logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione
Insegnamento 085774 - GESTIONE DELLA MANUTENZIONE
Docente Garetti Marco
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing Ind - Inf (Mag.)(ord. 270) - BV (404) INGEGNERIA GESTIONALE* AZZZZ085774 - GESTIONE DELLA MANUTENZIONE
Ing Ind - Inf (Mag.)(ord. 270) - BV (430) INGEGNERIA MECCANICA* AZZZZ085774 - GESTIONE DELLA MANUTENZIONE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Obiettivi e contenuti del corso

 

Il corso analizza il ruolo della gestione della manutenzione (o, con definizione più aggiornata, l'Asset Lifecycle Management) nel garantire l’affidabilità, la disponibilità e l’esercizio in sicurezza/qualità di asset complessi, siano essi sistemi industriali (impianti produttivi manifatturieri o di processo), sistemi di servizio (es. sistemi di condizionamento, di sollevamento, di generazione dell'energia) o infrastrutture (es. sistemi di trasporto, aeroporti, ecc.). Questi temi avranno in futuro un’importanza crescente poichè la gestione dell’intero ciclo di vita delle risorse (asset lifecyccle management) è fondamentale per rispondere alle richieste di efficacia ed efficienza nel loro utilizzo e per garantire la competitività e la sostenibilità aziendale attraverso la minimizzazione del Total Cost of Ownership (costo totale di possesso dell'asset lungo il suo intero ciclo di vita). Questa nuova visione nella gestione degli asset permette di ridefinire completamente il ruolo della manutenzione, che diviene la componente fondamentale di una concezione molto più complessa e integrata delle realtà tecnologiche. Dalla tradizionale, ma grezza, visione in cui l'intervento di manutenzione deve risolvere imprevedibili carenze di progettazione e/o di realizzazione degli asset, si passa ad una visione in cui progettazione, realizzazione e gestione della vita dell'asset sono fasi strettamente collegate e interdipendenti volte a garantire l'uso migliore, più economico e sicuro delle risorse disponibili. Una buona manutenzione diviene quindi il fattore decisivo per la riduzione dei costi nascosti (mancata produzione, mancato servizio, scarsa qualità), per l'ottimizzazione del servizio reso, per la garanzia di sicurezza, qualità e sostenibilità, contribuendo in sintesi al miglioramento della competitività dell'impresa. A tale visione viene dato il nome di Gestione della manutenzione o (in terminologia anglosassone) di Asset Lifecycle Management o Enterprise Asset Management. Questo cambiamento di prospettiva nella manutenzione è dovuto oltre che ai fattori di contesto già indicati, anche a innovazioni tecnologiche e organizzative, quali: i) la disponibilità di tecnologie avanzate di ICT che consentono di “remotizzare” e automatizzare parte delle attività manutentive (tele-manutenzione, tele-assistenza, tele trasmissione di dati ....), ii) la disponibilità di nuove tecnologie di diagnostica e prognostica che permettono di valutare e prevedere lo “stato di salute” degli asset, aumentando “l’intelligenza” della manutenzione e consentendo l'ottimizzazione della pianificazione degli interventi, iii)  lo sviluppo di nuove forme organizzative di gestione del servizio di manutenzione (global service, affitto di ramo d’impresa, …) che consentono alle imprese di focalizzarsi sulle core-competence, delegando in outsourcing a società terze la manutenzione, con contratti anche legati ai risultati e permettono la creazione di “business” innovativi nella manutenzione. Le esercitazioni del corso permettono l'apprendimento pratico, con il supporto di semplici fogli di calcolo, dei principi e dei metodi illustrati nelle lezioni tramite il lavoro in piccoli gruppi su una serie di casi reali, ambientati in aziende industriali e di servizio.

Il corso è stato attivato nell’ambito di un accordo fra Politecnico di Milano e AIMan (Associazione Italiana di Manutenzione). Nel corso sono previste testimonianze di qualificati esperti del settore.

 

 

Descrizione degli argomenti trattati (Lezioni)

 

Introduzione alla gestione della manutenzione, al lifecycle management e alla gestione dei dati di prodotto durante il ciclo di vita; Fondamenti teorici dell'affidabilità di esercizio; Costi propri e costi indotti, total cost of ownership; Politiche di manutenzione: caratteristiche e scelta; Monitoraggio, diagnostica e prognostica; Ottimizzazione del ciclo di vita delle attrezzature; Ingegneria di manutenzione: RBD, FMECA; Gestione dei ricambi e dei materiali tecnici; Organizzazione del servizio manutenzione, outsourcing e Global Service di Manutenzione (GSM); Pianificazione, programmazione e schedulazione della manutenzione; Budget e controllo di gestione della manutenzione; Misura e controllo delle performance del servizio manutenzione; La normativa di manutenzione; I sistemi informativi di manutenzione e il ruolo delle nuove tecnologie in manutenzione; L’approccio giapponese alla gestione della manutenzione: Total Productive Maintenance (TPM); Definizione della strategia di manutenzione e manutenzione vs competitività, vs qualità, vs sicurezza, vs sostenibilità.

 

 

Descrizione degli argomenti trattati (Esercitazioni)

 

Elementi di base dell'analisi RAM e tutorial sul linguaggio di manutenzione, Analisi dei costi manutenzione, Definizione della politica di manutenzione dell’area robot impacchettatori dell’impianto Tegola Europea, Calcolo dell’affidabilità dei filtri elettrostatici del forno di cottura dell’impianto Tegola Europea, Budget e controllo di gestione della manutenzione dell’impianto Tegola Europea, Analisi degli stati e uso del reliability block diagram nell’impianto Tegola Europea, Analisi FMECA della macchina di estrusione dell’impianto Profilati Europei, Gestione dei ricambi di manutenzione nell’impianto Tegola Europea, Pianificazione della manutenzione dell’impianto Tegola Europea, Interventi di TPM presso Birra Europa, Caso Tegola Europea (parte 1): analisi con Excel degli storici dei guasti, Caso Tegola Europea (parte 2): analisi e ottimizzazione delle politiche di manutenzione.


Note Sulla Modalità di valutazione

Organizzazione del corso e modalità di verifica

 

Il corso è organizzato in lezioni ed esercitazioni nell’ambito delle quali si svolgono applicazioni dei metodi studiati a lezione con riferimento a reali contesti industriali. La valutazione, in corrispondenza con gli appelli della facoltà, è fondata su un esame comprendente una parte scritta (su teoria ed applicazioni numeriche delle esercitazioni), cui seguirà immediatamente in sede di orale la correzione dello scritto stesso davanti allo studente e l'eventuale discussione su altri contenuti di lezioni ed esercitazioni del corso. In taluni appelli, l'esame potrà anche essere organizzato nella sola forma orale.


Bibliografia

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
60.0
esercitazione
44.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
8.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
19/01/2021