logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2016/2017
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 099410 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE
Docente Faroldi Emilio , Rostagni Cecilia , Vettori Maria Pilar
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZJ099410 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE
MIEAZZZZA099481 - FINAL DESIGN WORKSHOP
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1145) SCIENZE DELL'ARCHITETTURAAUPAZZZZA099481 - FINAL DESIGN WORKSHOP
SCAAZZZZB099410 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

FINAL DESIGN STUDIO   _______   LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE

 

The Final Design Studio aims at providing a complex and multi-disciplinary design experience, and also a problematic openness to practice, culture, contemporary architectural debate. Through a targeted series of design experimentation addressing different scales, the main goal of the Studio is to achieve a synthesis, combining theoretical contents connected to the assigned topic, and applied activities, in order to put into practice the design knowledge acquired in the former design workshop experiences. The FDS emphasizes the centrality of the experience in the design process, which is based on integration and synthesis of the different disciplines, promoting synergies among them, bot technical and scientific, humanistic and artistic, in order to integrate and enrich the field of design knowledge from both techno-typological and executive point of view.

 

Il Laboratorio di Progettazione Finale intende fornire un’esperienza progettuale complessa e multidisciplinare, accompagnata da un momento di apertura problematica verso gli orizzonti al centro della pratica, della cultura, del dibattito architettonico contemporaneo. Attraverso una differenziata sperimentazione progettuale affrontata alle diverse scale del progetto, obiettivo del Laboratorio è sviluppare un’azione di sintesi capace di coniugare ai contenuti teorici del tema proposto un’attività applicata in grado di mettere in pratica le nozioni progettuali acquisite nelle precedenti esperienze laboratoriali. Il LdPF è caratterizzato dalla centralità dell’esperienza nel progetto, fondata sull’integrazione e la sintesi delle discipline, promuovendo la sinergia fra le medesime, siano esse tecnico-scientifiche, umanistiche e artistiche, al fine di integrare e arricchire gli ambiti di conoscenza progettuale sia dal punto di vista tecno-tipologica sia da quello costruttivo.

_______ ■ _______

 

 

The Architecture of the Dialogue

emilio faroldi – cecilia rostagni – maria pilar vettori

 

Prologue

The significant transformations affecting the city, connected to the infrastructure development and to the evolution of the usage of the space and its buildings, require planning and research activities to be targeted to functional reorganization, typological and morphological actions, following the needs of a society constantly and rapidly changing.

The Final Design Studio “the ARCHITECTURE of the DIALOGUE” aims at stimulating the practice of architectural design as a preferred occasion for valorizing the city and its constituent parts. This will happen through urban regeneration actions to interpret the functions related to socialization, hospitality and worship as founding and meeting places of the birth and evolution of the most structured urban fabrics, always nucleus of social development, economic and cultural centers around which the civitas and the urbs are organized.

The need to produce "sense of place" and "local identity" in urban morphogenesis and redevelopment processes of the settlements invites contemporary design to re-invent the role and the contents of functions which, despite coming from history, are now await a necessary actualization. The orientation of certain areas - open and closed - to constitute themselves as social condensers and connection nodes between the flows of a city, which is now multilayer, promotes a reclaim of the urban space by elevating the practice in ethical and civic phenomenon.

 

Scenario

Within the broader issue of reconfiguring of the post-modern city the worship space is now looking for its own and new identity, understood as the field of spiritual and physical experience through dialogue, socialization and reception, in line with the recent intangible phenomena of globalization of thoughts and cultures of peoples. The aim is to recover the meaning attributed to it in the past within the Italian cultural context: urban archetype, aggregation space of the most significant social groups, physical, organizational, morphological center of the city, nodal element of its natural growth and reading module. At the same time, the morphological, functional, organizational traits of the open spaces, and their relationship with the consolidated and evolving city, return to characterize the main transformation proposals of the major European urban systems, by no longer being interpreted as "negative" areas of built fabric. The amplifier role of values and contradictions of architecture is delegated to the "new urban functions", being the architecture itself no longer morphologically and functionally mono-directional.

The Studio interprets the design action as a privileged framework of foreshadowing the developing reality. The Studio elects the practice of constructibility as indispensable assumption of the contemporary status of the architectural project, which is interpreted not only in its conceptual qualities, but in its pragmatic vocation to investigate the implementation methods, priority means of interpretation of the design-construction phenomenon.

Within the Studio, Technological Design becomes tangent or a passing the historical context, taking on this last the main paradigms on which the design action should be based. "You have to know the history in order to forget and to be able to be themselves": this is how Ernesto Nathan Rogers elevates the history to an intangible tool of the project.

