logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2020/2021
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3
Docente Cardani Luca , Neri Raffaella
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZC099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi di progetto le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di Progettazione Architettonica 3 offre allo studente la possibilità di una comprensione critica e articolata del progetto di architettura alle diverse scale – locale, urbana, del territorio e del paesaggio – con l’obiettivo di giungere alla definizione formale di organismi architettonici compiuti.

Il Laboratorio approfondisce alcuni nodi rilevanti della composizione architettonica e del processo progettuale, quali le relazioni, con la storia, con la città e con la tecnica delle costruzioni, con la tecnologia per la definizione dell’architettura in rapporto al suo significato e alla sua espressione.

In questa prospettiva il progetto affronta situazioni complesse, in relazione alle quali vengono individuati i principi di relazione con i luoghi, i caratteri morfologici, tipologici, spaziali e formali, tenendo in considerazione destinazione d’uso e tecnologie appropriate.

Il Laboratorio si pone l’obiettivo di formare e organizzare le competenze progettuali dello studente, a partire dalla idea iniziale fino agli elaborati di approfondimento e di dettaglio, attraverso la definizione di nuovi organismi architettonici, di interventi sul costruito o di riqualificazioni urbane e del paesaggio.


Risultati di apprendimento attesi

In un percorso scalare di approfondimento delle tematiche progettuali e di difficoltà di volta in volta crescenti, attraverso il Laboratorio di Progettazione Architettonica 3, lo studente acquisisce le seguenti conoscenze e capacità di elaborazione: relazionare l’opera architettonica alle scale dei contesti fisici e alla morfologia dei tessuti insediativi; individuare il rapporto dell’architettura con il luogo e con lo spazio aperto; determinare i caratteri tipo-morfologici dell’architettura con attenzione agli aspetti compositivi e distributivi degli edifici; sperimentare tipologie complesse e modalità insediative adeguate; definire i caratteri configurativi dello spazio e delineare il linguaggio architettonico in relazione ai contenuti funzionali, alle tecniche costruttive e alle soluzioni tecnologiche appropriati; sviluppare il processo progettuale con coerenza dall’idea iniziale agli approfondimenti di dettaglio.


Argomenti trattati

I Caratteri dell’Aula

Il laboratorio affronta da diversi anni il problema delle possibili variazioni nella progettazione di un’aula, intesa come tipo architettonico caratterizzato da uno spazio protetto e indiviso, atto a ospitare una collettività per lo svolgimento di una attività comune o per la celebrazione di un rito condiviso. Di qui il carattere rappresentativo dell’aula che deve manifestare nelle sue forme un valore in cui la collettività si riconosce, suscitando un sentimento di appartenenza.

Quest’anno il laboratorio si concentra sulle aule sacre (chiese, sinagoghe, moschee, templi) per sperimentare, dopo una comune riflessione sul senso del ‘sacro’, le diverse possibilità compositive attraverso le quali questo carattere si traduce nella forma.

Il progetto dell’aula muove da una serie di questioni che determinano i rapporti tra le sue parti costitutive: l’interpretazione del significato dell’attività che vi si svolge; il ruolo che l’edificio assume stabilendo una relazione con il luogo in cui si colloca e il modo in cui lo ridisegna; la sua definizione tipologica; la scelta del sistema costruttivo appropriato alla costruzione dello spazio indiviso, con particolare riferimento alla grande copertura; la determinazione della forma, rappresentativa del carattere dell’edificio.

Le aree di intervento previste in diverse città (Milano, Mantova, da precisare) saranno comunicate all’inizio del corso, ma avranno come caratteristica comune quella di presentare un problema di ri-composizione urbana di aree frammentate, in dismissione o in trasformazione, che offrono l’occasione di sperimentare la capacità dell’aula di connotare e di connotarsi inserendosi nella città esistente, stabilendo nuove relazioni con gli edifici preesistenti e definendo nuovi luoghi della città.

Il laboratorio, incentrato sulla composizione e la progettazione architettonica e urbana, intende affrontare questioni insediative, questioni tipologiche e questioni formali, con particolare attenzione alla relazione fra le scelte costruttive e quelle espressive, fino al raggiungimento del grado di progetto definitivo, precisato a partire dalla scala urbana fino a quella del dettaglio costruttivo.

Il lavoro centrale del laboratorio è l’elaborazione del progetto, accompagnato da lezioni e riflessioni teoriche attorno ai temi trattati, anche attraverso la lettura e il commento collettivo di testi indicati durante il semestre.

Il progetto si svolge generalmente per piccoli gruppi composti di due-tre persone, mentre le altre attività analitiche sono svolte singolarmente. Durante il semestre sono previste revisioni collettive del lavoro.


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel Regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

L’esame è incentrato sulla esposizione del progetto, esito del Laboratorio, e delle ragioni che hanno condotto alla sua definizione, argomentate attraverso le conoscenze teoriche acquisite nelle diverse discipline.

L’esame si svolge per gruppi; la valutazione è sempre singola.

La verifica delle conoscenze dello studente avviene secondo le seguenti modalità:

- valutazione degli stati di avanzamento del progetto svolti durante il laboratorio, con particolare riferimento alle attività di analisi e di elaborazione delle ipotesi progettuali

- valutazione delle conoscenze acquisite intorno agli argomenti trattati, con riferimento alla bibliografia indicata e discussa

- valutazione del progetto finale attraverso la presentazione e discussione degli elaborati di progetto.

La valutazione tiene conto:

  • delle conoscenze acquisite e della capacità di applicare tali conoscenze al progetto di architettura;
  • della capacità critica dello studente e della sua autonomia di giudizio;
  • della capacità nell'esporre il progetto architettonico, argomentandole ragioni delle proprie scelte compositive;
  • della assiduità di frequenza, della capacità di apprendimento.

Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaEtienne-Louis Boullée, Architettura. Saggio sull'arte, Editore: Einaudi, Torino, Anno edizione: 2005, ISBN: 8806173529
Risorsa bibliografica obbligatoriaAdolf Loos, Parole nel Vuoto, Editore: Adelphi, Milano, Anno edizione: 1992, ISBN: 8845909352
Risorsa bibliografica obbligatoriaHeinrich Tessenow, Osservazioni elementari sul costruire, Editore: Franco Angeli, Milano, Anno edizione: 1993, ISBN: 8820429101
Risorsa bibliografica obbligatoriaLudwig Hilberseimer, Mies van Der Rohe, Editore: Clup, MIlano, Anno edizione: 1984, ISBN: 8870055949
Risorsa bibliografica obbligatoriaTomaso Monestiroli, La logica della memoria - Maestri antichi e moderni. Una conversazione con Gianugo Polesello, Editore: Maggioli Editori, Anno edizione: 2010, ISBN: 9788838744491
Risorsa bibliografica obbligatoriaCarlos Martì Aris, Le variazioni dell'identità. Il tipo in architettura, Editore: Clup - Città Studi, Torino, Anno edizione: 1994, ISBN: 88-7005-906-7
Risorsa bibliografica obbligatoriaAntonio Monestiroli, La Metopa e il Triglifo, Editore: Laterza, Bari, Anno edizione: 2008

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
20/06/2021