logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione
Insegnamento 072451 - GESTIONE DELL'INNOVAZIONE E DEI PROGETTI
Docente Dell'Era Claudio
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing Ind - Inf (Mag.)(ord. 270) - BV (404) INGEGNERIA GESTIONALE* AZZZZ072451 - GESTIONE DELL'INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

 

1. Introduzione

Il capitolo 1 identifica obiettivi e principali contenuti del corso oltre ai riferimenti organizzativi (docenti, orario e aule, ricevimento).

 

1.1. Obiettivi

Il corso sviluppa le capacità di cogliere i segnali deboli al fine di formulare strategie di innovazione e di ricerca e sviluppo, di generare progetti innovativi, promuovere l’innovazione e realizzarla, incentivare la creatività individuale e in team. A questo scopo fornisce metodologie, strumenti e tecniche rivolte alla generazione di nuovi scenari di consumo, all’innovazione di prodotto e servizio, all’innovazione basata sulle tecnologie e sulla comprensione delle dinamiche socio-culturali.

Il corso si pone inoltre i seguenti obiettivi dal punto di vista delle capacità comportamentali:

–         Sviluppare capacità progettuale e decisionale, di problem setting e problem solving;

–         Sviluppare attitudine al pensiero innovativo e creativo;

–         Sviluppare capacità di lavoro in team;

–         Conoscere casi reali di progetti di innovazione.

 

1.2. Principali contenuti

Il corso si articola in tre macro-aree:

  1. Strategy of Innovation: innovazione e vantaggio competitivo; sfide e barriere all’innovazione; tipologie di innovazione; ciclo di vita dell’innovazione; fonti dell’innovazione; collaborative innovation; strategie di innovazione: technology push, market pull (user centered design), design push (design-driven innovation);
  2. Management of Innovation: organizzare il processo di innovazione; misurare le performance del processo di innovazione; generazione e selezione di concept; metodologie e strumenti di analisi dei bisogni; progettare l’architettura di prodotto; tecniche di sviluppo nuovo prodotto; caratteristiche distintive dell’innovazione di servizio; tecniche di sviluppo nuovo servizio; sfruttare le sinergie tra prodotto e servizio; progettare l’esperienza ed il customer journey;
  3. Project Management: forme organizzative a supporto della gestione dei progetti; le fasi di un progetto; attivare e pianificare un progetto; eseguire e chiudere un progetto; gestire il controllo e l’avanzamento di progetto; gestire il rischio di progetto attraverso tecniche qualitative e quantitative; gestire il valore di progetto.

 

1.3. Docenti

Ing. Claudio Dell’Era, 2798, claudio.dellera@polimi.it

Dott.ssa. Camilla Fecchio, mail@camillafecchio.it

 

1.4. Orario e aule (tranne aule espressamente indicate nel calendario)

Lunedì mattina: 08.15-12.15 – Aula TBD (08.30 - 10.15 + 10.30 - 12.00)

Venerdì pomeriggio: 14.15-18.15 – Aula TBD (14.30 - 16.15 + 16.30 - 18.00)

Alcune lezioni si terranno in aula adatte alla conduzione di workshop e vengono indicate nel capitolo 4.

 

1.5. Ricevimento

Venerdì 13.15-14.15, presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Via Lambruschini 4B (previo appuntamento via email).

 

 

2. Modalità di svolgimento del corso

Dati gli obiettivi del corso, la struttura didattica si articola secondo due modalità parallele: lezioni e progetti. Premessa importante è che per tutta la durata del corso ogni studente sarà assegnato ad un team con cui svolgerà il progetto. Nel capitolo 2 vengono illustrate anche le modalità di valutazioni ed alcuni chiarimenti sulla lingua utilizzata in aula.

