logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2013/2014
Scuola Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 083826 - LABORATORIO TEMATICO OPZIONALE
Docente Cocchiarella Luigi , Fara Gaetano , Faroldi Emilio
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1145) SCIENZE DELL'ARCHITETTURAAUPAZZZZA091162 - THEMATIC STUDIO
SCAAZZZZB083826 - LABORATORIO TEMATICO OPZIONALE
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1149) URBANISTICAUPAAZZZZA093006 - ARCHITECTURE AND PUBLIC SPACE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi
_______________english_____ The architecture of the square Guidelines, strategies, and projects for public spaces and urban landscapes _____ The Studio aims to stimulate projects and research on methodologies to redefine and redesign the urban space with a view to making the most of those areas undergoing constant and indiscriminate exploitation of the land and of the surrounding context. The deep changes overwhelming the city go along with the infrastructure evolution and developments dictated by social habits and customs as to the use of urban spaces. The relation among built environment-vehicle-pedestrian asks for new architectural thinking: new ways of interpreting the relational space and, consequently, new interventions. The main objective of this course is to stimulate the practice of architectural project as a unique chance to turn ‘urban discards’ into a true resource for the city and the territory. The need of creating a "sense of place" and "local identity" in the processes of urban morphogenesis and reclaiming of urban settlements prompts the contemporary designer to constantly re-invent both the role and the contents of the square, mainly levering on the vocation of the square as a place for social aggregation and connection of road flows. Regaining possession of the urban space becomes hence an issue being at the same time ethical and pragmatically necessary. As a matter of fact, the square as aggregation place is a constant of the urban history, the core of social, economic, and cultural development. As to the larger topic of post-modern city redefinition, the public space is currently looking for a new identity to be able to recover those meanings attributed to such space within the Italian cultural context in the past: urban archetype, aggregation space of the most significant social cores, geographical, organizational, and morphological centre of the city, crucial element of its natural module of growth and reading. Formulating ideas on this topic means irradiation of organizing energy to the surrounding environment, therefore stimulation of the disappearing civic thinking, a prerequisite for the evolution of the urban landscape and its components. The hierarchical-structural role - which can be historically attributed to this type of space due to its ability in organizing both urban morphology and the main human activities – has been facing a period of strong crisis in modern times, also involving the new urban additions and, by model emulation, those spaces existing within the consolidated city as well. Following a critical review of what has gone lost, a slow, constant recovery of the historical memory of the square has originated as central point for the reclamation of the existing city and of the project of the “new city”. The morphological, functional, and organization features of outdoor spaces – which are not interpreted as "negative" traits of the urban fabric anymore – still characterize the main projects on the transformation of the most important European urban systems: the square is assigned the role of amplifier of values and contradictions of an architecture that is not single-oriented any more, as to both morphology and functionality. This situation drives designers to approach the topic of the square, and more generally of the urban landscapes, through two dichotomous approaches: on the one side those confining the architectural thinking on the outdoor space to a mere intervention of superficial "maquillage" through operations of urban fitting, therefore achieving limited objectives; on the other side those assigning the square a simple role of sorting point, where