logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2023/2024
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 057552 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio
Docenti: Titolare (Co-titolari) Forino Immacolata Concezione, Rapisarda Francesca

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZA057552 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.
Il Laboratorio di Progettazione dell’architettura degli interni indaga il progetto dell’architettura degli Interni nelle diverse articolazioni (riuso del costruito, interni urbani e spazi aperti, allestimento e arredamento) e alle differenti scale di lettura critica, contrassegnate dalla “dimensione umana” dello spazio. Il Laboratorio promuove la conoscenza critica della cultura storica del progetto degli interni e le sue prospettive contemporanee e incentra l’attività progettuale sui temi del riuso (edifici e interni urbani), della valorizzazione del patrimonio culturale e architettonico, dei sistemi diffusi di recupero del territorio. Propone lo studio e il progetto di ambienti pubblici e semipubblici – come i luoghi del sapere, del lavoro, del culto religioso, del tempo libero – e privati, cui si affiancano il progetto degli spazi aperti urbani e paesaggistici e dei servizi collettivi per la diffusione culturale.

Obiettivi del Laboratorio sono, inoltre, l’esplorazione e l’acquisizione delle modalità progettuali relative all’Architettura degli Interni attraverso i suoi caratteri tipologici, spaziali, funzionali, materici, con particolare rilevanza rispetto all’ambiente preesistente, architettonico e urbano, e la conoscenza e la comprensione del processo progettuale quale sintesi di apporti multidisciplinari.


Risultati di apprendimento attesi

A conclusione dell’esperienza di laboratorio, lo studente maturerà conoscenza e comprensione delle modalità progettuali relative all'architettura degli interni alle diverse scale dimensionali, comprese quelle di definizione del dettaglio architettonico e dell’arredo. Saprà applicare articolate metodologie per impostare e risolvere progetti finalizzati alla soluzione di problemi complessi e rappresentare adeguatamente le diverse scale dimensionali del progetto. Sarà in grado di operare scelte progettuali in autonomia e comunicarne i risultati in modo chiaro e motivato, con strumenti adeguati ai diversi interlocutori (specialisti e non specialisti), sia per l'intero processo decisionale che per la soluzione finale.


Argomenti trattati
(English below)

* Premessa. Il Laboratorio affronta il tema dell’interno architettonico attraverso il “riprogetto dell'esistente” (Interior Reuse), indagando un edificio preesistente e dotandolo di nuovi significati e valori d’uso. Individuato un caso-studio, il Laboratorio propone la sua riconversione d’uso e la riqualificazione dello spazio interno e delle relazioni sociali, spaziali, funzionali che l’edificio stabilisce con la città e il suo immediato intorno. Si legga: https://www.academia.edu/40689669/_Conference_Proceedings_I_Forino_F_Rapisarda_Interior_Reuse_Il_laboratorio_dallinterno_in_Imparare_architettura_I_laboratori_di_progettazione_e_le_pratiche_di_insegnamento_a_cura_di_J_Leveratto_382_385_Atti_VII_Forum_ProArch_ProArch_Milano_2019

* Un hub culturale e turistico. Il caso-studio consiste in due piccoli capannoni industriali e un edificio a torre (ex FNET), ormai in disuso e in stato di abbandono, presso il Comune di Borgo Val di Taro (PR) vicino alla Stazione ferroviaria. Il progetto di riqualificazione prevede la loro riconversione d’uso in un hub polivalente a carattere culturale e turistico per i cittadini e coloro che visitano la città, i suoi monumenti e i suggestivi luoghi naturalistici adiacenti a piedi o in bicicletta.

Gli edifici saranno destinati a spazi espositivi, una sala musica per corsi o prove, una sala per prove teatrali, tutte con i rispettivi servizi e con la possibilità di utilizzarle anche per altre attività occasionali (per es. Sala civica). A queste si aggiungeranno spazi di accoglienza, di co-working e un fab lab, quali incubatori di start up per i giovani. Per ciò che riguarda i servizi al turismo saranno previsti un’area di ristoro, una ciclofficina e noleggio biciclette, servizi con docce e deposito bagaglio, e una foresteria/ostello per 6/8 persone. Infine, sarà contemplato un bar a disposizione dei vari utenti della struttura.

