logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 091888 - LABORATORIO DI SINTESI FINALE
Docente Galbiati Maria Luisa , Goldoni Katia , Piredda Francesca , Ronchi Marco
Cfu 18.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1162) DESIGN DELLA COMUNICAZIONEC_2AZZZZA091888 - LABORATORIO DI SINTESI FINALE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Social TV: Identità, Transmedia e Narrazioni per l'Innovazione Sociale

Nel laboratorio verranno affrontati aspetti del progetto di comunicazione particolarmente attuali, dedicati a un profilo professionale maturo, di un progettista capace di individuare bisogni emergenti, guidare processi e gestire la complessità di strategie ed artefatti e proporre soluzioni. Ovvero:

  1. Strategia. Il design della comunicazione come strategia progettuale applicata al settore della comunicazione sociale e d’impresa (contesto, target, posizionamento, copy strategy)
  2. Branding. Lo sviluppo dell’identità per il territorio come strumento di dialogo tra gli attori.
  3. Audiovisivo. Il linguaggio e lo storytelling audiovisivo come elementi fondamentali del progetto per i nuovi formati e per i nuovi media.
  4. Transmedia storytelling e transmedia practice: il racconto come leva di un processo e di un progetto di comunicazione innovativo.
  5. Social media advocacy: Principi di social media promotion, di engagement e di relazione tra la comunità reale e quella virtuale. Creazione e gestione della community dal reale (cittadini) al virtuale (social networks).

Il laboratorio propone inoltre un approccio al progetto fortemente collaborativo e centrato sul team di lavoro. Come dimostrano le esperienze delle passate edizioni, gli studenti lavorano in gruppi organizzati secondo competenze strategiche e creative fortemente complementari, che ricalcano le figure professionali delle più tradizionali e consolidate agenzie di comunicazione, integrando competenze e profili che il design contribuisce a introdurre nel mercato del lavoro.

Questo Laboratorio di Sintesi Finale vuole indagare, sperimentare e prototipare racconti intesi come motore di processi identitari e di coinvolgimento a supporto delle nuove esigenze delle comunità territorialmente situate con gli obiettivi di:

  • offrire canali, forme di espressione e di condivisione fra gruppi sociali e comunità di interessi o di pratiche (comunicare, amplificare);
  • costruire un paesaggio narrativo che, attraverso le tecnologie analogiche e digitali, sia capace di interpretare le reali necessità delle persone e attivare delle visioni condivise e sostenibili.
  • diventare un modello per le community sovra-locali.

Il focus territoriale è su Milano, città che sta subendo profonde trasformazioni sociali, economiche e urbanistiche che mettono in crisi o ne modificano l’identità. Un sistema complesso nella cui rappresentazione confluiscono non solo emergenze fisiche, ma anche il modo in cui altri artefatti comunicativi contribuiscono a crearne un’immagine.

In questo contesto si inserisce il progetto di strategie di comunicazione capaci di integrare media tradizionali e canali digitali al fine di:

  • Offrire strumenti di dialogo e interazione tra gli stakeholder e il territorio per la rivitalizzazione degli spazi di vita quotidiani connotati anche dalla dimensione del piacere, oltre che da quella di pubblica utilità;
  • Narrare l’immaginario percepito attraverso l’utilizzo di strumenti innovativi;
  • Favorire la riappropriazione del territorio da parte dei cittadini.

Il progetto riguarderà la produzione di racconti transmediali: ovvero la creazione e disseminazione di un mondo narrativo attraverso diversi canali mediali che, coinvolti per quello che meglio sanno fare, sono capaci di evolvere l’esperienza di fruizione delle audience attraverso processi di engagement, collaborazione e co-creazione.  Strategie, pratiche e format di comunicazione orientate al community building (creazione e sostegno di una community online/offline, sviluppo di un piano editoriale per sostenere la strategia), all’innovazione sociale (costruzione di un network collaborativo attraverso la Transmedia Practice), e alla sperimentazione di nuovi processi produttivi (modelli di business sostenibili, crowdsourcing e crowdfunding). Strategie che possano mettere in relazione le storie e le comunità locali con la dimensione universale delle storie e dei modelli di innovazione, coinvolgendo editori e altri attori (co-branding, product placement) capaci di promuovere modelli originali di generazione di contenuti. Gli studenti elaboreranno semilavorati (foto, schizzi, mappe mentali, interviste, appunti, parole chiave), svilupperanno la strategia transmediale (copy strategy e paper format) e produrranno materiale audiovisivo originale da inserire in Plug Social TV (www.facebook.com/plugsocialtv): la piattaforma di comunicazione che utilizza i social network e le web-series per il coinvolgimento della comunità e la catalizzazione di azioni sul territorio.

