logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2004/2005
Facoltà Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 073892 - CI PROGETTAZIONE ESECUTIVA DELL'ARCHITETTURA
  • 076983 - TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Docente Rosati Gianpaolo
Cfu 2.00 Tipo insegnamento Modulo Di Corso Strutturato

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (2 liv.)(ord. 509) - MN (1121) ARCHITETTURA***AZZZZA073892 - CI PROGETTAZIONE ESECUTIVA DELL'ARCHITETTURA

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Il corso si articola in due moduli: il primo di Progettazione esecutiva dell’architettura  tenuto da C. Baldi (90 ore) e il secondo di Tecnica delle costruzioni tenuto da G. Rosati (30 ore). .Progettazione esecutiva dell’architettura. Il problema strutturale: gli schemi strutturali degli edifici multipiani, la trave, il solaio, i moduli in spessore di solaio per gli edifici di civile abitazione ed uffici. Lo schema isostatico e le aree di influenza per il predimensionamento degli elementi strutturali con riferimento ai particolari costruttivi strutturali. I telai a molte iperstatiche. Il calcolo elastico delle travi continue e dei sistemi di travi e pilastri (telai piani e spaziali) con i metodi delle forze e degli spostamenti. Il comportamento dei materiali e i criteri di rottura. Le esercitazioni consistono in una parte dedicata allo sviluppo in senso applicativo oppure all’estensione delle teorie e dei metodi illustrati a lezione, ed in una parte dedicata ad elaborazioni numeriche su esempi strutturali concreti. La struttura didattica consta di lezioni ex cattedra ed esercitazioni guidate.

Il modulo di Progettazione esecutiva dell’architettura ha come obiettivo la messa a punto di alcuni riferimenti, teorici ed applicativi, finalizzati all’elaborazione esecutiva del progetto di architettura e all’analisi del processo di esecuzione. Con le lezioni e le esercitazioni condotte in aula, si propone lo studio del progetto esecutivo dell’opera architettonica nel suo complesso e nelle sue parti attraverso l’analisi di dettagli significativi e la ricomposizione complessiva nell’organismo edilizio. Le esercitazioni, condotte in aula ed ivi sviluppate, riguarderanno in particolare l’elaborazione del progetto esecutivo di un intervento sviluppato nelle componenti individuate dalla recente legislazione in materia di lavori pubblici (elaborati grafici alle scale adeguate, capitolato speciale, piano di qualità, piano di manutenzione). In particolare verrà trattato il quadro normativo, così come prospettato dalla legislazione italiana in materia, le fasi del processo attuativo (la programmazione degli interventi, il programma del singolo intervento, la sua articolazione, i livelli progettuali, l’esecuzione dell’opera e la sua gestione), il ciclo di vita dell’opera e dei componenti e l’applicazione alla fase progettuale, la qualificazione del progetto (verifica, validazione), le implicazioni delle norme in materia di salute, sicurezza e ambiente sul processo realizzativi, l’organizzazione degli operatori progettuali. In fine si tratterà del progetto esecutivo come strumento per la definizione delle modalità tecniche e produttive di ogni operazione costruttiva, finalizzato alla programmazione del processo di produzio svolgere in aula. Queste tratteranno la disanima delle fasi di progettazione esecutiva finalizzata alla stesura di disegni generali e di dettaglio che contengano leinformazioni tecniche, fisiche, dimensionali e applicative degli elementi tecnici  relativi alla soluzione individuata, le modalità di esecuzione e posa in opera, le prestazioni, le fasi, le modalità di manutenzione.

Tecnica delle costruzioni

. Il problema strutturale: gli schemi strutturali degli edifici multipiani, la trave, il solaio, i moduli in spessore di solaio per gli edifici di civile abitazione ed uffici. Lo schema isostatico e le aree di influenza per il predimensionamento degli elementi strutturali con riferimento ai particolari costruttivi strutturali. I telai a molte iperstatiche. Il calcolo elastico delle travi continue e dei sistemi di travi e pilastri (telai piani e spaziali) con i metodi delle forze e degli spostamenti. Il comportamento dei materiali e i criteri di rottura. Le esercitazioni consistono in una parte dedicata allo sviluppo in senso applicativo oppure all’estensione delle teorie e dei metodi illustrati a lezione, ed in una parte dedicata ad elaborazioni numeriche su esempi strutturali concreti. Si terranno lezioni ex cattedra ed esercitazioni guidate


Note Sulla Modalità di valutazione
L’esame consiste in una prova orale e discussione degli elaborati

Bibliografia

P. Gambarova et al.: Esercizi di Tecnica delle Costruzioni, CLUP (Argomento 1).

M. Caironi: Teoria e Tecnica delle Costruzioni - Strutture a molte iperstatiche: il metodo degli spostamenti, CLUP (Argomento 1).

O. Belluzzi: Scienza delle Costruzioni,Volumi 3,4, Zanichelli (Argomenti 2,3,5).

E. Giangreco: Teoria e tecnica delle costruzioni,Vol. 1, Liguori (Argomento 6).

R.Walther, M.Miehlbradt: Progettare in c.a.: Fondamenti e Tecnologia, Hoepli (Argomento 6).

R. Favre et al.: Progettare in c.a.: Piastre, muri, pilastri e fondazioni, Hoepli, (Argomento 6).

M. Caironi: Teoria e Tecnica delle Costruzioni-Elementi di Strutture in acciaio, CLUP.


Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
11.0
esercitazione
14.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
20/09/2020