logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2023/2024
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 056040 - CI URBANISTICA
Docente Clerici Maria Antonietta , Petrillo Agostino
Cfu 8.00 Tipo insegnamento Corso Integrato

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1195) ARCHITETTURA - AMBIENTE COSTRUITO - INTERNI - ARCHITECTURE - BUILT ENVIRONMENT - INTERIORSACIAZZZZ056040 - CI URBANISTICA

Obiettivi dell'insegnamento

Il Corso integrato intende fornire una conoscenza avanzata delle politiche di coesione dell’Unione europea e degli strumenti di pianificazione urbana e territoriale volti al superamento degli squilibri fra “centri” e “periferie”, alla ricerca di un modello di sviluppo rispettoso delle plurime vocazioni dei luoghi e sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale.


Risultati di apprendimento attesi

Rispetto ai Descrittori di Dublino (DD), al termine del Corso integrato lo studente dovrà:

  • dimostrare la conoscenza degli strumenti e dei programmi che – a varie scale – si confrontano con la problematica dei divari territoriali e dello sviluppo dei contesti marginali variamente intesi (DD 1, conoscenze e capacità di comprensione);
  • dimostrare di saper condurre analisi dei contesti territoriali utilizzando una pluralità di fonti, al fine di prefigurare scenari di trasformazione sostenibili (DD 2, utilizzazione delle conoscenze e capacità di comprensione);
  • dimostrare di aver acquisito una conoscenza critica delle potenzialità e dei limiti delle politiche volte al superamento dei divari territoriali (DD 3, capacità di trarre conclusioni);
  • dimostrare di saper comunicare in modo efficace e comprensibile i risultati del proprio lavoro a un pubblico esperto e non esperto (DD 4, abilità comunicative);
  • dimostrare di saper elaborare in modo autonomo quadri di sintesi su temi complessi (come la marginalità), che si prestano a interpretazioni contrastanti (DD 5, capacità di apprendere).

 


Argomenti trattati

TEMA

Il Corso integrato si occupa delle politiche che a vari livelli di governo affrontano l’annosa questione dello sviluppo territoriale squilibrato e dell’opposizione urbano/rurale. La globalizzazione ha rafforzato la centralità delle aree metropolitane, che guidano l’innovazione in molti campi e catalizzano investimenti a scapito delle regioni periferiche e rurali, forse connotate da una migliore “qualità della vita”, ma spesso cadute in una spirale di declino socioeconomico difficile da spezzare. Forti di una maggior capacità di recupero (resilienza) a fronte della Grande Recessione (2008-2012), molte regioni urbane hanno migliorato ulteriormente il proprio vantaggio competitivo rispetto alle altre, anche se le buone performance economiche in aggregato nascondono forti diseguaglianze sociali, che si sono ulteriormente accentuate con la pandemia di COVID-19.

A partire da tutto ciò, verranno indagate le dinamiche evolutive dei contesti periferici nella transizione verso un modello di sviluppo più sostenibile, in linea con gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 e del Green Deal europeo. Quale futuro si prospetta per i territori periferici costellati da città di medio-piccole dimensioni – spesso ancora molto legate alle attività industriali – in un mondo sempre più urbanizzato e terziarizzato? Come è possibile resistere al magnetismo delle grandi agglomerazioni urbane, evidente anche nella fase post COVID-19? Quali sono gli strumenti e le politiche a sostegno dello sviluppo dei contesti periferici nelle loro variegate tipologie? Come assicurare in queste realtà uno sviluppo autenticamente sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico?

Il Corso riserva una particolare attenzione alle politiche di coesione dell’Unione Europea (UE), strumento prioritario per la riduzione dei divari territoriali a diverse scale e per la promozione di uno sviluppo policentrico, equo e sostenibile. Per le città medie e piccole i fondi europei sono una risorsa preziosa per implementare percorsi “creativi” di sviluppo locale, non necessariamente legati solo al turismo. Queste città hanno “capitali territoriali” variegati, hanno bisogno di sguardi ad hoc e pongono specifiche sfide ai policy makers, che il Corso indagherà. Una particolare attenzione sarà dedicata anche al concetto di coesione sociale, visto alla luce delle dinamiche di periferizzazione e di creazione di nuove disuguaglianze.

 

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

Il Corso integra i moduli didattici di Progettazione urbana (prof.ssa Maria Antonietta Clerici, 4 cfu) e di Sociologia urbana (prof. Agostino Petrillo, 4 cfu).

 

Argomenti trattati nel modulo di Progettazione urbana:

  • il ruolo specifico delle città di media e piccola taglia nelle reti insediative;
  • le politiche di coesione dell’UE: struttura, evoluzione, impatti;
  • il policentrismo come mezzo per promuovere la coesione territoriale a diverse scale;
  • aree rurali, aree interne, aree svantaggiate e inner peripheries: geografie e politiche;
  • la gestione delle attività produttive nelle città di media e piccola taglia in un’ottica di sostenibilità.

 

Argomenti trattati nel modulo di Sociologia urbana:

  • il dibattito tedesco sulle “terre di mezzo” e la “città diffusa” in Europa;
  • le periferie europee: cenni di una storia urbana e sociale;
  • il “villagisme” e le nostalgie del borgo;
  • periferie interne, periferie sociali, nuova periferia.

