logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2016/2017
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 099410 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE
Docente Capolongo Stefano , Chierici Pietro , Galuzzi Paolo
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZI099410 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1145) SCIENZE DELL'ARCHITETTURASCAAZZZZA099410 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Contenuti e finalità dell'insegnamento

È ormai noto come la riqualificazione urbana della città contemporanea – e più in generale l’odierno processo di rigenerazione che interessa il fenomeno urbano – si basi su un approccio sostenibile di trasformazione e rigenerazione dal suo interno, in grado di evitare nuovi consumi di suolo e finalizzata alla valorizzazione delle risorse esistenti. Per rispondere alle articolate esigenze di organizzazione/previsione delle funzioni strategiche per il territorio, si presuppongono visioni progettuali strategiche dove le dotazione di servizi, quali elementi propulsivi della trasformazione urbana, costituisce un criterio fondante per la riqualificazione e la trasformazione delle aree che necessitano di un profondo ripensamento urbanistico, ambientale, gestionale, sociale ed economico.

Il Laboratorio di Progettazione Finale si pone l’obiettivo di indagare le soluzioni progettuali, paesaggistiche e spaziali riguardanti aree di trasformazione urbana strategiche nella città di Milano, caratterizzate dalla compresenza di funzioni pubbliche e private di interesse collettivo locale e sovralocale, ad alta complessità. Le attività di ricerca e sperimentazione progettuale riguarderanno funzioni universitarie, ospedaliere, ricettive e sportive, che connotano fortemente l’ambito di indagine e che necessitano di riorganizzarsi ed espandersi, riqualificando ed ampliando il proprio assetto urbanistico ambientale e il proprio patrimonio edilizio.

Tra le architetture per la salute, l’ospedale rappresenta oggi sempre più l’occasione di generare nuove attività funzionali alla vita urbana, quali ad esempio luoghi per la ricerca, la formazione, i servizi ricettivi, oltre la capacità di sviluppare incubatori d’impresa e/o poli di trasferimento tecnologico, propulsori della rigenerazione economica quindi sociale della città. L’obiettivo del Laboratorio è pertanto quello di evidenziare un nuovo approccio relazionale che connota il progetto ospedaliero in sinergia con altre funzioni urbane all’interno di un sistema a rete: particolare attenzione è riservata all’inserimento di tali attrezzature sanitarie e ospedaliere in un contesto urbano ad elevata complessità. Si rende pertanto necessario sviluppare la capacità di interpretare le particolari necessità delle funzioni strategiche secondo tematiche specifiche del progetto architettonico e urbano, con riferimento alla grande e articolata scala di intervento.

L’area di “Città studi” è ritenuta ambito di forte interesse, in particolar modo per quanto riguarda il tessuto urbano che oggi giorno vede insediate funzioni universitarie (Università degli Studi di Milano) e ospedaliere (Istituto Nazionali dei Tumori e Istituto Neurologico Carlo BESTA) di interesse nazionale ed internazionale. Tale ambito, localizzato nel quadrante Est della città di Milano, diviene quindi l’occasione per sperimentare con riferimento a un tessuto storicizzato e stratificato come quello di Città Studi, scenari di coabitazione di grandi attrezzature urbane di diversa natura, capaci di rigenerarne e qualificarne nel tempo la qualità urbana, ambientale e sociale di questo brano di città. L’equilibrio tra i “pesi” relazionali delle funzioni specialistiche (assistenza sanitaria, ricerca, didattica, polo di trasferimento tecnologico, spazi ricettivi, etc.) è tra gli elementi imprescindibili per un innalzamento della qualità dei servizi esistenti e la vivibilità complessiva del quartire.

Le strategie di pianificazione sperimentate durante l’attività di laboratorio saranno orientate verso un approccio multidisciplinare in cui i piani di sviluppo urbano sono considerati reali promotori di Salute Pubblica, ovvero strumenti fondamentali per il miglioramento della qualità dell’abitare nelle città contemporanee. In questo contesto si afferma il cosiddetto “Healthy urban planning”, disciplina che intende promuovere best‐practices per la trasformazione delle città in spazi urbani capaci di promuovere l’adozione di stili di vita attivi. Le strategie urbanistiche, in sinergia con la componente igienico‐sanitaria, sono determinanti nell’incoraggiare la popolazione ad effettuare scelte di viaggio sostenibili, migliorando la qualità dell’ambiente costruito e le connessioni tra luoghi.

 

 


Note Sulla Modalità di valutazione

Organizzazione della didattica e frequenza

Il lavoro degli studenti comprenderà la conoscenza dell’area di progetto e dell’intorno urbano, lo studio del programma funzionale e degli esempi di progetti ospedalieri di riferimento, l’impostazione di un masterplan d’insieme e lo sviluppo del progetto nei suoi aspetti tipologico-distributivi, architettonici e di inserimento contestuale.

Sono previste comunicazioni finalizzate alla trasmissione dei principi della progettazione architettonica e urbana e della progettazione ospedaliera e alla presentazione degli esempi di riferimento, lavoro in aula svolto mediante la suddivisione in gruppi di lavoro e con il supporto dei docenti e scadenze seminariali intermedie di presentazione e revisione collettiva dei progetti. L’obiettivo è quello di favorire il confronto reciproco tra gli studenti, la revisione critica costante dei risultati e l’interazione dei livelli teorici ed empirici nel ragionamento sul progetto. Pertanto, la frequenza al corso e la presenza ai momenti di verifica/ valutazione intermedia sono ritenute obbligatorie.

Modalità d'esame
L’esame consiste in una prova orale di esposizione degli elaborati progettuali, unitamente a domande sui contenuti del ciclo di lezioni e sulla bibliografia sotto riportata. La valutazione verrà effettuata tenendo conto della qualità del progetto elaborato e della capacità dello studente di presentarlo con riferimento agli argomenti ed ai temi trattati nel laboratorio.
Il voto finale di esame sarà determinato dall’esito dell’esame e dalla valutazione complessiva dell’operato dello studente nel laboratorio. La votazione conseguita nelle prove intermedie costituirà contributo integrativo alla valutazione finale.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaS. Capolongo, Qualita' urbana, Stili di vita, Salute, Editore: HOEPLI, Milano, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaM. Buffoli, Urban Health: strategie per la sostenibilit  urbana, Editore: Franco Angeli, Milano, Anno edizione: 2014
Risorsa bibliografica obbligatoriaGaluzzi P., Vitillo P., Rigenerare le citt , Editore: Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN), Anno edizione: 2008
Risorsa bibliografica obbligatoriaS. Capolongo, Edilizia ospedaliera. Approcci metodologici e progettuali, Editore: Hoepli, Milano, Anno edizione: 2006
Risorsa bibliografica facoltativaNickl-Weller C., Nickl H., Hospital Architecture. , Editore: Braun, Berlin, Anno edizione: 2013
Note:

2007 (prima edizione) e 2013 (seconda edizione) per i casi studio di architetture per la salute quali occasioni di rigenerazione urbana


Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
19.0
esercitazione
23.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
Eventuale altro materiale bibliografico indicato dai docenti del corso durante le lezioni ex-cathedra / revisioni.
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
05/12/2020