traffic flows play a dominant role. The willingness to start reflecting on the topic of the non-built areas and of those areas of the city still to be fully reclaimed, within the city relational dynamics, does not imply disregarding research – a still increasingly active topic from the technological point of view – able to focus its efforts on analyzing how the "outdoor space" - as urban landscape and scene design of the built environment – is compelled to satisfy eco-sustainability and comfort requirements. They are new forms of upgrading, either touching or intersecting the technological context, areas of research generally related to a technological culture context which, at the time being, gives a decisive contribution to the feasibility of a project. The architectural design is not construed exclusively on the basis of its conceptual quality, on the contrary its pragmatic vocation emerges which pushes to study implementation methods – of which technology is the main tool – that are compelled to relate and, whenever necessary, to clash with the world of cultural heritage. The ARCHITECTURE TECHNOLOGY DESIGN is the subject matter devoted to the control and mastery of processes addressing the project of a new architecture of spas and of its constructability. The ARCHITECTURAL DRAWING module suggests a critical and operative approach to graphic representation, intended as a visual language supporting the analysis and the development of the architectural form, by processing data and parameters coming from the different subject areas involved in the architectural design. In this aim, a ‘hypertext’-oriented approach based on the image will be encouraged. In any case, the intrinsic spatial foundation of architecture will assign geometry a crucial role in connecting image and reality. The ISSUE OF ENVIRONMENTAL HEALTH module focuses on the analysis and understanding of the relation between health and public space. _______________italiano_____ L’architettura della piazza Linee guida, strategie e progetti di spazi pubblici e paesaggi urbani _____ Il laboratorio intende stimolare attività progettuali e di ricerca sulle modalità di riconfigurazione e ridisegno dello spazio urbano al fine di proporre azioni di valorizzazione di luoghi appesantiti dall’uso costante e indiscriminato del suolo e del contesto limitrofo. I profondi cambiamenti che investono la città sono concomitanti alle evoluzioni infrastrutturali e agli sviluppi che i modi e i costumi societari detengono nell’uso dello spazio urbano. Il rapporto costruito-veicolo-pedone impone nuove riflessioni in ambito architettonico, evidenziando la necessità di innovative modalità di interpretazione degli spazi di relazione e, dunque, di rinnovate azioni di intervento. L’obiettivo del corso è quello di stimolare la pratica del progetto di architettura come occasione unica di trasformazione degli “scarti urbani” in risorse per le città e il territorio. La necessità di produrre "senso del luogo" e "identità locale"nei processi di morfogenesi urbana e di riqualificazione degli insediamenti spinge il progettista contemporaneo a reinventare continuamente ruolo e contenuti della piazza, facendo leva, soprattutto, sulla sua vocazione ad essere luogo di aggregazione sociale e di connessione fra flussi viari. Riappropriarsi dello spazio urbano diviene, dunque, questione sia etica sia pragmaticamente necessaria. La piazza come luogo di aggregazione, infatti, persevera nella storia urbana, proponendosi da sempre come nucleo di sviluppo sociale, economico e culturale. All'interno del più ampio tema di riconfigurazione della città post-moderna lo spazio pubblico è oggi alla ricerca di una propria e nuova identità, allo scopo di recuperare i significati in passato attribuitigli all'interno del contesto culturale italiano, ossia di archetipo urbano, spazio di aggregazione dei più significativi nuclei sociali, centro geografico, organizzativo, morfologico della città, elemento nodale del suo naturale modulo di crescita e lettura. Elaborare idee sul tema significa irradiare energia ordinatrice all'intorno, favorendo il diffondersi del pensiero civico in via di estinzione, fondamentale presupposto di evoluzione del paesaggio urbano