 

ATTIVITA' PREVISTE

Oltre alle lezioni sugli argomenti sopraindicati, è prevista un’esercitazione (in gruppi) relativa al tema “Paesaggio e insediamenti produttivi nelle aree interne: il caso di Colico (Alto Lario, Lombardia)”. Si indagheranno i processi di urbanizzazione di una polarità di medie dimensioni (Colico) in un’area interna (Alto Lario, in provincia di Lecco) e il rapporto conflittuale fra cura del paesaggio, valorizzazione del turismo e riqualificazione degli insediamenti produttivi. L’attenzione non è rivolta al recupero di aree dismesse, ma alla gestione di comparti produttivi ancora in attività, visti come spazi strategici per l’applicazione di nature-based solutions e green infrastructures, volte a riqualificare i paesaggi e a favorire l’adattamento ai cambiamenti climatici.

 


Obiettivi di sviluppo sostenibile - SDGs
Questo insegnamento contribuisce al raggiungimento dei seguenti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda ONU 2030:
  • SDG10 - REDUCED INEQUALITIES
  • SDG11 - SUSTAINABLE CITIES AND COMMUNITIES
  • SDG15 - LIFE ON LAND

Le politiche di coesione, trattate nel Corso, sono uno strumento chiave per la riduzione delle diseguaglianze fra “centri” e “periferie” a diverse scale geografiche (SDG 10). Inoltre, il Corso si interroga su come “costruire” una nuova complementarità fra aree urbane e rurali, un tema che occupa un posto di rilievo nell’Agenda ONU 2030 (SDG 11). La green economy è importante per la riqualificazione urbana delle città di media e piccola taglia e possiamo ricomprendere in questo campo anche l’applicazione di nature-based solutions e green infrastructures (SDG 15).  

 


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

Sono previste modalità d’esame differenziate per studenti frequentanti e non frequentanti.

 

Per gli studenti frequentanti, la valutazione del Corso avverrà attraverso prove scritte in itinere, con domande aperte sugli argomenti trattati nelle lezioni e sulla relativa bibliografia di riferimento. A ciò si affianca la valutazione dell’esercitazione, con una verifica degli stati di avanzamento durante le revisioni e un seminario finale di presentazione e discussione del lavoro svolto. La valutazione complessiva terrà conto dei seguenti aspetti: 1) conoscenza e capacità di comprensione degli argomenti teorici e loro applicazione a casi concreti attraverso l’esercitazione; 2) capacità critica e abilità comunicativa nel corso delle revisioni degli elaborati e nel seminario finale.

 

Gli studenti non frequentanti sosterranno una prova scritta con domande aperte sulla base di una bibliografia preventivamente concordata con la docenza.

 

Ulteriori indicazioni bibliografiche, in aggiunta ai riferimenti sottoindicati, saranno fornite dai docenti all’inizio del Corso.  


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaValdemarin Stefano, Lucia Maria Giuseppina (a cura di), Geografia dell'attrattività territoriale. Comprendere e gestire lo sviluppo locale, Editore: Pearson, Milano-Torino, Anno edizione: 2022, ISBN: 9788891930859
Risorsa bibliografica obbligatoriaManzella Gian Paolo, Europa e "sviluppo armonioso". La strada della coesione europea: dal Trattato di Roma al Next Generation EU, Editore: il Mulino, Bologna, Anno edizione: 2022, ISBN: 9788815382474
Risorsa bibliografica obbligatoriaContato Annalisa, Policentrismo reticolare. Teorie, approcci e modelli per lo sviluppo territoriale, Editore: Franco Angeli, Milano, Anno edizione: 2019, ISBN: 9788891787583
Risorsa bibliografica obbligatoriaLucatelli Sabrina, Luisi Daniela, Tantillo Filippo, L'Italia lontana. Una politica per le aree interne, Editore: Donzelli, Roma, Anno edizione: 2022, ISBN: 9788855223386
Risorsa bibliografica obbligatoriaKabisch Nadja, Korn Horst, Stadler Jutta, Bonn Aletta (eds.), Nature-based solutions to climate change adaptation in urban areas. Linkages between science, policy and practice, Editore: Springer, Cham, Anno edizione: 2017, ISBN: 9783319537504
Note:

disponibile anche in e-book open access

Risorsa bibliografica obbligatoriaPetrillo Agostino, La periferia nuova. Disuguaglianze, spazi, città, Editore: Franco Angeli, Milano, Anno edizione: 2018, ISBN: 9788891768483
Risorsa bibliografica obbligatoriaPetrillo Agostino, Periferie, povertà urbana, esclusione: il dibattito in Francia e Germania, in: Fregolent Laura (a cura di), Periferia e periferie, pp.125-156, Editore: Aracne, Roma, Anno edizione: 2008, ISBN: 9788854817722

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
29:00
31:25
Esercitazione
19:00
20:35
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
48:00
52:00
Totale 96:00 104:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.8.3 / 1.8.3
Area Servizi ICT
02/03/2024