logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 082640 - LABORATORIO DI TEORIE E PRATICHE DEL PROGETTO
Docente Dell'Acqua Bellavitis Arturo , Devoto Marzia , Solari Michela
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1155) DESIGN DELLA MODA***DE BONIMORENIA082640 - LABORATORIO DI TEORIE E PRATICHE DEL PROGETTO

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Il Laboratorio è organizzato in due parti: una parte pratica, sviluppata in ciascuna sezione, che ha l’obiettivo di progettare un abito a partire dai tessuti di scarto forniti dalle aziende tessili, insieme ai tessuti di scarto di ricerca individuale. Il tema assunto quest'anno segue il briefing ‘La camicia trasformata. Il tessuto da camiceria reinventato…colorato, rigato, quadrettato, operato…compone una nuova camicia –abito – tunica – blusa - casacca…. larga, lunga, stretta, sciancrata, arricciata, drappeggiata’. Individuare e progettare nuove forme e nuovi volumi con il tessuto reinventato. Ricercare cotoni vecchi e nuovi e riutilizzare i materiali in disuso. La metodologia utilizzata prevede: ricerca iconografica, studio dei volumi, schizzi esecutivi, realizzazione di cartamodelli e la realizzazione del capo; ed una parte teorica dove il corso di lezioni affronterà una lettura interdisciplinare della moda in rapporto alla cultura contemporanea che progetta e regola il cambiamento. Dalle ultime ricerche condotte sul Fashion Design, l'approccio alla progettazione in questo settore è sempre più caratterizzato da una cross fertilization di conoscenze, saperi e metodi. La moda è ricerca, progetto, prodotto, comunicazione dell'innovazione e fenomeno sociale ma, soprattutto, impresa che si sviluppa parallelamente all'industria e alla cultura moderna. Dal progetto di prodotto nelle sue diverse accezioni tipologiche, appare come l’ottica sistemica sia oggi vincente e si articoli in una dinamica progettuale e comunicativa sempre più allargata e contaminata da fenomeni ed aree merceologiche diverse da quella del solo abito. The Laboratory is organized in two sections: a practical part, developed within each class, which has the objective of developing a dress starting with the creation of a fabric from old, disused pieces found through individual research, as well as fabric pieces supplied by fabric companies. The theme this year follows the briefing 'The transformation of the shirt. Shirting fabrics reinvented...colored, striped, checkered, worked woven...create a new shirt – dress – tunic - blouse - jacket....changing the shape into wide, long, narrow, fitted, gathered, draped’. Identify and design new forms and volumes with the reinvented fabric. Research old and new cottons as well as unused materials. The work method follows: research of images, volumes and iconography, experimentation with materials, sketching, illustrations and technical garment flat drawings, production pattern, toile and finished garment; and a theoretical part where the lectures will address an interdisciplinary interpretation of fashion in relation to contemporary culture that designs and follows changes.                                                                                                      From the latest research on Fashion Design, the design approach in this area is increasingly characterized by a cross-fertilization of knowledge, know-how and methods. Fashion is research, design, product innovation communication and social phenomenon but, above all, an involvement that develops parallel to industry and modern culture. Product design with its various typological meanings, now appears as the systemic approach, to be winning; and thrives in a dynamic design and communication world, increasingly enlarged and contaminated phenomena and product areas other than just the garment.


Note Sulla Modalità di valutazione

Note Sulla Modalità di valutazione La valutazione avverrà in funzione dei compiti didattici assegnati, sulla base della qualità degli elaborati prodotti la conoscenza dei contenuti trattati nelle lezioni e inclusi nella bibliografia, la puntualità nella consegna dei lavori, la partecipazione attiva alle lezioni. Durante il semestre sono previste prove in itinere, per verificare gli stati di avanzamento, il cui esito concorre a determinare la valutazione finale. L'esame al termine del corso è individuale, si svolgerà in forma di consuntivazione con discussione conclusiva, presentando tutti i lavori richiesti dai docenti dei vari moduli costituenti il laboratorio, svolti correttamente e nella loro completezza. E' fondamentale una frequenza continua e costante a tutte le lezioni.   Notes on Assessment methods The evaluation will depend teaching tasks assigned, based on the quality of the documents produced knowledge of the contents covered in the lessons and included in the bibliography, the timely delivery of work, active participation in class. During the semester tests are planned in the pipeline, to check the state of progress, the outcome of which helps to determine the final evaluation. The examination at the end of the course is individual, will take place in the form of stocktaking with concluding discussion, presenting all the work required by the teachers of the various modules constituting the laboratory, carried out properly and in their entirety. It is fundamental to have frequency continuous and constant in all lessons.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaCerini G., Grandi R., Moda: regole e rappresentazioni. Il cambiamento, il sistema, la comunicazione, Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 1995
Risorsa bibliografica obbligatoriaA. Dell'Acqua Bellavitis, Ipotesi tardo-contemporanee, Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 2000
Risorsa bibliografica obbligatoriaCalefato P., Lusso, Editore: Meltemi, Anno edizione: 2003
Risorsa bibliografica obbligatoriaValli B., Barzini B., Calefato P., Discipline della moda, Editore: Liguori, Anno edizione: 2003

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
58.0
esercitazione
32.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
5.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
25.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
28/01/2020