logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 096505 - EXHIBITION DESIGN STUDIO
Docente Bosoni Giampiero , Migliore Lodovico
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1092) DESIGN DEGLI INTERNI - INTERIOR DESIGNI_3AZZZZA096505 - EXHIBITION DESIGN STUDIO
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1161) INTERIOR DESIGNI_3AZZZZA096505 - EXHIBITION DESIGN STUDIO

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Per un'evoluzione genetica del metabolismo urbano
OPEN NEIGHBORHOODS 

Living on the road: services along  the highway

Abitare sulla strada: aree di servizio in fregio all'autostrada

Da alcuni anni il nostro Laboratorio di Progetto si propone di leggere, interpretare e rielaborare il valore specifico del "Design degli interni", sondando il vasto campo "aperto" della ricerca progettuale relativa ai caratteri più profondi e mutevoli dell'abitare, inteso in tutte le sue estensioni, che sono all'origine delle modificazioni della città e del territorio. 

Tale percorso di ricerca ha avuto nel tempo una costante matrice nello sviluppo (in diverse forme, prospettive e luoghi) del concetto di "rifunzionalizzazione" degli spazi interni ed "esterni", in un quadro che abbiamo definito di evoluzione genetica del metabolismo urbano che è da intendersi, oggi più che mai, come città diffusa e/o campagna urbanizzata. Una visione progettuale questa che si fonda sull'analisi e l'innovativa lettura critica delle contemporanee (e prossime venture) condizioni dell'abitare nel fluire delle trasformazioni delle aree urbane sempre più estese nel paesaggio disegnato fortemente dalle infrastrutture del territorio, con tutti i sistemi di servizio correlati, in particolare commerciali. 

Quest'anno il tema di progetto del Laboratorio sarà dedicato alla ridefinizione dei diversi tipi di aree di sosta e di servizio lungo gli assi automobilistici, soprattutto autostradali, con l'intenzione di sperimentare e proporre delle soluzioni innovative, sia in termini funzionali, sia in termini di qualità e d'impatto ambientale. La relazione tra il microambiente dell'automobile, emblematico spazio dell'abitare in movimento, e i luoghi di sosta pensati con diverse funzioni ( aree di sosta, stazioni di servizio, punti di ristoro, ecc.) lungo i principali assi stradali, rappresenta uno dei primi stimoli progettuali su cui riflettere analizzando questo genere di luoghi, spesso sensa relazione con il contesto, ma in molti casi con una forte connotazione funzionale e formale a scala di land-mark territoriale. Un sistema di servizi lungo un percorso lineare (autostrade) o circolare (tangenziali) costituisce un nuovo paesaggio che orienta e organizza i ritmi, non solo del viaggio, ma spesso anche delle abitudini di molti city user pendolari, che trovano in questo sistema vario e diffuso di particolari oggetti-luoghi, per certi versi magnetici, una rivisitata dimensione di molti caratteri funzionali della vita urbana (fare la spesa, pranzare, incontrarsi, usare il bancomat, ecc.), che questo laboratorio propone di analizzare progettualmente attraverso un'opera di morphing rigenerativo.

Con tale ricerca progettuale si propone quindi di verificare questi nuovi scenari extra-urbani con l'intenzione di ripensare e modellare queste diverse e puntuali aree di sosta e di servizio in fregio all'autostrada, luoghi vaghi e iconici abituali punti di riferimento per moltissimi city user (spesso definiti anche non-luoghi), in dinamiche e rinnovate piattaforme di servizio.

Con questo laboratorio intendiamo perciò stimolare e sperimentare delle visioni strategiche ed evolute di questi enzimatici luoghi di interconnessione, proponendo che questo sistema di luoghi sia in grado di partecipare a quello che dovrebbe essere un vitale e qualificante "abitare" dinamico dell'esteso paesaggio urbano contemporaneo, all'interno di un più evoluto e sociale concetto di smart city.   

-------

OPEN NEIGHBORHOODS 

Living on the road: services along the highway

Over recent years our design laboratory seeks to read, interpret and rethink a specific value of “Interior Design”, exploring the vast “open” field of design research related to the deepest and most erratic characters of inhabiting spaces. A wide field, understood in all its extensions, which are probably in the origins of city and territory changings.

Such research process has had, during the time, a constant matrix developing (by different shapes, prospects and places), a concept of interior spaces “refunctionalization”, in a contest that we defined of “genetic evolution of the urban metabolism” meant, today more than ever, as “diffused city” and/or “urbanized country”. A design vision that bases itself on the analysis and an innovative critical observation of the contemporary (and next venture), conditions of inhabiting in the flow of urban areas transformations, ever more extensive, in a landscape strongly designed by territorial infrastructures, with all the service systems correlated, especially the commercial ones.

This year the Laboratory theme of project will be dedicated to the redefinition of the different type of staging posts and services areas along car boards, especially along highways, with the aim of experiment and propone innovative solutions, both functional, that in terms of quality and of environmental impact.