 

Starting from their disciplinary targets, the three teaching modules merge jointly in a single action aimed at the definition of an architectural project for a limited part of the city and its architectural objects, constructible and socially sustainable. The three modules are: “TECHNOLOGICAL DESIGN FOR ARCHITECTURE” (prof. Emilio Faroldi), “HISTORY OF MODERN AND CONTEMPORARY ARCHITECTURE” (prof. Cecilia Rostagni), “ARCHITECTURE DESIGN AND CONSTRUCTION” (prof. Maria Pilar Vettori).

 

Topic

The contemporary society is going through a gradual process of disintegration of those values and bonds that allow the peaceful coexistence. The city is constantly subject to phenomena characterized by material and immaterial violent impact, which put a strain on its more secular institutions and its urban structure.

In this scenario, the theme of the contemporary design of places for dialogue and for the exercise of functions linked to social inclusion, regains central importance in the contemporary architectural debate. This is also demonstrated by conferences, workshops and exhibitions organized as part of the 15th Venice International Architecture and of the XXI Milan Triennale. These buildings, capable of symbolically and physically order the urban panorama and capable of becoming hubs of integration and acceptance, they are going through a functional and morpho-typological re-thinking, involving the entire architectural discipline. Designers are invited to try their hand in the attempt to find the right balance between the elements of tradition and new contemporary needs. They must understand complexes which are not exclusively rated for worship and care of spirituality, but rather able to become a reference point for the society, places of socialization and integration, places open to the city. The design of such systems is elected by the Laboratory as major challenge for the contemporary architect. These include religious buildings, the facilities connected to it, the reception centers, ancillary services offered by these facilities, sport activities, training and socialization activities for young generations, and many other functions still being defined.

 

Organization

The Studio is organized in classes, design activities, seminars and collective discussions. The design work will be developed by groups of 2-3 people and also provides during the semester, the tutors' assistance who will accompany the performance of the project activity. The Studio includes seminars -even in the presence of external visiting professors- aimed at checking the progress of the work at the main design stages: concept design, basic design, detail design.

Days will be organized with a startup lecture and then project activities, revisions and seminars to follow. Theoretical apparatus in support of the design (books and handouts) will be disseminated and delivered in conjunction with the classes.

 

The Studio is optional and can be attended both by students enrolled in the Course of Study in English (Bachelor of Science in “Architectural Design”), both by students enrolled in the Course of Study in Italian (Laurea triennale in “Progettazione dell’Architettura”) 

_______ ■ _______

 

 

L’architettura del dialogo

emilio faroldi – cecilia rostagni – maria pilar vettori

 

Prologo ___ I significativi cambiamenti che investono la città, connessi allo sviluppo infrastrutturale e all’evoluzione dell’uso dello spazio e degli edifici che la costituiscono, richiedono attività progettuali e di ricerca mirate ad azioni di riassetto funzionale, tipologico e morfologico in linea con le esigenze di una società in costante e rapida trasformazione.

Il Laboratorio di Progettazione Finale l’ARCHITETTURA DEL DIALOGO intende stimolare la pratica del progetto di architettura come occasione privilegiata di valorizzazione della città e delle sue parti costitutive attraverso un’azione di rigenerazione urbana che interpreti le funzioni legate alla socializzazione, accoglienza e culto come luoghi di aggregazione fondanti la nascita e l’evoluzione dei tessuti urbani più strutturati e da sempre nucleo di sviluppo sociale, economico e culturale attorno al quale la civitas e la urbs si organizzano.

La necessità di produrre "senso del luogo" e "identità locale" nei processi di morfogenesi urbana e di riqualificazione degli insediamenti, invita il progetto contemporaneo a re-inventare ruolo e contenuti di funzioni che, seppur consegnate dalla storia, attendono oggi una necessaria attualizzazione.

La vocazione di alcuni spazi – aperti e chiusi – a costituirsi come condensatori sociali e nodi di connessione fra flussi di una città ormai multilayer, favorisce il riappropriarsi dello spazio urbano elevando tale pratica a fenomeno etico e civico.

 

Scenario ___ All'interno del più ampio tema di riconfigurazione della città post-moderna lo spazio di culto, inteso come ambito di esperienza spirituale e fisisca attraverso il dialogo, la socializzazione e l’accoglienza, in linea con i recenti fenomeni di globalizzazione immateriale del pensiero e delle culture dei popoli, è oggi alla ricerca di una propria e nuova identità, allo scopo di recuperare il significato in passato attribuitigli all'interno del contesto culturale italiano: archetipo urbano, spazio di aggregazione dei più significativi nuclei sociali, centro fisico, organizzativo, morfologico della città, elemento nodale del suo naturale modulo di crescita e lettura.