 

2.1. Lezioni

Ogni lezione affronta un argomento specifico. Le lezioni sono fortemente interattive. Il corso quindi prevede la frequenza obbligatoria. Si sconsiglia l’iscrizione al corso a chi non può frequentare. Per permettere al docente la valutazione della partecipazione alle discussioni occorre che gli studenti si siedano in aula sempre più o meno nello stesso posto e che il docente abbia una loro fotografia. Ogni allievo deve uploadare un file Excel entro e non oltre 20 ottobre 2014 contenente una fotografia formato tessera oltre all’indicazione di matricola, cognome, nome, voto di laurea di primo livello, media nella laurea specialistica, corso di laurea specialistica, erasmus (non saranno considerati iscritti al corso colore che presenteranno la documentazione successivamente a tale data). Il template Excel "Facciogramma_Cognome_Nome.xlsx" è reso disponibile sulla piattaforma BEEP e va uploadato nella cartella "Facciogramma" indicando nel nome del file il proprio cognome e nome. Il seguente 24 ottobre 2014 viene assegnata la posizione nei banchi in aula. Gli allievi dovranno nel seguito del corso mantenere (tendenzialmente) sempre la stessa posizione in aula, in modo da permettere l’attribuzione dei giudizi sulla partecipazione.

 

2.2. Progetti

In parallelo allo svolgimento del corso gli allievi svolgeranno in team un progetto suddiviso in due macrofasi.

–         Part A: Scenario building. La prima macrofase del progetto si concentra sullo sviluppo dello scenario di riferimento in cui inquadrare l'innovazione proposta da ogni team. Tale fase viene in parte condotta in plenaria attraverso l'utilizzo della metodologia Enlightening Workshop ed in parte attraverso delle Team Working Session in cui gruppi potranno lavorare autonomamente e sfruttare il supporto dei docenti. In particolare tale fase viene condotta nelle seguenti date: 07, 10 e 17 novembre 2014.

–         Part B: Concept development. La seconda macrofase del progetto riguarda lo sviluppo di un concept coerente con lo scenario selezionato nella macrofase precedente. Tale fase si basa su una serie di Team Working Session posizionate nelle seguenti date: 12 e 19 dicembre 2014, 09 gennaio 2015.

Il progetto è svolto in parte nell'orario di lezione e in parte al di fuori dell'orario. Sono previsti momenti nell’orario di lezione riservati a meeting di coordinamento dei team (Team Working Session) durante i quali un docente sarà presente come supporto. Al termine del corso i team consegnano ai docenti una relazione.

La valutazione del progetto si basa sulla relazione scritta e sulle presentazioni finali in aula. La valutazione è di gruppo. Ci possono essere tuttavia differenziazioni dei singoli legate a come rispondono alle domande della presentazione finale o durante le revisioni, nonché sulla base delle valutazioni espresse dai colleghi dello stesso team (ogni partecipante dovrà esprimere un giudizio sul contributo portato dai membri del proprio team, escluso se stesso). Queste differenziazioni contribuiscono però nel giudizio della partecipazione in aula (vedi paragrafo 2.3).

Lo svolgimento dei progetti è obbligatorio. I gruppi vengono formati dal docente e verranno comunicati il 24 ottobre 2014. Si noti che la consegna della fotografia è intesa come conferma a partecipare al corso. Sulla base di questa conferma verranno formati i gruppi. Chi non consegna la fotografia entro il 20 ottobre 2014 non potrà quindi partecipare al corso.

 

2.3. Modalità di valutazione

Vi sono due modalità per affrontare l’esame:

–         Da frequentante: Partecipazione nel corso delle lezioni + Progetto in team + Prova scritta nel pre-appello;

–         Da non frequentante: Progetto individuale + Prova scritta nell'appello regolare + Prova orale integrativa nell'appello regolare.

 

Da frequentante

La votazione finale si compone nel seguente modo:

–         partecipazione nelle discussioni in aula (inclusa la discussione dei progetti svolti dagli altri team): 5 punti;

–         progetto in team (voto assegnato al gruppo): 12 punti;

–         prova scritta (pre-appello): 15 punti.

