logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2021/2022
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 051350 - LABORATORIO SVILUPPO PRODOTTO
Docente Del Curto Barbara , Perrone Alessandro , Zurlo Francesco
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1261) INTEGRATED PRODUCT DESIGNIP1AZZZZA051350 - LABORATORIO SVILUPPO PRODOTTO

Obiettivi dell'insegnamento
Il corso parte dall’assunto che il progetto di un prodotto industriale prenda forma all’interno una tensione costante tra il mondo dei vincoli, ovvero dei limiti tipici di ogni azione progettuale, e il mondo delle opportunità, ovvero delle traiettorie di innovazione che consentono di interpretare, superate e forzare (talvolta) i vincoli.
Questa tensione è una sorta di “habitat naturale” del progetto, laddove il design oscilla costantemente tra la dimensione tecnica e quella creativa, tra la risposta a esigenze contingenti e l’esplorazione di futuri possibili.
Per questa ragione i docenti del corso apportano competenze disciplinari differenti, facendole convergere all’interno di un percorso integrato, nel quale il tema della relazione tra design, materiali e tecnologie è raccontato (attraverso lezioni ex-cathedra) e praticato (attraverso un’attività esercitativa) assumendo diversi punti di vista. Il corso offre anche un'esperienza di dialogo tra discipline, dal momento che i docenti rappresentano ambiti di conoscenza e pratica differenti: il disegno industriale (il docente titolare), l'ingegneria meccanica e l’ingegneria dei materiali.

Risultati di apprendimento attesi

Lo studente alla fine del corso acquisirà e sarà capace di applicare diverse conoscenze; nello specifico:

• potrà comprendere le metodologie di sviluppo prodotto e le potenziali applicabilità nei diversi contesti e le dinamiche di evoluzione degli artefatti da un punto di vista socio-tecnico;
• sarà in grado di individuare e gerarchizzare i vincoli, prevalentemente
 tecnici, con cui dovrà confrontarsi, acquisendo conoscenze che riguardano i sistemi di manifattura, i materiali, gli aspetti di usabilità, le condizioni di mercato; è in grado di ottimizzare le soluzioni progettuali per l'industrializzazione;

• potrà comprendere le dinamiche di gruppo e i fenomeni emergenti negli stessi, assumendo, con la pratica, attitudini alla negoziazione, al team building, all’assunzione di leadership, alla gestione del conflitto.


Argomenti trattati

L’insegnamento segue una metodologia di apprendimento nel fare (learning by doing) ed è organizzato con due esercitazioni, per esplorare, nei limiti temporali del semestre, la relazione tra design, i materiali e le tecnologie.

Il corso avrà, in avvio, una iniziativa di verifica delle conoscenze degli studenti, relative a materiali, tecnologie e strutture, per consentire, con lezioni e interventi personalizzati, per quanto possibile, un allineamento e una base comune. Il corso integrato di Materiali e Tecnologie, in sinergia con il laboratorio, fornirà ulteriori conoscenze e strumenti utili allo sviluppo, esecutivo, di soluzioni progetttuali

Le attività esercitative, centrali nel percorso formativo, saranno condotte in team, con l’obiettivo di rafforzare le competenze trasversali di team-work e collaborative problem solving.

Il corso ha due esercitazioni. Una prima esercitazione (1), che si svolge per tutta la durata del corso, arriva a definire, nel dettaglio, gli aspetti strutturali e le soluzioni materiali e tecnologiche specifiche.

Una seconda esercitazione (2), concentrata a metà del semestre, con una formula molto simile a quella di un workshop, sarà focalizzata su un tema ben circoscritto, arrivando alla definizione di un “concept” verificato nelle sue caratteristiche di fattibilità tecnica ed economica, oltre che per le qualità della proposta progettuale.

Nel dettaglio:

Esercizio 1: le tecnologie come opportunità

A partire da uno specifico brand, i cui prodotti utilizzano date tecnologie e dati materiali, si chiede agli studenti di esplorarenuove tipologie di prodotto, sfruttando le core competence dell’azienda e sviluppando unapplicazione progettuale paradigmatica; gli obiettivi formativi riguardano lo sviluppo di capacità nella costruzione di scenari per l'applicazione di materiali/tecnologie e loro esplorazione progettuale fino a soluzioni di dettaglio; l’esercizio, inoltre, spinge gli studenti a costruire l’insieme di vincoli che dovrà essere rispettato, attivando la loro capacità di determinare un percorso coerente e significativo di sviluppo prodotto per l’azienda di riferimento.

