logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 086771 - LABORATORIO DI DESIGN DEGLI INTERNI
Docente Conti Emiliano , Ventura Nicola
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1153) DESIGN DEGLI INTERNI***MEZZOLANIRONCHETTIA086771 - LABORATORIO DI DESIGN DEGLI INTERNI

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Il progetto si articola in una serie di fasi di successivo approfondimento dalla ideazione verso la realizzazione finale.
Nel corso, viene proposta una linea di formazione, che consenta in termini di tecniche e contenuti la definizione e la redazione delle fasi che portano al progetto di massima con eventuali specificazioni esecutive.

La scelta delle funzioni è il primo atto del design e resta condizionante fino alla fine del processo creativo.
"(...) ma la parte più importante per il designer, sta nell'esercizio delle proprie libertà, nella scelta delle funzioni soggettive. (...) cercando un rapporto di comunicazione con l'osservatore tendente a sollecitare le sue capacità di penetrazione, nella conoscenza dell' oggetto, al di là delle apparenze formali. Potremmo forse dire un rapporto di reciproca curiosità." (Achille Castiglioni)
Nella consapevolezza, che è coscienza critica e capacità di riconoscere i propri limiti, ma anche sfida a questi stessi limiti, forse per verificare la propria disponibilità, forse per sperimentare le proprie possibilità e per misurarsi appunto verso la libertà di andare oltre con la curiosità della scoperta di sé e dell'altro.
La tesi di fondo poggia allora non tanto su una astratta o idealistica convergenza bello-utile, ma sulla capacità di elaborare forme funzionali. La qualità della progettazione si misura nel porre condizioni funzionali alla ricerca formale, o, se si vuole, nel ricondurre lo studio delle forme alle ragioni del loro uso.
Tradurre i vincoli in opportunità. Ovvero, uno studio della funzionalità che deve esplorare tutta la gamma delle possibili soluzioni, e tra queste scegliere quella che meglio si adatta alla definizione formale. E viceversa.
Con almeno uno strumento di misura, l'economia dei mezzi espressivi: rendere coerente l'intensità formale con il valore culturale e sociale. Così, il lavoro progettuale è definito quando il processo di reciproco avvicinamento di forma e funzione giunge a una possibile conclusione.

Il Corso prevede attività di laboratorio integrate da lezioni teoriche coerenti all'impostazione progettuale.


Note Sulla Modalità di valutazione

I criteri di valutazione si basano sulla capacità di elaborazione progettuale e sulla crescita culturale acquisita.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaVittorio Gregotti, Dentro l'architettura, Editore: Bollati Boringhieri, Anno edizione: 1991, ISBN: 88-339-0612-4
Risorsa bibliografica obbligatoriaNico Ventura, Frequentare le figure, Editore: Officina Editori, Anno edizione: 2004, ISBN: 88-87670-66-3
Risorsa bibliografica obbligatorianico ventura, Lo spazio del moto Disegno e progetto, Editore: laterza, Anno edizione: 1996, ISBN: 88-420-5084-9

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
58.0
esercitazione
32.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
5.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
25.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
04/04/2020