Tutti gli ambienti dovranno essere organizzati secondo criteri di flessibilità e adattabilità e il progetto dovrà integrare le aree verdi presenti. Dovrà essere rispettata la volumetria esistente e le strutture portanti degli edifici. Nel progettare gli interni si dovrà arrivare alla definizione dell’arredo (fisso), dei materiali da utilizzare, del dettaglio architettonico. La metodologia di progetto adottata sarà “dall’interno verso l’esterno” e il progetto dovrà relazionarsi con l’intorno urbano.

L’integrazione di Allestimento – organicamente correlata al tema di Laboratorio secondo una visione integrale del progetto di Interni – prevede, alla conclusione del Corso e in data da stabilirsi, la mostra dei progetti degli studenti, con la loro collaborazione e presentazione, a Borgo Val di Taro. 

* Keywords: Inclusività sociale – Benessere – Formazione e/o lavoro creativo – Turismo.

* MODALITA’ OPERATIVE. A partire dal rilievo fornito, il progetto sarà svolto in gruppo (3-4 studenti) con disegni e modelli (di studio e del progetto finale) alle scale dimensionali 1/200 (concept), 1/100 (progetto definito) e approfondimenti in scala 1/50 e 1/20. A partire dal rilievo fornito, il progetto sarà affrontato attraverso fasi successive di studio, cui corrispondono presentazioni collettive degli studenti secondo un calendario comunicato all’inizio del corso.

Il Laboratorio richiede da parte degli studenti un approfondimento personale sui riferimenti architettonici alla base del loro progetto e un’adeguata rappresentazione grafica degli elaborati alle varie scale (alcune lezioni preciseranno le modalità di rappresentazione richieste) attraverso AutoCAD, integrato da Photoshop e altri programmi di disegno. Le revisioni (su materiali cartacei) saranno settimanali e, nell’ultimo mese del corso, bisettimanali e termineranno con la conclusione del Laboratorio. L’esercizio progettuale sarà preceduto da una extempore (individuale) il primo giorno del corso e da una successiva esercitazione grafico-interpretativa (da parte del gruppo di studenti che poi lavorerà sul progetto) da presentare in una giornata seminariale.

Le lezioni di docenti, tutor e ospiti saranno connesse al tema di progetto o avranno un carattere più generale sull’Architettura degli Interni, intendendo fornire anche un apparato storico-critico, teorico e metodologico alla disciplina. I materiali del corso (rilievo, lezioni, ecc.) saranno pubblicati su WeBeep. Esempi di esami del Laboratorio possono essere consultati al link:

https://www.academia.edu/34591053/Laboratorio_Progettazione_architettonica_degli_Interni_Interior_Design_Studio_AUIC_School_Politecnico_di_Milano_A_Summary_of_the_INTERIOR_REUSE_Lab

///

* Foreword. The Laboratory tackles the theme of the architectural interior through the "redesign of the existing" (Interior Reuse), investigating a pre-existing building and endowing it with new meanings and use values. Having identified a case study, the Laboratory proposes its reconversion of use and the redevelopment of the interior space and the social, spatial and functional relations that the building establishes with the city and its immediate surroundings. Read: https://www.academia.edu/77331741/I_Forino_F_Rapisarda_From_the_Inside_A_Interior_Design_Studio_Process_Academia_Letters_2021_Doi_10_20935_AL191

