logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2015/2016
Scuola Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 096346 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA II
Docente Brenner Klaus Theo , Setti Giulia , Valente Ilaria Pamela Simonetta
Cfu 14.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1136) ARCHITETTURAA12AZZZZA096346 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA II

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Prof. Klaus Theo Brenner, Berlino

Prof. Ilaria Valente

Prof. Giulia Setti

 

Città alla terza – BloccoCasaMilano

 

L’atelier di progettazione Città alla terza – BloccoCasaMilano si concentra su due livelli di intervento urbano per un luogo concreto a Milano: l‘area della Caserma Montello. 

Si tratta,  inizialmente, di progettare la struttura diversificata di un isolato complessivo con cortili, strade, piazze, vie e giardini per l’intera superficie dell’area e di riprodurre poi, tridimensionalmente, questo isolato. In seguito, ci si dedicherà allo sviluppo dettagliato del progetto per una tipologia abitativa (la casa) che faccia parte del concetto di isolato come sistema modulare, rielaborando volumi differenziati, quali tetto, loggia, balcone, terrazza, facciata e una struttura dalle molteplici declinazioni nell’aspetto generale e nella sua pianta.

 

Il titolo Città alla terza di questo seminario di progettazione si riferisce sia alla stretta sinergia tra ‘uomo, abitante e passante’, sia ad un’architettura urbana tridimensionale esigente nelle sue diverse accezioni di isolato, casa e appartamento.

 

Con questo scopo si intende affrontare, da una parte, la molteplicità d’uso e la complessità delle condizioni di vita, dall’altra si affronta, in questo contesto specifico, l’architettura urbana nelle sue diverse accezioni e stratificazioni tipologiche, giungendo fino alla scala del dettaglio. Un’architettura nella tradizione dell’urbanistica europea, eterogenea e complessa, senza alcuna tendenza al design, che si orienta allo spazio urbano e alla strada. Questa pretesa di qualità implica un’indagine sui modelli europei di città e architettura (con particolare riferimento al contesto milanese), e sulle tipologie che, nel contesto internazionale, possono costituire modelli di riferimento per il progetto di un’architettura moderna destinata alla città.

 

Il progetto viene realizzato in quattro fasi, procedendo per ogni stadio dall’astratto al concreto, dal grande al piccolo, così che il percorso conduca a un risultato autonomo e in sé concluso. La presentazione e l’esposizione finale costituiscono la somma dei singoli risultati (analogamente a come si procede con la valutazione). Questo significa che durante l’intero semestre si susseguono le presentazioni di progetti a sé stanti. Ogni fase progettuale è un risultato definito che si basa su consegne di volta in volta precise e ben determinate, che sono vincolanti per tutti i partecipanti.

 

1a fase: Il concetto di isolato (Blocco)

- Planimetria che includa i dintorni, M 1:1.000 (b/n)

- Veduta aerea di Google con progetto, M 1:4.000 (b/n)

- Assonometria del concetto di isolato, M 1:1.000 (b/n)

- Modello in gesso di isolato, M 1:1.000

 

2a fase: Tipologia abitativa (Casa)

- Assonometria, volumetrica M 1:1.200 (b/n)

- Modello in gesso, M 1:1.200

 

3a fase: Progetto dell’edificio (Casa)

- Piante, sezioni, prospetti, M 1:1.200 (b/n) 

 

4a fase: Immagine urbana (Città)

- Rappresentazione prospettica di una situazione-tipo, disegnata dal punto di vista di un pedone (a colori).

 

Nel suo complesso, il progetto si compone di 4 fasi, 2 modelli, 7 fogli da disegno in DINA 1.

Le scale dei disegni e la modalità di rappresentazione grafica vanno concretizzate e comunicate nel dettaglio nel corso del semestre. I materiali didattici di base verranno pubblicati nel sito “Beep”, così come bibliografie tematiche verranno indicate all’inizio del laboratorio e a corredo delle lezioni.

 

Il modulo integrativo di Caratteri tipologici dell’architettura (Prof. Ilaria Valente) consisterà in una serie di lezioni sul tema della casa e dell’isolato urbano milanese. Con l’obiettivo di definire il mutare dei caratteri dell’architettura urbana, l’illustrazione degli esempi avrà come sfondo le modificazioni delle idee di città e dei paradigmi progettuali e tratterà in particolare del rapporto con il tessuto urbano, della determinazione, contaminazione e ibridazione dei caratteri tipologici dell’architettura, del rapporto tra forma e costruzione.

 

Il modulo integrativo Architettura del Paesaggio si concentrerà su una serie di contributi legati al rapporto tra spazio aperto e spazio costruito nella definizione dell’isolato urbano, nonché su alcuni temi evocativi nella determinazione tipologica del concetto di spazio aperto. Attraverso una serie di contributi e lezioni teoriche si affronterà il mutare del ruolo e delle condizioni del ‘paesaggio’ nel contesto architettonico contemporaneo, con particolare attenzione alla centralità che la valorizzazione dello spazio aperto ha avuto nella definizione di interventi residenziali recenti. Lo spazio aperto e le sue declinazioni progettuali diventeranno, dunque, fulcro e tema di discussione nel corso del semestre.


Note Sulla Modalità di valutazione
 

Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaKlaus Theo Brenner, Die gute Stadt, Editore: Gebr. Mann, Berlin, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaKlaus Theo Brenner, Spazio Urbano, Editore: Wasmuth, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaKlaus Theo Brenner, Timeless City Architecture, Editore: Wasmuth, Anno edizione: 2015
Risorsa bibliografica obbligatoriaKlaus Theo Brenner, Razionalisti Berlinese, Editore: AION, Firenze, Anno edizione: 2010
Risorsa bibliografica obbligatoriaChrist & Gantenbein, Typology, Review No. II + No. III, Editore: Zurich, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaFirley and Stahl, The Urban Housing Handbook, Editore: Wiley and Sons, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaPiero Bottoni, Antologia di edifici moderni in Milano, Editore: Domus edizioni, Milano, Anno edizione: 1954
Risorsa bibliografica obbligatoriaMaria Grazia Folli, Tra novecento e razionalismo, architetture milanesi 1920-1940, Editore: Clup, Milano, Anno edizione: 1991
Risorsa bibliografica obbligatoriaIlaria Valente, Sei case milanesi / Rassegna di Architettura e Urbanistica, n. 89/90, , Anno edizione: 1996
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Biraghi, Gabriella Lo Ricco, Silvia Micheli (a cura di), Guida all'Architettura di Milano, Hoepli, Milano, 2013, Editore: Hoepli, Milano, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaCino Zucchi, Nina Bassoli (a cura di), Innesti grafting. Vol 2- Milano. Laboratorio del moderno, MiBAC-Biennale di Venezia, , Editore: Marsilio, Venezia, Anno edizione: 2014
Risorsa bibliografica obbligatoriaMaurizio Grandi, Attilio Pracchi, Milano. Guida all'architettura moderna, Editore: Zanichelli, Bologna, Anno edizione: 1980

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
50.0
esercitazione
34.0
laboratorio di progetto
84.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
11/08/2020