20 punti sono quindi individuali mentre 12 associati al lavoro fatto in team. Si noti che molte attività del corso sono svolte in parallelo come team e come studente singolo. Ciò è volto a stimolare la capacità di gestire un portafoglio di progetti e organizzare il lavoro in un team di progetto (assegnare i task a seconda degli skill e attitudini, definire un piano, mantenere l’integrità del progetto). La capacità di gestire questa complessità è quindi un elemento importante della valutazione. L’attribuzione del voto complessivo è fatta a valle del pre-appello (prova finale). Nel momento in cui l'esame non viene superato nella modalità "frequentante" (oppure non si è soddisfatti del risultato conseguito) è necessario adottare la modalità "non frequentante" come descritto di seguito (Progetto individuale + Prova scritta nell'appello regolare + Prova orale integrativa nell'appello regolare).

 

Da non frequentante

Nel corso degli appelli regolari l'esame si compone di tre elementi:

–         progetto svolto individualmente. Gli studenti che sviluppano il progetto individualmente sono tenuti a sviluppare esclusivamente "PART B: CONCEPT DEVELOPMENT"; la relazione (max 6.000 parole) va consegnata 1 settimana prima dell'appello, mentre la presentazione si tiene nel corso della prova orale integrativa;

–         prova scritta;

–         prova orale integrativa.

 

2.4. Lingua

Il corso ha una frequenza intensa da parte di studenti internazionali. Sebbene la lingua ufficiale del corso sia l’italiano, è probabile che l’inglese venga utilizzato dal docente (per spiegare concetti non chiari agli studenti stranieri e per rispondere alle loro domande), dagli studenti stranieri stessi e da quelli italiani (nel lavoro in team per colloquiare con gli stranieri).

Le relazioni scritte degli studenti (relazione finale del progetto e presentazioni PowerPoint) devono essere in inglese (è ammesso l’italiano se prima concordato con il docente). Le presentazioni orali potranno essere in italiano o inglese a scelta dello studente.

L’esame scritto finale può essere in italiano o in inglese a scelta dello studente.

 

 

 

3. Materiale didattico

Il materiale didattico si compone sostanzialmente di 3 elementi: slide, testi di base e testi di approfondimento.

 

3.1. Slide

Le slide utilizzate dai docenti verranno rese disponibili attraverso il sito web del corso [L].

 

3.2. Testi di base

–         Schilling MA (2005). Strategic Management of Technological Innovation. McGraw-Hill International Edition. Schilling MA (2009). Gestione dell’Innovazione. McGraw Hill, Milano (Edizione 2) [SC];

–         Verganti R (2009). Design-Driven Innovation. Changing the Rules of Competition by Radically Innovating What Things Mean. Harvard Business Press, Boston. Verganti R (2009). Design-Driven Innovation. Cambiare le regole della competizione innovando radicalmente il significato dei prodotti e dei servizi. ETAS, Milano [V];

–         Verganti R, Calderini M, Garrone P e Palmieri (2004). L’impresa dell’innovazione. La gestione strategica della tecnologia nelle PMI. IlSole24Ore, Milano [VCGP].

 

3.3. Testi di approfondimento

–         Strategy of Innovation:

–         Chiesa V (2001). R&D Strategy and Organisation. Imperial College Press [C];

–         Tushman ML and Anderson P (1997). Managing Strategic Innovation and Change. Oxford University Press [TA];

–         Management of Innovation:

–         Munari F e Sobrero M (2004) (a cura di). Innovazione tecnologica e gestione d’impresa - La gestione dello sviluppo prodotto. il Mulino, Bologna, 2004 [MS];

–         Ulrich KT, Eppinger SD e Filippini R (2007). Progettazione e sviluppo di prodotto.McGraw-Hill (2 ed), 2007 [UEF];

–         Project Management:

–         Bartezzaghi E (2010) (a cura di). L’organizzazione dell’impresa. Processi progetti, conoscenza persone. ETAS, Milano [B];

–         Tonchia S e Nonino F (2007). Project Management – Gestire l’innovazione nei prodotti e nei servizi. IlSole24Ore, Milano [TN].

 

 

 

4. Modalità di svolgimento del progetto

In parallelo allo svolgimento del corso gli allievi svolgono, in team, un progetto.

 

4.1. Obiettivi

Gli obiettivi del progetto sono:

–         Applicare, seppur in un contesto semplificato, alcuni concetti discussi a lezione;

–         Sviluppare capacità di lavoro in team;

–         Sviluppare capacità progettuali.