* A cultural and tourist hub. The case study consists of two small industrial warehouses and a tower building (former FNET), now disused and neglected in Borgo Val di Taro (PR) near the railway station.
The redevelopment project envisages their conversion into a multi-purpose cultural and tourist hub for citizens and those visiting the town, its monuments and the suggestive nature spots nearby on foot or by bicycle. The buildings will be used for exhibition spaces, a music room for courses or rehearsals, and a theatre rehearsal room, all with their respective services and the possibility of using them for other occasional activities (e.g. civic hall). To these will be added reception and co-working spaces and a fab lab as start-up incubators for young people. Concerning tourism services, a refreshment area, a cycle workshop and bicycle hire, services with showers and luggage storage, and a guesthouse/hostel for 6/8 people will be provided.
Finally, a bar will be provided for the various users of the facility. All the rooms will have to be organised according to criteria of flexibility and adaptability, and the project will have to integrate the green areas present. The existing volume and load-bearing structures of the buildings must be respected. The design of the interiors shall include the definition of the (fixed) furniture, the materials to be used, and the architectural details. The design methodology adopted will be 'from the inside out', and the project must relate to the urban surroundings.
The integration of Interior Design - organically correlated to the Laboratory theme according to an integral vision of the interior project - envisages, after the conclusion of the Course and on a date to be established, the exhibition of the students' projects, with their collaboration and presentation, in Borgo Val di Taro.
* Keywords: Social Inclusiveness - Well-being - Training and/or creative work - Tourism.
* OPERATIONAL METHODS. Starting from the survey provided, the project will be carried out in groups (3-4 students) with drawings and models (of study and the final project) at the dimensional scales 1/200 (concept), 1/100 (defined project) and in-depth studies at scales 1/50 and 1/20. Starting from the survey provided, the project will be tackled through successive phases of the study, corresponding to collective presentations by the students according to a schedule communicated at the beginning of the course.
The workshop requires the students' study of the architectural references underlying their project and an adequate graphic representation of the works at the various scales (some lectures will specify the representation methods required) through AutoCAD, supplemented by Photoshop and other drawing programmes.  Revisions (on paper materials) will be weekly and bi-weekly in the last month of the course and end with the conclusion of the Workshop.
The project exercise will be preceded by an extempore (individual) on the first day of the course and a subsequent graphic-interpretative exercise (by the group of students who will then work on the project) to be presented on a seminar day.
The lectures of lecturers, tutors and guests will be connected to the project theme or will have a more general character on Interior Architecture, intending to provide a historical-critical, theoretical and methodological apparatus to the discipline. Course materials (drawings, lectures, etc.) will be published on WeBeep. Examples of Laboratory examinations can be consulted at the link: https://www.academia.edu/34591053/Laboratorio_Progettazione_architettonica_degli_Interni_Interior_Design_Studio_AUIC_School_Politecnico_di_Milano_A_Summary_of_the_INTERIOR_REUSE_Lab

For International students: We can review your projects in English (or French), but lessons will be only in Italian. Lessons' slides will be published on WeBeeP.


Obiettivi di sviluppo sostenibile - SDGs
Questo insegnamento contribuisce al raggiungimento dei seguenti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda ONU 2030:
  • SDG3 - GOOD HEALTH AND WELLBEING
  • SDG5 - GENDER EQUALITY
  • SDG8 - DECENT WORK AND ECONOMIC GROWTH

Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel Regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

Si ricorda l’obbligo di frequenza del 70% del calendario per poter sostenere l’esame, che consiste nella presentazione del proprio lavoro progettuale, sostanziato da un numero adeguato di tavole grafiche, da modelli di studio e definitivi, da un book di schizzi e ipotesi di progetto. Le modalità di verifica e valutazione prevedono: domande volte a evidenziare la capacità dello studente di elaborare collegamenti fra i vari argomenti trattati nel Laboratorio; la valutazione (di gruppo e individuale) delle attività svolte in sede di Laboratorio; la presentazione orale (di gruppo e individuale) dell’attività progettuale sviluppata nel laboratorio.

// Students are reminded of the obligation to attend 70% of the timetable in order to be able to sit the exam, which consists of the presentation of their project work, substantiated by an adequate number of graphic boards, study and final models, a book of sketches and project hypotheses. The examination and assessment methods will be questions aimed at highlighting the student's ability to elaborate connections between the various topics covered in the workshop; the assessment (group and individual) of the activities carried out in the workshop; the oral presentation (group and individual) of the design activity developed in the workshop.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaHertzberger, Herman, Lezioni di architettura, Editore: Laerz, Anno edizione: 1996
Risorsa bibliografica obbligatoriaH. Hertzberger, Lessons for students in Architecture, Editore: 010 Publishers, Anno edizione: 1991
Risorsa bibliografica obbligatoriaP. Pileri, Progettare la lentezza. Linee antifragili per rigenerare l'Italia a piedi e in bici, Anno edizione: 2020

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
For International students: We can review your projects in English, but lessons will be only in Italian. Lessons' slides will be published on WeBeeP.
schedaincarico v. 1.9.8 / 1.9.8
Area Servizi ICT
29/05/2024