logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 094851 - LABORATORIO DI RECUPERO EDILIZIO
Docente Demichelis Umberto Carlo , Galli Nicola , Mazzeri Antonio Giovanni
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1147) ARCHITETTURA E PRODUZIONE EDILIZIAEMNAZZZZA094851 - LABORATORIO DI RECUPERO EDILIZIO
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MN (1148) ARCHITETTURA E PRODUZIONE EDILIZIA***AZZZZA094851 - LABORATORIO DI RECUPERO EDILIZIO

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Il laboratorio si propone di condurre gli studenti in una esperienza di riuso e riqualificazione di un manufatto edilizio esistente con l'obiettivo di fornire loro gli strumenti critici necessari a comprendere i paradigmi attuali del recupero edilizio per la valorizzazione del patrimonio esistente.

In chiave interdisciplinare, con particolare attenzione agli aspetti tecnologici che supportano le attività di rilievo e di progettazione del sistema edilizio, sono indagate le connessioni che legano lo stato di fatto, il progetto e la sua costruzione, ed approfondisce le opzioni tecnologiche attuali per la corretta realizzazione di ambienti confortevoli e fruibili in sicurezza la cui qualità deve soddisfare i requisiti sostenibili di efficienza energetica e rispettare i caratteri peculiari del manufatto oggetto dell'intervento. Tali caratteri vengono individuati attraverso una prima attenta fase di conoscenza dello stato di fatto del manufatto, prodotto precipuo della sua costruzione, della natura e della sequenza temporale delle diverse modalità con cui esso è stato vissuto, utilizzato e fruito (e quindi trasformato), della sua estensione e della sua ubicazione, delle qualità materiche e costruttive degli elementi che lo compongono, dell’azione mutevole dell’ambiente circostante, e della sua stessa età.

A questa fase di rilievo, mirata a comprendere la complessa identità delle singole architetture, segue un momento di programmazione degli obiettivi dell'intervento di recupero che pone attenzione particolare alla definizione della nuova destinazione d'uso con conseguente identificazione dei caratteri formali e dei requisiti tecnologici che devono essere soddisfatti dal progetto. Solo dopo aver acquisito i dati necessari inerenti allo stato di fatto e agli obiettivi di intervento, segue la composizione dei nuovi spazi e la definizione degli interventi tecnologici necessari e mirati al funzionamento dell'intero sistema edilizio con conseguente messa a punto delle tavole di progetto.

Il Laboratorio si organizza secondo diversi momenti didattici che alternano le lezioni con esercitazioni di rilievo e di analisi in cantiere, approfondimenti di studio e di progetto in aula; le attività, a seconda degli obiettivi didattici, saranno svolte in gruppo o singolarmente; il prodotto finale è un elaborato unico risultato complessivo di tutte le attività di rilievo, di analisi e di progetto di recupero del manufatto. L'elaborato finale è oggetto d'esame e deve essere redatto secondo le specifiche tecniche richieste fornite dai docenti durante le lezioni.

Il Laboratorio è costituito da tre corsi coordinati di :

Progetto di recupero edilizio, Normative e tecniche per la tutela e la conservazione per gli edifici storici, Riqualificazione energetica degli edifici.

 

Corso di PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO

Il programma del corso è mirato a fornire agli studenti le nozioni di progetto finalizzate ad interventi di recupero di manufatti esistenti ponendo l'attenzione sulle soluzioni tecnologiche necessarie per garantire il funzionamento del manufatto recuperato rispetto alle rinnovate esigenze d'uso. Ciò significa acquisire le nozioni inerenti ai caratteri peculiari, e relativi vincoli, dell'edificio su cui si interviene, programmare la nuova destinazione d'uso individuando le specifiche esigenze, progettare l'intervento di recupero dei volumi, degli spazi interni ed esterni, e del sistema edilizio proponendo soluzioni tecnologiche adeguate alle attuali richieste di efficienza, di comfort d'uso, di sicurezza e di accessibilità.

Le lezioni mirate prevalentemente al recupero delle nozioni teoriche saranno integrate con esercitazioni pratiche e analisi di casi di studio e saranno articolate come di seguito elencato.

- Nozioni propedeutiche al progetto di recupero : il programma funzionale come premessa al progetto; l'approccio esigenziale/prestazionale di analisi e progetto del sistema edilizio; il progetto di valorizzazione per la sostenibilità ambientale, sociale ed economica; la forma e la funzione degli elementi tecnici e la qualità dell'opera costruita; il ruolo del dettaglio costruttivo dal meta-progetto alla realizzazione dell'intervento.

- Metodi e strumenti per il progetto tecnologico di recupero: analisi tecnologica del manufatto esistente (contesto, morfologico/spaziale/distributivo e il sistema edilizio); individuazione e analisi dei requisiti ambientali e dei requisiti funzionali del sistema edilizio esistente; individuazione e analisi dei requisiti ambientali e dei requisiti funzionali del sistema edilizio per il progetto di recupero; verifica delle prestazioni ambientali e funzionali delle proposte di progetto.

- Elementi teorici e applicati di analisi del sistema edilizio esistente : analisi delle unità funzionali del sistema edilizio: tecniche, materiali, prodotti.

- Elementi teroici e applicati del progetto tecnologico di recupero : progettazione delle unità funzionali del sistema edilizio: tecniche, materiali, prodotti.

