logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 091888 - LABORATORIO DI SINTESI FINALE
Docente Baule Giovanni , Calabi Daniela Anna , D'Abbraccio Vincenzo , Quaggiotto Marco
Cfu 18.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1162) DESIGN DELLA COMUNICAZIONEC_1AZZZZA091888 - LABORATORIO DI SINTESI FINALE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Luoghi di comunicazioneNuova editoria e microcosmi metropolitani.

Sistemi e artefatti comunicativi per le identità territoriali.

 

Un dato va sempre più affermandosi: una nuova, profonda contiguità tra editoria digitale e comunicazione del territorio. È dovuta alle tecnologie che supportano dispositivi capaci di intrecciare dati, informazioni, contenuti diversi con artefatti comunicativi che li contengono.
La geolocalizzazione, inoltre, lega indissolubilmente e in modo biunivoco luoghi e contenuti testuali mono e multimediali oltre a coinvolgere tutti gli attori che sono partecipi del sistema comunicativo.
Questa più stretta contiguità produce: a) mappe profonde, dispositivi per format multimediali; b) profonde modificazioni nello statuto degli artefatti.

 

Il Laboratorio di progetto nasce nell'ambito dell'area di ricerca relativa al Design per la Nuova Editoria postdigitale e a quella relativa al Design della Comunicazione per il Territorio (DCxT) (www.atlaslab.org). il laboratorio si propone dunque di incrociare un doppio livello di riferimento.

 

1 - La "nuova editoria": con le tecniche, i linguaggi e i sistemi per dispositivi mobili analogico-digitali permette un'editing e un'implementazione di contenuti in grado di localizzarsi sul territorio: discorsi relativi ai luoghi, che nascono da luoghi, che si fruiscono nei luoghi, che si fissano sui luoghi. È editoria, e comunicazione, sempre più "glocale" e esige adeguati format. Contenuti su temi del locale, tecnologie di geo-localizzazione, dispositivi mobili determinano una comunicazione sensibile ai luoghi.

L'editoria digitale è crossmedialità: convergenza assoluta di ciò che un tempo era separato nei supporti tecnici e ora spinge ad evolvere la specificità dei linguaggi; mescola testi, immagini fisse e cinetiche, video, audio, impaginati interattivi. Lavora per "format di convergenza" su dispositivi mobili.

 

2 - Il territorio: è sempre più definibile per micro-zone che corrispondono ad aree di relazione: non solo in senso spaziale, ma anche su quello di plurime identità comuni  e di comuni contenuti di riferimento. Si crea un nuovo legame di contenuti, di esperienza tra la virtualità e i luoghi fisici. Si comunica "nel" territorio. -

 La realtà dei luoghi viene vissuta come "aumentata" quando nella percezione degli spazi convergono contenuti e comunicazione come relazione tra persone, non solo utenti di informazioni e servizi. L'esperienza dei luoghi e l'esperienza dei contenuti della nuova editoria sono inseparabili: l'interazione di contenuti e luoghi è continua e condivisa; disegna itinerari e percorsi, mappe che generano contenuti, contenuti che generano mappe, atlanti "locali".

 

Questo scenario apre alla sperimentazione di prototipi comunicativi: format e artefatti per la nuova editoria che si confrontano e si connettono a luoghi, dispositivi e sistemi multimediali che si interfacciano con il territorio, strumenti e reti comunicative che lavorano non solo sui servizi, o sulle informazioni, o sullo scambio di dati ma su blocchi di contenuti ora legati ai luoghi con nuove forme di relazione.

 

La "nuova editoria per la comunicazione del territorio" rappresenta un punto d'incontro che sperimenta nuovi formati comunicativi in consonanza con le innovazioni in area tecnologica lavorando sull'ibridazione di tipologie di formati preesistenti.

 

Se studi di diverse aree disciplinari convergono su una dimensione territoriale che integra la componente comunicativa a diversi livelli, dove il territorio si propone non solo come rappresentazione cartografica ma come spazio percepito, vissuto, praticato, obiettivo specifico del design della comunicazione è allestire strumenti per un'esperienza partecipata dei luoghi, è costruire percorsi privilegiando "punti di vista" non convenzionali, creando nuovi e imprevisti itinerari di accesso.

 

- Un primo livello dell'attività laboratoriale è dedicato ad interventi teorici, contributi esemplificativi, a riferimenti bibliografici idonei e a fornire strumenti analitici e di metodo per l'avvio delle esplorazioni territoriali e dei concept di artefattiSegue l'individuazione di luoghi significativi sui quali insistono diversi possibili "discorsi", sulla base di documenti, dati, narrazioni.

- Un secondo livello, dedicato allo specifico concept di progetto, ipotizza veri e propri format editoriali per l'esperienza e la comunicazione praticata del territorio.

- La fase di produzione - alla quale verrà dedicato ampio spazio - prevede, in un'alternanza di tecniche diverse, la realizzazione di format sperimentali, artefatti strutturati per la comunicazione del territorio.


Note Sulla Modalità di valutazione

La valutazione avviene sulla base degli elaborati richiesti e degli approfondimenti necessari prodotti (ricerche analitiche, artefatti). 
Si verificano innanzitutto la coerenza con il brief dato, la qualità e l'originalità di interpretazione, la completezza di sviluppo, il grado di autonomia con ie quali vengono elaborate le ipotesi progettuali.

Sono previste prove in itinere obbligatorie per verificare gli stati di avanzamento teorico e progettuale, il cui esito concorre a determinare la valutazione finale in aggiunta a una discussione conclusiva sul progetto.
 Nel corso del laboratorio e soprattutto nella verifica complessiva finale sono valutati la competenza e il contributo individuale al progetto.
 Durante il semestre sono previste verifiche degli stati di avanzamento dell'attività progettuale.


L'attività di laboratorio si conclude con la presentazione e la discussione seminariale degli elaborati, con valutazione finale e attribuzione del voto.

 Solo per gli studenti che, per giustificati e documentati gravi motivi, non hanno potuto concludere l'attività e sostenere l'esame, si ammette che la valutazione possa essere rimandata ad una ulteriore prova.

Modalità d'esame

La valutazione avviene con la presentazione e la discussione conclusiva sugli elaborati e l'attribuzione del voto.

 Solo per gli studenti che, per giustificati e documentati gravi motivi, non hanno potuto concludere l'attività e sostenere l'esame, si ammette che la valutazione possa essere rimandata ad una ulteriore prova.

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Quaggiotto, Cartografie del sapere, Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 2012, ISBN: 9788820408541
Note:

Saggio incluso: Giovanni Baule, 'Interfacce di riconfigurazione. L'accesso comunicativo ai luoghi del sapere'

Risorsa bibliografica obbligatoriaGiovanni Baule, La traduzione visiva, in AA VV, 'Copy in Italy. Autori italiani nel mondo, Editore: Effigie, Anno edizione: 2009, ISBN: 9788889416495
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiovanni Baule, Intersezioni. Pratiche di scrittura del progetto, Editore: Mimesis Edizioni, Anno edizione: 2013, ISBN: 9788857521060
Note:

in Antonella Penati (a cura di), 'E' il design una narrazione?', Design e narrazioni 1.

Risorsa bibliografica obbligatoria'I colori di Milano, percorsi e generi letterari del '900 www.portaletture.org/icm/
Note:

A cura di Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori

Risorsa bibliografica obbligatoriaATLASlab. Ricerche e progetti sulla comunicazione del territorio www.atlaslab.org
Note:

Mappe, guide, sistemi, tecnologie per l'accesso urbano.


Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
120.0
esercitazione
30.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
9.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
21.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
30/11/2020