E' possibile promuovere il dialogo sociale attraverso la comunicazione? Come può il design della comunicazione costruire un paesaggio umano aperto e partecipativo nella società contemporanea? Ascolto, partecipazione e coinvolgimento (engagement) rappresentano i nodi fondamentali del progetto di comunicazione transmediale. Un fenomeno che risponde alla complessità contemporanea supportando il dialogo attraverso l’uso dello storytelling, e permettendo alle persone di prendere coscienza del ruolo ricoperto nel mediascape attraverso: la possibilità di accedere ai contenuti in modi diversi e sempre più coinvolgenti e la partecipazione ai processi di creazione e significazione dei mondi narrativi. 


Note Sulla Modalità di valutazione

La frequenza è obbligatoria.

Il laboratorio dà molto spazio alle revisioni di progetto e prevede delle presentazioni intermedie e attività di workshop con i partner. La presentazione finale avverrà prima della fine effettiva del corso, per consentire un’ulteriore elaborazione dei progetti, a seguito dei commenti ricevuti. L’esame si svolgerà con la consegna dei materiali definitivi, secondo le modalità indicate di seguito. In quest’occasione, verranno assegnati i voti stabiliti in base ai criteri di valutazione.

Il voto finale sarà il risultato della media ponderata dei voti intermedi. Verrà inoltre tenuto conto della presentazione intermedia e finale e dell’esercizio realizzato nella fase propedeutica. Infine, verrà presa in considerazione la partecipazione attiva del singolo studente al laboratorio e al lavoro di gruppo, tenendo conto delle presenze e delle revisioni. Da queste ultime, infatti, emergeranno la capacità dello studente di focalizzare il tema e gli obiettivi del laboratorio, di generare, sviluppare e presentare idee creative oltre che di interpretare i suggerimenti e gli stimoli dei docenti, di lavorare in gruppo in modo collaborativo e di partecipare attivamente al laboratorio. Il libro Visioni urbane. Narrazioni per il design della città sostenibile, è obbligatorio, gli altri sono vivamente consigliati.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaGalbiati M., Piredda, F. (a cura di), Visioni urbane. Narrazioni per il design della città sostenibile, Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 2012, ISBN: 9788820405588
Risorsa bibliografica obbligatoriaGalbiati M., Piredda, F., Design per la WEBTV. Teorie e tecniche per la televisione digitale, Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 2010, ISBN: 9788856810301
Risorsa bibliografica facoltativaPiredda, F., Design della comunicazione audiovisiva. Un approccio strategico..., Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 2008, ISBN: 9788846498694
Note:

...per la "televisione debole"

Risorsa bibliografica facoltativaAscher, S., Pincus, E., The Filmmaker's Handbook: A Comprehensive Guide for the Digital Age (3rd Edition), Editore: Plume, Anno edizione: 2008
Risorsa bibliografica facoltativaDena, C., Transmedia Practice: Theorizing the Practice of Expressing a Fictional World..., Editore: University of Sydney, Australia, Anno edizione: 2009
Note:

... Across Distinct Media and Environment. PhD dissertation

Risorsa bibliografica facoltativaPinardi, D., Narrare. Dall'Odissea al mondo Ikea, Editore: Paginauno, Anno edizione: 2010, ISBN: 9788890496202
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiovagnoli, M, Transmedia. Storytelling e comunicazione., Editore: ApogeoNext, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaPinardi, D., De Angeli, P., Il mondo narrativo. Come costruire e come presentare l'ambiente e i personaggi di una storia. , Editore: Lindau., Anno edizione: 2006

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
120.0
esercitazione
30.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
9.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
21.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
08/12/2019