logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 096346 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA II
Docente Contin Antonella , Ortiz Castano Pedro Bernardo , Shane David Grahame
Cfu 14.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1136) ARCHITETTURAA12AZZZZC096346 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA II

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

METROPOLITAN ARCHITECTURE. DOWNSTREAM LONDON. EAST OF EDEN

C'è una grande ricchezza di materiale sulla proposta Thames Gateway presentata dall'ultimo governo laburista per l'espansione est di Londra nell’entroterra del suo vecchio porto industriale. Richard Rogers e Farrell per esempio entrambi hanno contribuito a questa visione, e alcune delle loro proposte sono state accettate, come la linea trasversale della rotaia in costruzione a Londra in questo momento e l’idea di una grande 'cross-river park'. Nell’area, ci sono mega-progetti in costruzione oggi, tra cui un nuovo porto container, indipendente dalla proposta dell'aeroporto di Foster e la richiesta di una nuova grande diga sul Tamigi per prevenire a Londra le inondazioni. C'è anche l'enorme centro commerciale Blue Water sulla tangenziale ... e la ferrovia ad alta velocità che passa sotto il Tamigi a Ebbsfleet con una nuova stazione e la proposta di una nuova città. C’è poi la proposta di nuovi ponti.

L’area quindi è un’area molto complessa e si presta alla definizione di numerosi temi di architettura metropolitana, dai progetti tipologicamente più complessi, alla definizione di una nuova ipotesi di tessuto urbano, al progetto architettonico delle infrastrutture, al paesaggio. In particolare c'è una zona di vecchie cave di ghiaia verso la foce, che potrebbe diventare una città arcipelago, come proposto da Shane o il cui sviluppo potrebbe essere gestito secondo il modello metropolitano della metro matrix di Ortiz e poi c'è la valle del fiume Medway che scorre nell’area da sud, una sorta di enclave con un paesaggio proprio e ben distinto, che potrebbe essere un sito molto interessante per una nuova ipotesi di tessuto metropolitano come prototipo per la definizione di una relazione attivatra la grey e la green infrastructure.

Come sfondo, allora, di quelle che saranno le nostre proposte, analizzeremo i numerosi progetti già presentati, quello di Foster per esempio che ha utilizzato l’ estuario stesso come un arcipelago per il suo aeroporto, per nuove città, e un porto ecc , o l'enclave della Isle of Sheppey con la proposta dell’aeroporto fatta negli anni 60. Li studieremo cercando di estrarre alcune delle regole fondamentali di quella che chiameremo Architettura Metropolitana. Poi, dopo una prima analisi dell’area e ipotizzando diverse domande e temi di ricerca, attraverso il dibattito tra i nostri visiting professor il prof. Ghane della Columbia University e il prof. Ortiz, senior consultant di World Bank, affronteremo la discussione sui due modelli della struttura urbana metropolitana, quello della matrix e quello dell’arcipelago, fino al progetto locale scelto che avrà come domanda di ricerca generale : a quale scala lavorare e come si intendono integrare gli elementi del paesaggio, della infrastruttura e dei tessuti con l’ architettura alla nuova scala metropolitana?

Parallelamente al Corso si svolgerà un workshop opzionale a Londra presso la Greenwich University.

 

AZIONI / INTERVENTI / INFRASTRUTTURE

Introduzione all’area 

La zona ad est di Greenwich, a Londra, è un paesaggio di trasformazioni spaziali continue, di infrastrutture in mutazione e di adiacenze inaspettate. Si tratta di un mosaico, non soggetto ad una rigida pianificazione, di industrie in declino, grandi centri di distribuzione, quartieri residenziali, ambienti ecologicamente resilienti e storie peculiari. Questo paesaggio si estende verso est lungo il Tamigi, da Greenwich verso i confini della Greater London. Questa è una parte marginale della città, dove le vite degli individui e l’efficacia del sistema legislativo sono spesso confinate in una posizione subordinata ad una forza dinamicamente crescente, per costituire una zona di servizi alla città attraverso infrastrutture per la fornitura di energia e acqua, lo smaltimento dei rifiuti e la presenza di reti di forze militari, di centri di commercio internazionale e di distribuzione regionale. La zona ad est di Greenwich, a Londra, è a valle della città di cui fa parte ma ben lontana dall’immagine di Londra, come capitale globale e meta turistica.