The relation between the car micro-ambient, the emblematic space of living in motion, and the staging posts ideated with different functions (petrol stations, services areas, restoration points, etc.) along the major roads, represents one of the first design stimuli to think about analyzing this kind of places, often without any relation with the surroundings, but in many cases with a strong functional and formal connotation as a territory land-mark.

A service system along the linear path (highways) or circular (beltways) constitutes a new landscape that orients and organizes the rhythms, not only of the trip, but often also of the habits of many commuter city users, that find this various and diffused system of particular objects-places, so to say magnetics, a revisited dimension of many functional characters of urban life (shopping, eating, meeting, etc.), that this laboratory proposes to investigate through regenerative “morphing” action.

With this kind of design research, we propose to verify these new extra-urban scenarios with the intention of rethink and redesign these different and punctual staging posts and services areas along the highways, vague and iconic landmarks for many city users (often defined no-places – non-lieu), into dynamic e renovated service platforms.

Therefore, with this laboratory we intend to stimulate and experiment strategic and evolutionary visions of these enzymatic places of interconnection, proposing that this system of spaces should be able to participate to what it should be a vital, qualifying and dynamic “living” into the extended contemporary urban landscape, within a more evolved social concept of “smart city”.

 

 

 

 


Note Sulla Modalità di valutazione

Il lavoro (da svolgersi in gruppo di due studenti) si articolerà in una fase di ricerca metaprogettuale (problem setting) volta ad analizzare la realtà urbana presa in causa, casi studio particolarmente significativi, volta inoltre ad individuare scenari innovativi per la fruizione della città e per la generazione di nuovi "comportamenti abitativi".
Seguirà una fase di definizione del concept (problem solving) e la messa a punto del progetto in termini allestitivi e comunicativi.
Il Laboratorio prevede:
- una serie di lezioni ex cattedra tenute da professionisti ed esperti esterni alla Scuola e da dai docenti del corso concentrate prevalentemente nella prima parte del semestre;
- seminari tematici con ospiti esterni;
- due prove-verifiche in itinere;
- verifiche individuali dei contenuti bibliografici ed espressi durante le lezioni;
-revisioni ai gruppi di lavoro sul tema di progetto;
-stati d'avanzamento collegiali del progetto (uno dei quali considerato come prova in itinere).

Come tutti i Laboratori in genere anche per questo è prevista la frequenza obbligatoria. 

Modalità d'esame

Durante il semestre sono previste prove in itinere, la cui media concorre a determinare la valutazione conclusiva in fase di consuntivazione.

------

The work (to develop by two students group) will be articulated in a first phase of meta-design research (problem setting) dedicated to analyze the urban reality, pick up significant case studies, in order to individuate innovative scenarios for the city usability and for the new generation of “living behaviors”.

It will succeed a second phase of concept definition (problem solving) and the find turning of the project in terms of communication and arrangement.

The laboratory foresees:

-       A series of ex-cattedra lessons by the laboratory internal professors, external professionals and expert (mostly in first part of the semester);

-       Thematic seminars;

-       Individual examinations about bibliographical contents;

-       Project revisions;

-       Intermediate examination of the project work (one of this will considered an official mid-term review).

As almost all the laboratories the frequency is obligatory.

Exam procedure

During the semester will be scheduled mid-term reviews, which average contribute to determinate the final evaluation.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaAAVV, Il paesaggio delle freeway, Editore: Editoriale Lotus, Anno edizione: 2003, ISBN: X001306972
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiampiero Bosoni, Simbolismo e ritualità nelle architetture per l'automobile - Symbolism and ritual in the architecture for the automobile, Editore: Editrice Abitare Segesta, Anno edizione: 2002
Note:

in numero monografico "Luoghi di culto" di Crossing n.4, giugno 2002

Risorsa bibliografica obbligatoriaIco Migliore, Mara Servetto, Space morphing, Editore: 5 Continents, Anno edizione: 2007, ISBN: 9788874394494
Risorsa bibliografica facoltativaArnaud Sompairac, Stations service, Editore: Centre Georges Pompidou - Supplémentaires, Anno edizione: 1993, ISBN: 2858506388
Risorsa bibliografica facoltativaAugè, Marc, Nonluoghi. Introduzione ad una antropologia della surmodernità, Editore: Elèuthera, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica facoltativaBarbieri, Pepe, Infraspazi, Editore: Meltemi Babele, Anno edizione: 2006
Risorsa bibliografica facoltativaGregory, Paola, Territori della complessità. New scapes, Editore: Torino: Testo & immagine, Anno edizione: 2003
Risorsa bibliografica facoltativaRossi, Aldo, L' architettura della città, Editore: Padova: Editore Marsilio, Anno edizione: 1966
Risorsa bibliografica facoltativaVirilio, Paul, Lo spazio critico, Editore: Bari: Dedalo, Anno edizione: 1998

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
80.0
esercitazione
20.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
6.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
14.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Inglese
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
26/01/2020