfu 18.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1160) DESIGN DEL PRODOTTO PER L'INNOVAZIONEPR1AZZZZA096200 - LABORATORIO DI SINTESI FINALE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

NANODESIGN VISION@2025

 

Obiettivo del Laboratorio

Il laboratorio ha come obiettivo mettere a fuoco una visione per il 2025 e produrre una serie di concept di prodotto che ne descrivano le potenziali qualità e le innovative dinamiche comportamentali. Si tratta quindi di contribuire ad un esercizio partecipato di vision design, capendone e condividendone regole ed obiettivi.

Fondazione Giannino Bassetti e Fondazione Pistoletto daranno alcuni strumenti di base per comprendere i cambiamenti di scenario da qui ai prossimi 10 anni. In particolare l’analisi di fattori sociali, tecnologici, economici e culturali ha come fuoco tematico e progettuale il mondo dell’infinitamente piccolo, ovvero delle nanotecnologie, delle biotecnologie e della genomica.

Oggi siamo giunti a scale di intervento ben più sofisticate di quanto chimica e fisica ci hanno forse scolasticamente trasmesso, dato che bio-scienze, genetica e biologia molecolare, ci permettono di intervenire sulla materia vivente, di modificare in maniera drastica e inattesa quanto la natura ha previsto per il suo corso.

 Il rapporto tradizionale tra saggezza, conoscenza e informazione che ha guidato l’’innovazione per secoli, oggi sembra essersi ulteriormente modificato: lo “sguardo molecolare”, come lo definisce Giuseppe Testa, è alla scala dei geni, oramai oggetti di depositi industriali e brevetti.

Tutto ciò rappresenta una nuova ed inedita sfida per il design, ma di cui la cultura del progetto ancora non sembra essersi resa conto.

Occorre invece che il design entri nei laboratori di ricerca, che abbia il coraggio e la modestia per uscire dalla scala del visibile ed entrare in quella della “visualizzazione”, dove si forma in potenza la materia e la forma del domani: già oggi stiamo assistendo al passaggio dalle forme della vita alla vita delle forme.

In tale scenario l’innovazione responsabile ed etica è un tema cruciale per lo scienziato, come per il designer lo è stata nell’ultimo ventennio la questione ecologica ed ambientale.

 

Metodologia e programma didattico

Una serie di ospiti e specialisti dell’”infinitamente piccolo” aiuteranno a meglio comprendere alcune dinamiche in atto e le complesse trasformazioni della materia di cui siamo fatti e di cui è fatto il mondo

Inevitabile che l’approccio progettuale sarà fortemente interdisciplinare, strutturato in 5 esercitazioni esplorative e quindi in successive 2 di approfondimento tematico, utili a focalizzare il proprio argomento specifico di tesi, quale contributo ad una visione condivisa.

 Le 5 esercitazioni hanno come scenario applicativo diversi contesti geopolitici e climatici, che vanno dall’Europa all’Africa centrale, dall’India alla Cina, con fine di valutare le differenze in situazioni diverse per disponibilità di risorse e cultura specifica.


Note Sulla Modalità di valutazione

Nell’output di progetto sarà particolarmente importante da parte degli studenti il saper adottare e sviluppare capacità comunicative, che devono contribuire alla narrazione dei singoli progetti all’interno di una vision ed essere quindi facilmente trasferibili nei media digitali, attraverso animazioni tridimensionali o storytelling dinamici.


Bibliografia

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
120.0
esercitazione
30.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
9.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
21.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.2 / 1.6.2
Area Servizi ICT
04/06/2020