logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 053052 - INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AVANZATA ED FSE
Docente Luraschi Davide
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare
Didattica innovativa L'insegnamento prevede  3.0  CFU erogati con Didattica Innovativa come segue:
  • Cotutela con mondo esterno

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1095) BUILDING AND ARCHITECTURAL ENGINEERINGBE1AZZZZ053052 - INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AVANZATA ED FSE
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1142) INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZIERGAZZZZ053052 - INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AVANZATA ED FSE
NDVAZZZZ053052 - INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AVANZATA ED FSE
STAZZZZ053052 - INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AVANZATA ED FSE
TECAZZZZ053052 - INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AVANZATA ED FSE

Obiettivi dell'insegnamento

Il corso “ingegneria della Sicurezza Antincendio” si sviluppa in due sotto moduli (corsi):

 

Modulo A: “Ingegneria della Sicurezza Antincendio” - Ingegneria Edile e delle Costruzioni (laurea triennale), Scuola di Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni;

Modulo B: “Ingegneria della Sicurezza Antincendio avanzata ed FSE” - Ingegneria dei sistemi Edilizi (laurea magistrale), Scuola di Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni.

 

Il corso si pone l’obiettivo di fornire agli studenti le indicazioni metodologiche principali per definire i requisiti di sicurezza antincendio.

Le lezioni forniranno le nozioni per sviluppare un progetto antincendio a cui sarà abilitato lo studente una volta laureato e iscritto all’Ordine Ingegneri.

Il progetto formativo è stato redatto sulla scorta delle disposizioni previste dal D.M. 5/8/2011 e le lezioni sono le medesime a quelle previste dalla circolare M.I. n. 1284 del 2/2/2016,

Didattica innovativa: Saranno invitati funzionari dei Vigili del Fuoco e professionisti antincendio, relatori ai corsi ministeriali tenuti all’Ordine Ingegneri di Milano. Il corso è in cotutela con l’Ordine Ingegneri di Milano.


Risultati di apprendimento attesi

Il corso,  Corso Modulo A “Ingegneria della Sicurezza Antincendio” e Corso Modulo B “Ingegneria della Sicurezza Antincendio avanzata e FSE” consentirà di affrontare progetti antincendio e se superato (entrambi i moduli, A e B) positivamente, con le specifiche sotto riportare, potrà, previa autorizzazione del Ministero, valere per il completamento delle 120 ore minime del corso DL 139 erogato dall’Ordine Ingegneri di Milano per l’iscrizione all’albo Ministeriale ex 818/84 per diventare Professionisti Antincendio.

L’iscrizione al succitato albo Ministeriale, avverrà dopo superamento di un esame finale presso L’Ordine Ingegneri di Milano, e dopo l’iscrizione all’Ordine Stesso nelle modalità previste dal Ministero.

Il discente, acquisirà informazioni e nozioni che gli consentiranno, insieme agli insegnamenti del Modulo corso  A “Ingegneria della Sicurezza Antincendio” di affrontare progetti antincendio.

È stata presentata istanza di accreditamento delle ore-moduli di lezione al Ministero tramite Direzione Regionale VV.F. Lombardia e con questo già concordati.

Le ore ed i moduli - previo il superamento dei test svolti a fine lezione dal docente – dopo formale

approvazione del Ministero, varranno per il completamento delle 120 ore minime del corso DL 139 erogato dall’Ordine Ingegneri di Milano per l’iscrizione all’albo Ministeriale ex 818/84 per diventare

Professionisti Antincendio.

La condizione essenziale per la convalida delle 120 ore totali (corso Modulo A e B), è averli frequentati e averne superato positivamente l’esame.


Argomenti trattati

Riepilogo lezioni modulo B

 

Approccio ingegneristico – Fire Safety Engineering – e sistema di gestione della sicurezza antincendio

Riferimenti normativi sull'approccio ingegneristico

Il “Codice” DM 3-8-2015

L’istituto della Deroga, le modalità per la individuazione delle misure di sicurezza equivalenti attraverso l'analisi del rischio;

Resistenza al fuoco delle strutture

Reazione al fuoco delle strutture

Impianti di estinzione incendi di tipo automatico e/o manuale.

Sistemi di rilevazione automatica di incendio, allarme e sistemi di alimentazioni di sicurezza.

Impianti di controllo fumi e calore, di tipo meccanico e naturale, e sistemi di ventilazione.

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro;

Attività a rischio di incidente rilevante;

Progettazione in mancanza di regole tecniche;

Progettazione in presenza di regole tecniche;

Sicurezza degli impianti tecnologici;

V.3 Area a rischio per atmosfere esplosive

Individuazione dei pericoli di incendio e analisi delle condizioni al contorno.

Valutazione qualitativa del rischio.

Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti

Schema tipo della regola tecnica verticale tradizionale ed in versione R.T.O.

Attività di tipo civile – in riferimento al “Codice” Dm 3/8/2015;

Progettazione in presenza di regole tecniche - Attività di tipo industriale – in riferimento al “Codice” Dm 3/8/2015

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro e  DM 3-8-2015

Attività a rischio di incidente rilevante e  DM 3-8-2015

Progettazione in mancanza di regole tecniche e  DM 3-8-2015

Progettazione in presenza di regole tecniche - Attività di tipo civile, anche con DM 3-8-2015

Progettazione in presenza di regole tecniche - Attività di tipo industriale, anche con DM 3-8-2015

Regole tecniche: depositi carburante, gas infiammabili, autotrazione, sostanze esplosive, radiogene ecc

Attività a rischio di incidente rilevante;

Progettazione in mancanza di regole tecniche;

Progettazione in presenza di regole tecniche;

Il “Codice” Dm 3/8/2015;

Attività di tipo civile – in riferimento al “Codice” Dm 3/8/2015;

Progettazione in presenza di regole tecniche - Attività di tipo industriale – in riferimento al “Codice” Dm 3/8/2015.

 

 


Prerequisiti

Per poter sostenere l'esame del modulo B, è necessario aver superato il Modulo A


Modalità di valutazione

Test a risposta multipla come da specifiche ministeriali
Valutazione di progetto tipo e eventuale test orale
Solo per eventuale accreditamento - presenza obbligatoria al almeno 90% delle lezioni, con firma In e Out - come da richiesta ministeriale


Bibliografia

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
33:00
49:30
Esercitazione
27:00
40:30
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 60:00 90:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.8 / 1.6.8
Area Servizi ICT
22/09/2021