 

4.2. Struttura della relazione di progetto

La relazione deve essere preferibilmente in inglese (è ammesso l’italiano se prima concordato con il docente). Nel seguito si riporta una scaletta di riferimento.

 

PART A: SCENARIO BUILDING

  1. Competitive analysis of the industry in which the innovation has been launched (the market, the competitors, their offerings and positioning, the critical success factors)
  2. Small synthesis about the Enlightening Workshop
  3. Description of the scenarios developed during the Enlightening Workshop
  4. Detailed description of the selected scenario

 

PART B: CONCEPT DEVELOPMENT

  1. Concept generation

–     The user and the context of use

–     The user needs (utilitarian and emotional)

–     The concept: meaning and performance

–     Positioning (why your products is different than those of competitors)

–     Uniqueness (why your product is better than those of competitors)

–     Explaining the concept: storyboard, metaphors, analogies, payoffs, etc.

  1. Concept design

–     Product features: functions, languages

–     Architectural design

–     Feasibility towards the product stakeholders

 

Si prega di seguire la struttura sopra indicata. La relazione sarà valutata anche sulla sintesi e sull'efficacia dal punto di vista comunicativo (come ci si aspetta da un documento di progetto che deve essere consegnato all'Alta Direzione). In ogni caso ogni relazione non deve contenere più di 10.000 parole (il numero delle parole va indicato in fondo alla relazione). Ciò che va oltre può essere consegnato in allegato. È fondamentale indicare tutti i riferimenti delle fonti, in modo da permettere al docente di risalire alle fonti dei dati da voi raccolti. Le fonti (articoli, report, siti web, ecc.) vanno indicate in note a piè di pagina.

 

4.3. Organizzazione

I progetti saranno svolti in parte durante l'orario di lezione (Enlightening Workshop e Team Working Session) e in parte al di fuori dell'orario.

Note importanti:

–         Ogni membro di un team è tenuto a conoscere nel merito i contenuti del progetto. L’organizzazione interna del team è un fatto autonomo definito dal team stesso, che rimane trasparente al docente;

–         Durante le Team Working Session il docente incontra un team per volta in aula. Gli altri team possono in parallelo svolgere il loro lavoro nell’aula stessa;

–         Le presentazioni finali sono fatte a tutta l’aula. Tutti quindi devono partecipare alle presentazioni, e partecipare alla successiva discussione.

 

 

 

4.4. Milestone

Costituzione gruppi

20/10: upload del template "Facciogramma" su piattaforma BEEP

24/10: comunicazione composizione gruppi da parte dei docenti e assegnazione posizione degli studenti in aula

 

Presentazione progetto (Part A)

24/11 + 28/11: presentazione del progetto - part A (tempo a disposizione 20 minuti di presentazione + 10 minuti discussione). La presentazione simula la presentazione a un board strategico di impresa. Deve quindi essere sintetica, di qualità nell’esposizione (che è parte essenziale della valutazione). Le presentazioni vanno uploadate su piattaforma BEEP il giorno stesso della presentazione nella cartella "PartA"

 

Invio relazione di progetto (Part A + B)

19/01: upload delle relazioni di progetto su piattaforma BEEP nella cartella "Report"

 

Presentazione progetto (part B)

23/01 + 26/01: presentazione del progetto - part B (tempo a disposizione 20 minuti di presentazione + 10 minuti discussione). La presentazione simula la presentazione a un board strategico di impresa. Deve quindi essere sintetica, di qualità nell’esposizione (che è parte essenziale della valutazione). Le presentazioni vanno uploadate su piattaforma BEEP il giorno stesso della presentazione nella cartella "PartB"

 

4.5. Team

I team sono formati dal docente e comunicati sul sito web del corso. L’organizzazione interna è definita autonomamente dal team stesso. Alcuni consigli:

–         incoraggiate la diversità di opinioni;

–         siate flessibili ai vincoli e ai problemi di tempo dei singoli;

–         in caso di problemi seri di gestione del team, non esitate a parlarne con il docente;

–         curate molto la visualizzazione delle vostre idee, sia nelle presentazioni intermedie che nella presentazione finale;

–         avrete diversi progetti in parallelo da gestire: partizionate le attività in modo intelligente e assegnate i compiti con attenzione; allo stesso tempo fate leva sulla creatività di tutti nelle fasi propositive e sulle capacità critiche di tutti nelle fasi di verifica delle analisi;

–         non c'è sostituto per il buon senso e la passione.

