logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2015/2016
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 097349 - STORIA DEL DESIGN E DELL'ARCHITETTURA
Docente Zuco Gabriella
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1090) DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALEP3 AZZZZ097349 - STORIA DEL DESIGN E DELL'ARCHITETTURA
P4 AZZZZ097349 - STORIA DEL DESIGN E DELL'ARCHITETTURA
P5 AZZZZ097349 - STORIA DEL DESIGN E DELL'ARCHITETTURA
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1156) DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALENDVFUZZIZZZZ082558 - STORIA DELLE ARTI, DEL DESIGN, DELL'ARCHITETTURA
PROFUZZIZZZZ082558 - STORIA DELLE ARTI, DEL DESIGN, DELL'ARCHITETTURA

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Il corso ha uno svolgimento articolato su lezioni di inquadramento generale al tema della casa, con particolare riguardo all’evoluzione dell’architettura e dei suoi oggetti nella cultura moderna dell’abitare. Nella lettura del rapporto uomo-spazio-oggetto e delle ragioni che ne hanno determinato le forme, i temi trattati sono:

- Il rapporto tra “architettura” e “design”

- l’evoluzione dell’architettura, dello spazio e dell’arredo domestico dal medioevo all’ottocento: dalla ricchezza della decorazione alla semplificazione formale degli Shakers.

- Il caso Thonet.

- I principi della modernità nel periodo liberty: Macintosh, Horta, la scuola di Nancy, Gaudì, Van de Velde, la secessione viennese. Il caso italiano: Sommaruga, Basile, D'Aronco, Bugatti e Quarti.

- Le Avanguardie storiche: futurismo, costruttivismo russo, espressionismo, cubismo boemo.

- Il neoplasticismo: Van Doesburg e Rietveld

- Le diverse anime del razionalismo europeo: la Bauhaus, Gropius, Breuer, Mies Van der Rohe, Le Corbusier, Aalto.

- Il manifesto dell’abitare moderno: il quartiere Weissenhof, la cucina di Francoforte

- L’altra cultura della modernità: il déco, Loos, Mallet-Stevens e Chareau

- La cultura italiana durante il fascismo: Ponti, Lancia, Portaluppi.

- L’Italia verso il rinnovamento: la IV, V e VI e VII triennale, Figini, Pollini, Libera, Albini, Bottoni e il mobile italiano.

- La figura e l’opera di Terragni

- L’influenza americana: l’opera di F.L. Wright

- Il secondo dopoguerra: il rinnovamento e la complessità delle forme degli anni ’50; Eames, Saarinen, etc.

- L’inquietudine italiana del dopoguerra: Mollino; gli anni '50; il neoliberty; Caccia Dominioni.

- La figura e l’opera di Gio Ponti.

- Utopie ed avanguardie: Archigram, Methabolist e la loro influenza sulla cultura degli anni ’60.

- La casa tra innovazione figurativa e ricerca: Albini, Viganò; Mangiarotti, Magistretti; Joe Colombo, Sottsass; la Biennale degli Interni a Firenze 1965; la casa è un abitacolo, etc.

- Il “compasso doro” ed il successo del design italiano. Le triennali del dopoguerra. La contestazione ed il movimento radical

- la libertà e la complessità espressiva degli anni ’70 ed ’80, il postmodern, le case alle Triennali del 1983, il progetto domestico;

- La contemporaneità e le tendenze in atto: decostruttivismo e minimalismo. Contaminazioni fra spazio e oggetto.

 

 


Note Sulla Modalità di valutazione

La valutazione avverrà sulla base della conoscenza dei contenuti trattati nelle lezioni e inclusi nella bibliografia, attraverso l’esame finale orale.

 


Bibliografia

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
43.0
esercitazione
7.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
Le indicazioni bibliografiche saranno fornite in apertura del corso
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
27/09/2020