Corso di NORMATIVE E TECNICHE PER LA TUTELA E LA CONSERVAZIONE PER GLI EDIFICI STORICI

Il corso ha l’obiettivo di fornire allo studente le conoscenze di base per un corretto approccio nei confronti di interventi su edifici ed ambiti di interesse storico-artistico e paesaggistico. A partire dal quadro normativo definito dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (d. l.vo 42/2004) si offriranno gli strumenti per l’interpretazione dei livelli di tutela e per la definizione delle politiche di conservazione e trasformazione del costruito.

Con riferimento all’evoluzione delle teorie del restauro, verranno illustrati gli strumenti metodologici per la definizione del progetto di restauro, i criteri per la conservazione e la rifunzionalizzazione, le tecniche e le modalità operative degli interventi.

I contenuti trattati durante le lezioni riguarderanno:

  • Normativa sui beni culturali e paesaggistico;
  • Evoluzione del concetto di restauro e conservazione;
  • Tutela paesaggistica
  • Il progetto di restauro-aspetti metodologici;
  • La fase di conoscenza per il restauro;
  • Lo stato dei difetti della fabbrica;
  • Tecniche per gli interventi di conservazione e rifunzionalizzazione;
  • Programmi di valorizzazione.

Il caso studio permetterà di sperimentare in una situazione concreta gli assunti teorici e gli strumenti metodologici illustrati nel corso. Saranno in particolare evidenziati gli aspetti interdisciplinari e la complessità delle relazioni tra le componenti del costruito storico, in un’ottica critica del binomio permanenza-trasformazione.

 

Corso di RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Il programma del corso verterà sui seguenti punti, sviluppati sia con il recupero delle nozioni teoriche, sia attraverso esercitazioni pratiche e casi studio:

- Riqualificazione energetica: requisiti minimi degli edifici oggetto di intervento, legislazione europea, nazionale e regionale. Eccezioni.

- Bilancio energetico dell’edificio: richiami generali.

- Isolamento dell’involucro edilizio: serramenti e strutture opache orizzontali e verticali, materiali utilizzabili e loro posa.

- Impianti tecnici convenzionali e soluzioni innovative per la loro ristrutturazione: caldaie a condensazione, caldaie a biomassa, pompe di calore e geotermia a bassa entalpia, sistemi di trattamento dell’aria e di recupero del calore, emettitori a bassa temperatura, sistemi di regolazione per singolo ambiente e per la contabilizzazione del calore.

- Impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili per applicazioni edilizie: impianti solari termici e fotovoltaici.

- Richiami di architettura bioclimatica.


Note Sulla Modalità di valutazione

L'esame orale è individuale e prevede la presentazione dell'elaborato conclusivo predisposto secondo le indicazioni fornite durante le lezioni e contenente i risultati dell'attività di rilievo, di analisi e di progetto di recupero del manufatto; trattandosi di un risultato conseguito anche attraverso lo sviluppo di attività di gruppo l'esposizione può essere, essa stessa, organizzata a gruppi. La valutazione effettuata in modo congiunto dai docenti è sempre "pesata" per ogni singolo studente e tiene conto dei risultati raggiunti dallo stesso nell'intero percorso di apprendimento e nelle diverse fasi di svolgimento del laboratorio con riferimento particolare alle fasi intermedie di esercitazione in cantiere e in aula, e della capacità di presentazione ed esposizione dei risultati raggiunti.

Nel caso in cui lo studente non sia frequentante la prova d'esame prevede la presentazione di un elaborato analogo a quello richiesto agli studenti frequentanti e la valutazione della sua preparazione considera anche l'effettiva acquisizione delle nozioni di base inerenti ai paradigmi attuali del progetto di recupero attraverso un'interrogazione orale sui temi affrontati a lezione ed eventualmente concordati personalmente con i docenti prima della prova.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaAndrea Campioli, Monica Lavagna, Tecniche e architettura, Editore: Città Studi
Risorsa bibliografica obbligatoriaChristina Conti, Massimo Rossetti, Guscio: involucri interni innovativi, Editore: Maggioli
Risorsa bibliografica obbligatoriaD. L.vo 42/2004, Codice dei beni culturali e del Paesaggio
Risorsa bibliografica obbligatoriaS. Settis, Paesaggio Costituzione cemento. La battaglia per l'ambiente contro il degrado civile, Editore: Einaudi, Anno edizione: 2012
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiuseppe Rocchi, Istituzioni di restauro dei beni architettonici e ambientali, Editore: Hoepli, Anno edizione: 1995
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiovanni Carbonara, Avvicinamento al Restauro, Editore: Liguori, Anno edizione: 1997
Risorsa bibliografica facoltativaA cura di: Davoli Pietromaria, Il recupero energetico ambientale del costruito, Editore: Maggioli
Risorsa bibliografica facoltativaPrestinenza Puglisi Luigi, Manuale per ristrutturare le abitazioni Seconda edizione con riqualificazione energetica, Editore: Dei
Risorsa bibliografica facoltativaCapolongo Stefano; Daglio Laura; Oberti Ilaria, Edificio, Salute, Ambiente - Tecnologie disponibili per l'igiene edilizia ed ambientale, Editore: Hoepli

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
57.0
esercitazione
39.0
laboratorio di progetto
63.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
25/02/2021