In parallelo, i caratteri morfologici, funzionali, organizzativi degli spazi aperti, non più interpretati come ambiti "in negativo" del tessuto costruito, e il rapporto che essi instaurano con la città consolidata e in evoluzione, tornano a caratterizzare le principali proposte di trasformazione dei più importanti sistemi urbani europei delegando alla “nuove funzioni urbane” il ruolo di amplificatore delle valenze e delle contraddizioni di un'architettura ormai non più mono-direzionata dal punto di vista sia morfologico sia funzionale.

Il Laboratorio interpreta l’azione progettuale come ambito privilegiato di prefigurazione della realtà in divenire, eleggendo la pratica della costruibilità dell’architettura come assunto imprescindibile dello statuto contemporaneo del progetto di architettura, interpretato non solo nella sua qualità concettuale, bensì nella sua vocazione pragmatica a indagare le modalità realizzative, mezzo prioritario di interpretazione del fenomeno progettuale-costruttivo.

La progettazione tecnologica diviene, all’interno del Laboratorio, ambito tangente o secante quello storico, assumendo da quest’ultimo i principali paradigmi sui quali fondare l’azione progettuale. “Bisogna conoscere la storia per poterla dimenticare e poter essere sé stessi”: è così che Ernesto Nathan Rogers eleva la storia a strumento immateriale del progetto.

 

I tre moduli di insegnamento, partendo dai loro obiettivi disciplinari, si fondono pariteticamente in un’unica azione tesa alla definizione di un progetto di architettura di una parte circoscritta di città e degli oggetti architettonici che la compongono, costruibile e socialmente sostenibile: “TECHNOLOGICAL DESIGN FOR ARCHITECTURE” (prof. Emilio Faroldi), “HISTORY OF MODERN AND CONTEMPORARY ARCHITECTURE” (prof. Cecilia Rostagni), “ARCHITECTURE DESIGN AND CONSTRUCTION” (prof. Maria Pilar Vettori).

 

Tema ___ La società contemporanea attraversa un graduale processo di sgretolamento dei valori e dei legami che permettono la convivenza pacifica. La città risulta costantemente soggetta a fenomeni caratterizzati da un violento impatto materiale e immateriale, che mettono a dura prova le sue istituzioni più secolari e la sua struttura urbana.

In tale panorama, il tema della progettazione contemporanea di luoghi per il dialogo e per l’esercizio delle funzioni legate all’inclusione sociale, riacquista importanza centrale nel dibattito architettonico contemporaneo, come dimostrato anche da convegni, workshop ed esposizioni organizzati nel contesto della 15° Mostra Internazionale di Architetturadi Venezia e della XXI Triennale di Milano.

Tali edifici, capaci di ordinare il panorama urbano, simbolicamente e fisicamente, e di divenire fulcri d’integrazione e accoglienza, attraversano un processo di ripensamento funzionale e morfo-tipologico che coinvolge l’intera disciplina architettonica. I progettisti sono chiamati a cimentarsi nel tentativo di trovare il giusto equilibrio tra gli elementi della tradizione e le nuove esigenze contemporanee, concependo complessi non votati esclusivamente al culto e alla cura della spiritualità, bensì in grado di divenire punti di riferimento per la società, luoghi di socializzazione e integrazione, luoghi aperti alla città.

La progettazione di tali complessi, che comprende l’edifico di culto, le strutture a esso connesse, i centri di accoglienza, i servizi ausiliari offerti da tali strutture, l’attività per la pratica sportiva, l’azione di formazione e socializzazione delle giovani generazioni, e tante altre funzioni in corso oggi di definizione, viene eletta dal Laboratorio a importante sfida per l’architetto contemporaneo.

 

Organizzazione ___ Il Laboratorio è organizzato in lezioni, attività di progettazione, seminari e discussione collettiva. Il lavoro di progettazione sarà sviluppato da gruppi formati mediamente da 2-3 persone e prevede, durante il semestre, l’assistenza di tutor che accompagneranno lo svolgimento dell’attività progettuale. Sono previste attività seminariali – anche alla presenza di visiting professors esterni – mirate alla verifica dello stato d’avanzamento dei lavori in corrispondenza delle principali tappe progettuali: concept design, basic design, detail design.

