logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale
Insegnamento 054959 - TECNICHE DI POSIZIONAMENTO E CONTROLLO
  • 054957 - TECNICHE DI POSIZIONAMENTO E CONTROLLO [MOD. 1]
Docente Albertella Alberta
Cfu 5.00 Tipo insegnamento Modulo Di Corso Strutturato

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing - Civ (1 liv.)(ord. 270) - MI (346) INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO*AZZZZ054959 - TECNICHE DI POSIZIONAMENTO E CONTROLLO
Ing - Civ (Mag.)(ord. 270) - MI (489) INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO - ENVIRONMENTAL AND LAND PLANNING ENGINEERING*AZZZZ054959 - TECNICHE DI POSIZIONAMENTO E CONTROLLO
093691 - TECNICHE DI POSIZIONAMENTO E CONTROLLO
Ing - Civ (Mag.)(ord. 270) - MI (495) GEOINFORMATICS ENGINEERING - INGEGNERIA GEOINFORMATICA*AZZZZ054959 - TECNICHE DI POSIZIONAMENTO E CONTROLLO

Obiettivi dell'insegnamento

L’insegnamento ha l’obiettivo di insegnare le basi teoriche delle tecniche del rilievo topografico classico e di sperimentare un’applicazione reale che comprenda tutte le fasi concettuali del rilievo: progettazione, rilievo, compensazione dei risultati e analisi statistica. Tale percorso è fondamentale per il futuro ingegnere ambientale che dovrà essere in grado di valutare tutti i passi necessari per eseguire un rilievo con una precisione stabilita a priori.


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:

  • conosce i vari metodi di rilievo topografico classico bidimensionale planimetrico e monodimensionale altimetrico (Descrittore di Dublino [DdD] 1);
  • conosce i rudimenti del funzionamento delle tre principali classi di strumenti topografici classici: livello, teodolite e distanziometro (DdD 1);
  • è in grado di scegliere il metodo ottimale di rilievo in funzione della precisione del risultato atteso (DdD 2);
  • è in grado di scegliere le modalità operative in modo da ridurre l’errore di misura (DdD 2);
  • è in grado di elaborare i risultati delle misure e di interpretarle statisticamente e se necessario di correggerle (DdD 2);
  • è in grado di comunicare i risultati della sua attività (dal progetto all’esecuzione e all’interpretazione del risultato) in modo chiaro e convincente (DdD 3);
  • sa usare la piattaforma Matlab per compensare i dati di un piccolo rilievo scrivendo autonomamente il codice necessario.

 


Argomenti trattati
  • Sistemi di riferimento e sistemi di coordinate; trasformazione tra sistemi di riferimento.
  • Lo schema del rilievo topografico tradizionale.
  • Il rilievo planimetrico nel campo topografico. Schemi di rilievo: triangolazione, poligonale, metodi di intersezione.
  • Il rilievo altimetrico. Schemi di rilievo: livellazione geometrica, livellazione trigonometrica.
  • Gli strumenti topografici: teodolite, distanziometro, livello.
  • Il controllo di deformazioni e spostamenti.
  • La stima con il metodo dei minimi quadrati e l'inferenza statistica applicata al posizionamento e al controllo.

Alla fine del corso si organizza un'attività insieme alle prof.sse Barbara Betti (MOD. 2 di questo insegnamento) e Paola Gattinoni (Geologia ambientale) che consiste in:

- una visita al centro di Monitoraggio Geologico della Regione Lombardia (ARPA) dove vengono illustrate le attività di monitoraggio e le strumentazioni usate per il controllo delle grandi frane lombarde;

- un sopralluogo presso una frana, durante il quale si descrive la geomorfologia, l'acquisizione e l'elaborazione delle misure di controllo.

 

 

 


Prerequisiti

Sono richieste conoscenze di base relative al trattamento statistico dei dati.


Modalità di valutazione

L’esame consiste in una prova orale sul programma dell’insegnamento e in una relazione scritta sul lavoro svolto in laboratorio, con l'obiettivo di verificare la comprensione dei concetti esposti a lezione e la capacità comunicativa dello studente.


Bibliografia

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
30:00
45:00
Esercitazione
0:00
0:00
Laboratorio Informatico
15:00
22:30
Laboratorio Sperimentale
5:00
7:30
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 50:00 75:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
23/04/2021