logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 093366 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DEGLI INTERNI I
Docente Dolce Francesco Claudio , Postiglione Gennaro , Scaramellini Enrico Attilio
Cfu 14.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1136) ARCHITETTURAD12AZZZZB093366 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DEGLI INTERNI I

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Lab-int 2015: HOFK

Proff.: Gennaro Postiglione, Francesco Dolce, Enrico Scaramellini

Tutors: Michela Bassanelli, Enrico Forestieri

“Tutte le pratiche significanti possono generare testo: la pratica pittorica, quella musicale, filmica, ecc. […] Se la teoria del testo tende ad abolire la separazione dei generi e delle arti è perché non considera più le opere come semplici ‘messaggi’ […] ma come produzioni perpetue, enunciazioni, attraverso le quali il soggetto continua dibattersi: questo soggetto è certo quello dell’autore, ma anche quello del lettore. La teoria del testo provoca dunque la valorizzazione di un nuovo oggetto epistemologico: la lettura […]. Non soltanto la teoria allarga all’infinito le libertà della lettura, ma ancora insiste molto sull’equivalenza (produttiva) tra la scrittura e la lettura […], - dove - la piena lettura è quella in cui il lettore non è nient’altro che colui che vuole scrivere.” [Roland Barthes, Teoria del testo].

Senza l’ossessione dell’autentico, o di un ancor più utopico ritorno allo stato originale ma animati da un sano spirito di ricerca e di analisi dell’opera in quanto tale, con la sua incompletezza e la sua storia fatta di trasformazioni e transiti, come architetti abbiamo l’obbligo di riuscire a coniugare rispetto per il contesto senza rinunciare a metterne in azione la “produttività” attraverso la prassi del progetto.
L’opera come testo, lo spazio come luogo del gesto, il progetto di interni come “ri-scrittura” e come ricerca “di ospitalità” costituiscono dunque in sintesi gli elementi determinanti di una prassi che si esprime attraverso la manipolazione cosciente dell’esistente che continuamente trasforma, frantumandone l’autenticità.

Oggetto di lavoro anche quest'anno sarà un edificio in stato di abbandono o di sotto-utilizzo situato in un contesto stimolante (probabilmente l’Hotel Orbis Forum a Krakow): https://www.youtube.com/watch?v=9l3BaJMVco8

(modifiche potrebbero intervenire se i materiali necessari a svolgere l'esercizio progettuale non fossero recuperabili).

Il laboratorio è organizzato in tre fasi: una dedicata alla conoscenza del manufatto nella sua condizione attuale, una seconda dedicata alla individuazione di possibili scenari e programmi di uso e recupero, e una terza dedicata allo sviluppo di uno specifico progetto di riattivazione del manufatto oggetto di intervento.

Cura del dettaglio, attenzione agli aspetti costruttivi e conformativi, ricorso a maquette di studio e ad ambientazioni di verifica progettuale, sono gli aspetti che caratterizzano il laboratorio che si organizza in momenti di lezione frontale, al martedì, e di discussione individuale e collettiva dei progetti, al venerdì. Il seminario di Mid Term e quello finale costituiscono i momenti di forum e confronto anche con docenti e colleghi esterni all’ateneo milanese.

Per ulteriori informazioni sull'attività pregressa del laboratorio: http://www.lablog.org.uk/category/02_year-books/

Nella tabella sottostante sono riassunte le modalità attraverso cui le diverse attività didattiche previste dal laboratorio contribuiscono al raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi, definiti in accordo con i seguenti 5 descrittori di Dublino:

 

1      Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)

2      Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

3      Autonomia di giudizio (making judgements)

4      Abilità comunicative (communication skills)

5      Capacità di apprendimento (learning skills)

 


Note Sulla Modalità di valutazione

Modalità di verifica

Descrizione

Valutazione elaborato di laboratorio

  • valutazione (di gruppo o individuale) delle attività sviluppate in sede di laboratorio progettuale e sperimentale

Presentazione orale

  • presentazione (di gruppo o individuale) di attività sviluppate nell'ambito di un corso

Valutazione prova finale

  • valutazione (di gruppo o individuale) della presentazione e discussione degli eleaborati finali di progetto, con partucolare attenzione agli ambiti degli insegnamenti di Interni, Progettazione Architettonica e Urbana, Tecnologia.

Bibliografia
Risorsa bibliografica facoltativaHans Ulrich Obrist, Cedric Price. Re:CP, Editore: LetteraVentidue Edizioni, Anno edizione: 2011, ISBN: 9788862420334
Risorsa bibliografica facoltativaEdward Tufte, Envisioning Information, Editore: Graphics Press, Anno edizione: 1990

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
65.0
esercitazione
46.0
laboratorio di progetto
72.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
Sul blog http://www.lablog.org.uk/category/02_year-books/ è possibile recuperare informazioni sulle modalità didattiche.
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
02/04/2020