Le giornate saranno organizzate con una lezione/lecture di avvio per poi dar seguito all’attività di progetto, revisioni e seminari.

Gli apparati teorici a supporto dell’attività di progetto (libri e dispense) saranno divulgati e consegnati congiuntamente alle lezioni.

 

Il Laboratorio è opzionabile e frequentabile sia dagli studenti iscritti al Corso di Studio in lingua inglese (Bachelor of Science in “Architectural Design”) sia dagli studenti iscritti al Corso di Studio in lingua italiana (Laurea triennale in “Progettazione dell’Architettura”)

_______ ■ _______

 


Note Sulla Modalità di valutazione

Evaluation ___ Projects submitted during the year as well as the acquired knowledge of both theoretical and methodological contents will be assessed during the final examination and through examinations held during the year, if any: dates and procedures of such examinations will be indicated by professors at the beginning of the Studio.

 

Valutazione ___ La valutazione degli elaborati prodotti in corso d’anno e dell’apprendimento dei contenuti teorici e metodologici avverrà in sede d’esame finale e attraverso eventuali verifiche in itinere, le cui date e modalità verranno indicate dai docenti all’inizio del Laboratorio.

_______ ■ _______


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaAlberto Campo Baeza, Principia architectonica, Editore: Editorial Mairea UPM, Research Papers Columbia University, New York, Anno edizione: 2012, ISBN: 978-84-940020-8-3 http://opac.sbn.it/opacsbn/opac/iccu/scheda.jsp?bid=IT%5CICCU%5CPMI%5C0002850
Note:

English translation: Francis R. Hitinger, Editorial Mairea UPM

Risorsa bibliografica obbligatoriaEmilio Faroldi, Maria Pilar Vettori, Dialoghi di Architettura, Editore: Alinea Editrice, Firenze, Anno edizione: 2004, ISBN: 88-8125-816-1 http://opac.sbn.it/opacsbn/opac/iccu/scheda.jsp?bid=IT%5CICCU%5CPMI%5C0002850
Note:

Edizione in lingua italiana: seconda edizione riveduta e aggiornata; Edizione in lingua portoghese: Dialogos de Arquitetura, Editora Siciliano, Sao Paulo, Brazil 1997, Prefazione di Oscar Niemeyer; Edizione in lingua inglese: Dialogues of Architecture, in corso di pubblicazione

Risorsa bibliografica facoltativaFederico Bucci, Marco Mulazzani, Luigi Moretti. Works and writings, Editore: Princeton Architectural Press, Princeton, Anno edizione: 2002, ISBN: 1-56898-306-9 https://eng.archinform.net/quellen/85626.htm
Risorsa bibliografica facoltativaKenneth Frampton, Studies in Tectonic Culture. The Poetics of Construction in Nineteenth and Twentieth Century Architecture, Editore: MIT Press, Cambridge, MA, USA, Anno edizione: 2001, ISBN: 9780262561495 https://mitpress.mit.edu/books/studies-tectonic-culture
Note:

Edited by John Cava

Risorsa bibliografica obbligatoriaVittorio Gregotti, Inside architecture, Editore: MIT Press, Cambridge, MA, USA, Anno edizione: 1996, ISBN: 9780262571159 http://opac.sbn.it/opacsbn/opac/iccu/scheda.jsp?bid=IT%5CICCU%5CPMI%5C0002850
Note:

Foreword by Kenneth Frampton, Translated by Peter Wong and Francesca Zaccheo

Risorsa bibliografica obbligatoriaAldo Rossi, The Architecture of the City, Editore: MIT Press, Cambridge, MA, USA, Anno edizione: 1984, ISBN: 9780262680431 https://mitpress.mit.edu/books/architecture-city
Note:

Prima Edizione italiana: Milano, 1966

Risorsa bibliografica facoltativaGio Ponti, In praise of architecture, Editore: F. W. Dodge Corporation, New York, Anno edizione: 1960
Note:

CODICE IDENTIFICATIVO: ITICCUPMI0002850. Traduzione di Amate l'architettura a cura di Giuseppina e Mario Salvadori, Prefazione di Mario Salvadori


Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
56.0
esercitazione
39.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
62.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
The History of modern and contemporary arxhirecture discipline will show some theoretical experience and case-studies that can help the students to address the assigned project. Il modulo di Storia dell'architettura moderna e contemporanea intende presentare una rassegna di riflessioni teoriche e casi-studio che possano aiutare lo studente ad affrontare il tema di progetto. _______ ■ _______
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
27/09/2020