Il progetti di un network di spazi pubblici e paesaggi alla scala urbana e metropolitana

L'obiettivo del progetto è di ri-immaginare questo paesaggio eterogeneo di South East London, da East Greenwich a Belvedere. I progetti indagheranno sulle infrastrutture future e le nuove tipologie create attraverso azioni e processi, che ridefiniranno i rapporti tra le persone e la città. I progetti esploreranno le condizioni infrastrutturali specifiche dell’area, che comprendono reti ferroviarie regionali, centri di distribuzione, super-fogne, riserve naturali, strade pedonali e reti fluviali, nel contesto di autostrade storiche, attraversamenti fluviali, opere fognarie e caserme; per arrivare a definire quali siano i luoghi precisi in cui dare forma alla architettura e al suo spazio pubblico. Attraverso la ricerca sulle esistenze, gli spazi e i processi che costituiscono questo paesaggio urbano, si formuleranno proposte per nuove azioni, interventi e infrastrutture. Le proposte prenderanno in considerazione l'interrelazione tra i singoli atti sociali, ecologici e spaziali e i grandi interventi infrastrutturali. Esse potranno riutilizzare reti esistenti, in fase di deterioramento o in disuso o proporranno nuove azioni strategiche per dare forma a nuove infrastrutture urbane legate a nuovi spazi pubblici metropolitani. Si impiegheranno modalità creative di lavoro per ideare futuri che tengano conto del carattere mutevole dei processi che progettano e costruiscono i paesaggi urbani e metropolitani. I progetti potranno domandarsi: come possono piccoli eventi in ambito sociale, territoriale ed ecologico affermare una loro presenza e “improntare” questo vasto paesaggio? Qual è lo scopo delle infrastrutture nella Londra di oggi? Possono infrastrutture emergenti essere aggregate dalla scala piccola di queste azioni? E questi futuri saranno pianificati come forme permanenti e determinanti o saranno eventi improvvisati e fugaci?

Workshop

Il Workshop Urbanism è un workshop di 10 giorni (21-30 novembre 2014) presso l'Università di Greenwich, Londra. Esso riunisce studenti, docenti e ricercatori, che lavorano, nell’ambito di una trasversalita’ che attraversa architettura e landscape architecture, presso l'Università di Greenwich e il Politecnico di Milano. Il workshop unisce progetto in loco e tour di Londra, laboratori, lezioni e presentazioni. Avrà il suo punto culminante in una presentazione di progetti per siti specifici tra Est Greenwich e Belvedere. Il Workshop Urbanism è il frutto di una collaborazione tra il gruppo di ricerca Advanced Landscape and Urbanism (ALU), presso il Department of Architecture and Landscape all’Università di Greenwich, e il Politecnico di Milano.


Note Sulla Modalità di valutazione

La Prova di Esame verterà nella valutazione complessiva di gruppo delle attività sviluppate in sede di laboratorio progettuale.

Anche la presentazione e discussione dell’attività svolta in modo autonomo dall'allievo, nell'ambito degli insegnamenti e nel corso di tutto il semestre, sarà un importante elemento della valutazione di gruppo finale. 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaA. Contin, QUESTO, Editore: Maggioli Ed., Anno edizione: 2014
Risorsa bibliografica obbligatoriaP. Ortiz, The art of shaping the metropolis , Editore: Mc Graw hill,, Anno edizione: 2014
Risorsa bibliografica obbligatoriaG.Shane, Recombinant Urbanism, Editore: John Wiley & Sons, Anno edizione: 2005
Risorsa bibliografica obbligatoriaA. Chiesa, Ecology for architecture, Editore: Libraccio Editore, Anno edizione: 2011
Risorsa bibliografica obbligatoriaEd Wall, Infrastructural Form, Interstitial Spaces and Informal Acts, in T. Hauck, R. Keller, V. Kleinekort, Infrastructural Urbanism, Editore: Dom pub., Anno edizione: 2011

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
50.0
esercitazione
34.0
laboratorio di progetto
84.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
27/09/2020