e delle sue parti costitutive. Il ruolo gerarchico-strutturale, attribuibile storicamente a tale tipologia spaziale per la sua capacità nell’organizzazione sia della morfologia urbana sia delle principali attività umane, è entrato fortemente in crisi in epoca moderna coinvolgendo le nuove addizioni urbane e, per emulazione modellistica, gli spazi esistenti all'interno della città consolidata. A seguito della rivisitazione critica di quanto si è perso ne è scaturito un lento, costante recupero della memoria storica della piazza come punto centrale di riqualificazione della città esistente e del disegno della "nuova città". I caratteri morfologici, funzionali, organizzativi degli spazi aperti, non più interpretati come ambiti "in negativo" nel tessuto urbano, tornano a caratterizzare le principali proposte di trasformazione dei più importanti sistemi urbani europei delegando alla piazza il ruolo di amplificatore delle valenze e delle contraddizioni di un'architettura ormai non più monodirezionata dal punto di vista sia morfologico che funzionale. Tale aspetto spinge i progettisti ad avvicinarsi al tema della piazza, e più in generale ai paesaggi urbani, attraverso due atteggiamenti tra loro dicotomici: da una parte una tendenza a ridurre il pensiero sullo spazio aperto ad una semplicistica operazione di "maquillage" superficiale tramite operazioni di arredo urbano, traendo limitati obiettivi; dall'altra assegnando alla piazza il semplice ruolo di punto di smistamento, attribuendo ai flussi veicolari un ruolo totalizzante. La volontà di intraprendere riflessioni sul tema del non costruito e del residuale all’interno delle dinamiche relazionali della città non prescinde dal legarsi a tematiche di ricerca, sempre più attive in termini tecnologici, capaci di focalizzare i loro sforzi sullo studio di come lo spazio outdoor, inteso come paesaggio urbano e scenografia del costruito, sia chiamato a rispondere ad esigenze di eco sostenibilità e confort. Si tratta di nuove forme di valorizzazione, tangenti o secanti l’ambito tecnologico, ambiti di ricerca afferibili, in genere, ad una sfera di cultura tecnologica che, ad oggi, contribuisce in modo determinante alla formazione di un progetto in termini di realizzabilità. Il progetto di architettura non viene letto unicamente nella sua qualità concettuale ma emerge la sua vocazione pragmatica che spinge ad indagare le modalità realizzative, di cui la tecnologia è il mezzo prioritario, modalità che dunque devono necessariamente rapportarsi e laddove necessario scontrarsi con il mondo dei beni culturali. La TECNOLOGIA dell'ARCHITETTURA costituisce la disciplina preposta a governare e dominare i processi rivolti alla progettazione di una nuova architettura termale e alla sua costruibilità. Il modulo di RAPPRESENTAZIONE dell'ARCHITETTURA, vuole proporre una riflessione critica e operativa sulla rappresentazione, intesa quale luogo di analisi e di elaborazione della forma architettonica, nonché come piattaforma visuale condivisa nel dialogo fra i diversi contributi disciplinari. A tal fine, si privilegerà un approccio rappresentativo prevalentemente ‘ipertestuale’, avente per baricentro l’immagine, e tuttavia innervato da ulteriori contributi informativi. In ogni caso, l’intrinseca consistenza spaziale dell’architettura assegnerà alla geometria un ruolo cruciale nella verifica della congruenza fra immagine e realtà. Il modulo di IGIENE AMBIENTALE intende analizzare e comprendere il rapporto fra salute e spazio pubblico.

Note Sulla Modalità di valutazione
english Projects submitted during the year as well as the acquired knowledge of both theoretical and methodological contents will be assessed during the final examination and through examinations held during the year, if any: dates and procedures of such examinations will be indicated by professors at the beginning of the Studio. _______________________________________________________________ Italiano La valutazione degli elaborati prodotti in corso d’anno e dell’apprendimento dei contenuti teorici e metodologici avverrà in sede d’esame finale e attraverso eventuali verifiche in itinere, le cui date e modalità verranno indicate dai docenti all’inizio del Laboratorio.

Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaEmilio Faroldi, Maria Pilar Vettori, La casa della ricerca/the house of research. Centro ricerche Chiesi, Parma, Editore: Mondadori Electa, Anno edizione: 2012, ISBN: 978883709263 http://www.electaweb.it/catalogo/scheda/978883709263/it
Risorsa bibliografica obbligatoriaVittorio Gregotti, Incertezze e simulazioni. Architettura tra moderno e contemporaneo, Editore: Skira Editore, Milano, Anno edizione: 2012, ISBN: 9788857212203
Risorsa bibliografica obbligatoriaEmilio Faroldi (a cura di), L'architettura del dialogo. Piazza Lorenzo Berzieri a Salsomaggiore Terme, Editore: Umberto Allemandi & C., Torino, Anno edizione: 2011, ISBN: 978-88-422-1986-6 https://www.dialoghi.com
Risorsa bibliografica facoltativaMarco Hemmerling, Anke Tiggemann, Digital Design Manual, Editore: DOM publishers, Berlin, Anno edizione: 2011, ISBN: 9783869221380
Risorsa bibliografica facoltativaEmilio Faroldi (a cura di), Teoria e Progetto. Declinazioni e confronti tecnologici, Editore: Umberto Allemandi & C., Torino, Anno edizione: 2009, ISBN: 978-88-422-1783-1 https://www.teoriaeprogetto.it
Risorsa bibliografica obbligatoriaMassimo Venturi Ferriolo, Percepire paesaggi. La potenza dello sguardo, Editore: Bollati Boringhieri Editore, Torino, Anno edizione: 2009, ISBN: 978-88-339-2007-8
Risorsa bibliografica obbligatoriaLuigi Cocchiarella, La forma oltre il codice. Ambiente architettonico, teoria, rappresentazione, Editore: Academia Universa Press, Anno edizione: 2009, ISBN: 9788864440057
Risorsa bibliografica obbligatoriaLuigi Cocchiarella, Fra Disegno e Design. Temi, forme, codici, esperienze, Editore: Città Studi Edizioni, Milano, Anno edizione: 2009, ISBN: 9788825173482
Risorsa bibliografica obbligatoriaStefano Capolongo (a cura di), Qualità urbana, stili di vita, salute. Indicazioni progettuali per il benessere, Editore: Edizioni Hoepli, Milano, Anno edizione: 2009, ISBN: 9788820343699
Risorsa bibliografica obbligatoriaRobert Lumley, John Foot (a cura di), Le città visibili. Spazi urbani in Italia, culture e trasformazioni dal dopoguerra a oggi, Editore: Gruppo Editoriale Il Saggiatore, Milano, Anno edizione: 2007, ISBN: 978-88-4281336-1
Risorsa bibliografica facoltativaStefano Capolongo, Laura Daglio, Ilaria Oberti, Edificio, salute, ambiente. Tecnologie sostenibili per l'igiene edilizia e ambientale, Editore: Edizioni Hoepli, Milano, Anno edizione: 2007, ISBN: 978-88-203-3857-2
Risorsa bibliografica facoltativaAlberto Pratelli (a cura di), Codici del disegno di progetto, Editore: Forum, Udine, Anno edizione: 2006, ISBN: 88-8420-307-4
Risorsa bibliografica obbligatoriaEmilio Faroldi, Maria Pilar Vettori, Dialoghi di Architettura (seconda edizione riveduta e aggiornata), Editore: Alinea Editrice, Firenze, Anno edizione: 2004, ISBN: 88-8125-816-1 https://www.facebook.com/pages/Dialoghi-di-Architettura/185820598104126?ref=ts
Risorsa bibliografica obbligatoriaFernando Espuelas, Il vuoto: riflessioni sullo spazio in architettura, Editore: Christian Marinotti Edizioni, Milano, Anno edizione: 2004, ISBN: 88-8273-056-5
Risorsa bibliografica facoltativaIsotta Cortesi, Il progetto del vuoto. Public space in motion 1000-2004, Editore: Alinea Editrice, Firenze, Anno edizione: 2004, ISBN: 88-8125-729-7
Risorsa bibliografica facoltativaMassimo Venturi Ferriolo, Etiche del paesaggio. Il progetto del mondo umano, Editore: Massimo Editori Riuniti, Roma, Anno edizione: 2002, ISBN: 88-359-5211-5
Risorsa bibliografica facoltativaEmilio Faroldi, Città Architettura Tecnologia. Il progetto e la costruzione della città sana, Editore: Edizioni Unicopli, Milano, Anno edizione: 2000, ISBN: 88-400-0624-9

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
57.0
esercitazione
39.0
laboratorio di progetto
63.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua / Italiano / Inglese
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
20/10/2020