Esercizio 2: le tecnologie come possibilità

Dato un problema progettuale (tipologia di artefatto, tecnologie, materiali, vincoli strutturali, normativi, ecc.), si chiede agli studenti di individuare le soluzioni più appropriate per risolvere il problema stesso. L’obiettivo è quello di favorire nello studente lo sviluppo di capacità per il controllo dell'intero processo di sviluppo, dalla concettualizzazione alla verifica tecnica, in funzione dei requisiti di progetto.

La parte esercitativa si svolge in gruppo (lo stesso gruppo per entrambe le esercitazioni), cosa che contribuisce a comprendere le dinamiche di relazione che, normalmente, si verificano nella realtà delle imprese e degli studi professionali.

Le esercitazioni si svolgono in collaborazione con imprese, detentrici di specifiche tecnologie e con competenze relative a determinati materiali. Le imprese coinvolte, d'accordo con la faculty, propongono un brief e forniscono conoscenze e know how, utili allo svolgimento dell'esercitazione.

Le stesse imprese, negli scorsi anni, hanno permesso a studenti meritevoli e capaci, di veder realizzare in forma di prototipo l’idea sviluppata nel corso, consentendo in alcuni casi la partecipazione a eventi e fiere internazionali e la messa in produzione.

Lo studente, a fine corso, avrà sviluppato capacità funzionali a seguire lo sviluppo di un nuovo prodotto, da un punto di vista tecnico, comprendendone la legittimità d’utilizzo, le potenzialità applicative, la convenienza delle scelte materiali e tecnologiche.


Prerequisiti

Non sono richiesti pre-requisiti per la frequenza dell'insegnamento.


Modalità di valutazione

Valutazione della didattica

Saranno valutati gli elaborati prodotti dagli studenti in ognuna delle fasi esercitative. Sarà inoltre verificata la conoscenza dei contenuti trattati nelle lezioni e inclusi nella bibliografia. Le valutazioni terranno conto degli esiti del lavoro svolto nelle esercitazioni progettuali, della capacità di lavoro individuale e in team, delle modalità di rappresentazione e presentazione degli elaborati progettuali.

L’esercitazione 1, lunga e più strutturata, contribuirà al 65% della valutazione finale.

L’esercitazione 2, nella forma di workshop concentrato, avrà una valutazione pari al 35% del voto finale.

Le lezioni e la lettura dei testi in bibliografia (su indicazione della faculty) consentono, inoltre, una valutazione puntuale dell’apprendimento in sede di discussione dei risultati per i singoli studenti. A tal fine, oltre alle slide delle lezioni, verranno indicate ulteriori fonti bibliografiche.

Modalità d'esame

Durante il semestre sono previste due prove in itinere (la consegna delle esercitazioni) obbligatorie, il cui esito concorre a determinare la valutazione finale. Il corso si concluderà a fine semestre con la valutazione finale e l'attribuzione a tutti gli studenti del voto. Gli studenti che, per documentati e gravi motivi, non concluderanno le attività esercitative finalizzate a sostenere l'esame, saranno rinviati ad ulteriori prove di recupero.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaKarl T. Ulrich, Steven D. Eppinger, Product Design and Development, Editore: Mc Graw Hill, Anno edizione: 2008
Risorsa bibliografica obbligatoriaRob Thompson, l manuale per il design dei prodotti industriali, Editore: Zanichelli, Anno edizione: 2012, ISBN: 9788808198365
Risorsa bibliografica obbligatoriaJames Bralla, Design for manufacturability, Editore: McGraw-Hill, Anno edizione: 1999

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
79:00
118:30
Esercitazione
20:00
30:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
3:00
4:30
Laboratorio Di Progetto
18:00
27:00
Totale 120:00 180:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.7.2 / 1.7.2
Area Servizi ICT
01/07/2022