 


Note Sulla Modalità di valutazione

Vi sono due modalità per affrontare l’esame:

–         Da frequentante: Partecipazione nel corso delle lezioni + Progetto in team + Prova scritta nel pre-appello;

–         Da non frequentante: Progetto individuale + Prova scritta nell'appello regolare + Prova orale integrativa nell'appello regolare.

 

Da frequentante

La votazione finale si compone nel seguente modo:

–         partecipazione nelle discussioni in aula (inclusa la discussione dei progetti svolti dagli altri team): 5 punti;

–         progetto in team (voto assegnato al gruppo): 12 punti;

–         prova scritta (pre-appello): 15 punti.

20 punti sono quindi individuali mentre 12 associati al lavoro fatto in team. Si noti che molte attività del corso sono svolte in parallelo come team e come studente singolo. Ciò è volto a stimolare la capacità di gestire un portafoglio di progetti e organizzare il lavoro in un team di progetto (assegnare i task a seconda degli skill e attitudini, definire un piano, mantenere l’integrità del progetto). La capacità di gestire questa complessità è quindi un elemento importante della valutazione. L’attribuzione del voto complessivo è fatta a valle del pre-appello (prova finale). Nel momento in cui l'esame non viene superato nella modalità "frequentante" (oppure non si è soddisfatti del risultato conseguito) è necessario adottare la modalità "non frequentante" come descritto di seguito (Progetto individuale + Prova scritta nell'appello regolare + Prova orale integrativa nell'appello regolare).

 

Da non frequentante

Nel corso degli appelli regolari l'esame si compone di tre elementi:

–         progetto svolto individualmente. Gli studenti che sviluppano il progetto individualmente sono tenuti a sviluppare esclusivamente "PART B: CONCEPT DEVELOPMENT"; la relazione (max 6.000 parole) va consegnata 1 settimana prima dell'appello, mentre la presentazione si tiene nel corso della prova orale integrativa;

–         prova scritta;

–         prova orale integrativa.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaSchilling MA, Strategic Management of Technological Innovation, Editore: McGraw-Hill International Edition, Anno edizione: 2005
Risorsa bibliografica obbligatoriaVerganti R, Design-Driven Innovation. Changing the Rules of Competition by Radically Innovating What Things Mean, Editore: Harvard Business Press, Boston, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaVerganti R, Calderini M, Garrone P e Palmieri, L'impresa dell'innovazione. La gestione strategica della tecnologia nelle PMI, Editore: IlSole24Ore, Milano, Anno edizione: 2004
Risorsa bibliografica facoltativaChiesa V, R&D Strategy and Organisation, Editore: Imperial College Press, Anno edizione: 2001
Risorsa bibliografica facoltativaTushman ML and Anderson P, Managing Strategic Innovation and Change, Editore: Oxford University Press, Anno edizione: 1997
Risorsa bibliografica facoltativaMunari F e Sobrero M, Innovazione tecnologica e gestione d'impresa - La gestione dello sviluppo prodotto, Editore: il Mulino, Bologna, Anno edizione: 2004
Risorsa bibliografica facoltativaUlrich KT, Eppinger SD e Filippini R, Progettazione e sviluppo di prodotto, Editore: McGraw-Hill (2 ed), Anno edizione: 2007
Risorsa bibliografica facoltativaBartezzaghi E, L'organizzazione dell'impresa. Processi progetti, conoscenza persone, Editore: ETAS, Milano, Anno edizione: 2010
Risorsa bibliografica facoltativaTonchia S e Nonino F, Project Management - Gestire l'innovazione nei prodotti e nei servizi, Editore: IlSole24Ore, Milano, Anno edizione: 2007

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
60.0
esercitazione
40.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese
schedaincarico v. 1.6.1 / 1.6.1
Area Servizi ICT
22/02/2020