logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 093789 - VALUTAZIONE ECONOMICA DEI PROGETTI
Docente Brusa Gianfranco
Cfu 4.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1017) ARCHITETTURA - ARCHITETTURA DELLE COSTRUZIONICOSAZZZZ093789 - VALUTAZIONE ECONOMICA DEI PROGETTI

Obiettivi dell'insegnamento

Il corso intende sviluppare negli allievi, con riferimento alle tematiche di natura sociale, economica e finanziaria, quel senso critico e quella capacità di analisi che permettano sia un accrescimento sotto il profilo professionale sia una sensibilità al processo progettuale, tali da condurli ad una idea di “costruzione” che sappia fuggire da ogni “arbitrio” e ogni “casualità” attraverso la ricerca di coerenza e sostenibilità fra le inevitabili componenti sociali ed economico-finanziarie e le ipotesi progettuali. All’interno di tale logica, il corso si sviluppa prendendo l’avvio dall’assunto che ogni intervento fisico sul territorio debba essere legittimato: poiché diverrà parte di un sistema e provocherà ricadute sul sistema stesso. Il processo di legittimazione prevede due momenti: ex ante (nel quale si dovranno riconoscere i bisogni e le caratteristiche del sistema) ed ex post (nel quale si perverrà alla soddisfazione dei bisogni, o di parte di essi, attraverso l’attuazione del progetto e il conseguente incremento della qualità globale del sistema). Il corso, dunque, intende sviluppare negli allievi un approccio critico al processo progettuale che sia sensibile alla componente economico-finanziaria (oggi fondamentale sotto il profilo professionale), oltre che sociale. Tale obiettivo viene perseguito prendendo l'avvio da un progetto già realizzato dagli allievi e da loro scelto. Il progetto individuato, sarà sottoposto ad una "rilettura" e ad una verifica sulla base di indicatori di natura socio-economica e finanziaria, che ne potranno far rilevare il livello di fattibilità anche tramite l’emersione critica di eventuali integrazioni o modifiche. Le fasi del lavoro che si svilupperà durante il corso sono: 1) individuazione e scelta del progetto da sottoporre al processo di valutazione 2) AUDIT territoriale: reperimento e analisi di indicatori consolidati e di indicatori da rintracciarsi "sul campo" che sappiano favorire la conoscenza dell'ambito di intervento 3) sintesi (SWOT) degli indicatori reperiti e prima valutazione della fattibilità socio-economica del progetto sulla base del livello di risposta ai bisogni dell'ambito di intervento 4) determinazione dei costi del progetto (costo globale e oneri finanziari) e dei risultati finanziari ottenibili ex post 5) studio e valutazione multicriteriale di alternative tecniche per il contenimento e l'ottimizzazione del costo di costruzione del progetto 6) valutazione finanziaria finale del progetto sulla base di differenti scenari gestionali del fabbricato e tramite costruzione dei relativi flussi di cassa e degli indicatori tipici di fattibilità finanziaria: VAN, Profilo di cassa del progetto, TIR, IRA.


Risultati di apprendimento attesi

Il lavoro critico sul progetto scelto (che verrà effettuato durante il corso) dovrà condurre gli allievi alla consapevolezza che il processo progettuale deve confrontarsi, ai vari livelli, con quelle variabili di natura sia economica sia finanziaria oggi fondamentali, senza dimenticare le inevitabili ricadute di natura sociale.

La conoscenza delle tecniche che verranno esposte (contenuti teorici) e la loro applicazione al progetto scelto dovrà emergere lungo tutte le fasi del lavoro che si svilupperà durante il corso, il che permetterà di evidenziare il livello di apprendimento degli allievi.


Argomenti trattati

Poiché ogni processo progettuale e la sua relativa realizzazione dà l’avvio a flussi diretti di natura monetaria e a flussi valutabili monetariamente in modo indiretto: “uscite” (costi, sia finanziari sia economici) ed “entrate” (profitti, redditi, benefici). Tali flussi rappresentano la traduzione (e visualizzazione) del progetto nell’ottica economico-finanziaria: saperli prevedere e controllare significa saper progettare superando i limiti dell’arbitrario e del casuale. In altre parole: significa saper “offrire” ad un determinato ambito ciò che quella realtà “domanda”. La conoscenza delle dinamiche della “domanda” e dell’”offerta” diviene, dunque, il substrato teorico sul quale si fonda il corso. In tale ottica gli argomenti trattati saranno i seguenti:

  1. dinamiche della domanda e dell’offerta territoriale ed elementi della teoria del valore;
  2. AUDIT territoriale: reperimento e analisi degli indicatori consolidati e degli indicatori da rintracciarsi “sul campo”;
  3. sintesi (S.W.O.T.) degli indicatori reperiti: prima valutazione/legittimazione (ex ante), di natura economica, della fattibilità della proposta progettuale tramite verifica dei bisogni e delle caratteristiche dell’ambito;
  4. determinazione dei costi del progetto (costo di produzione del progetto e redazione piano di ammortamento del mutuo edilizio);
  5. studio e valutazione multicriteriale di alternative tecniche per il contenimento e l’ottimizzazione del costo di costruzione del fabbricato;
  6. determinazione del costo globale del fabbricato (costo iniziale, costi di manutenzione e sostituzione, costi di gestione);
  7. valutazione finanziaria del progetto tramite costruzione del flusso di cassa e determinazione di indicatori di fattibilità: VAN e VAN rettificato, TIR, profilo di cassa del progetto, IRA…ecc.) e sulla base di differenti scenari gestionali del fabbricato;
  8. valutazione economica del progetto (valutazione ex post): verifica dell’incremento della qualità totale dell’ambito.

Prerequisiti

Laurea triennale nelle classi previste per l’ammissione alla Laurea magistrale.


Modalità di valutazione

L’esame verterà, per gli studenti frequentanti, sull’esercitazione svolta e sugli argomenti esposti durante le lezioni. Il voto finale sarà il risultato della sommatoria del voto ottenuto nell’esercitazione (peso: 0,60) e della media dei due test scritti previsti durante il corso (peso: 0,40); un colloquio orale potrà integrare le lacune emerse nei due test scritti previsti.

Gli studenti non frequentanti saranno sottoposti a colloquio orale e dovranno fare riferimento alla bibliografia indicata e ai materiali didattici caricati su Beep.

L’allievo dovrà, nelle forme di esame previste, dimostrare di conoscere gli argomenti trattati nell’insegnamento, con particolare riferimento sia alle tecniche di valutazione applicabili all’ambito macro-valutativo (audit territoriale), sia alle tecniche di valutazione applicabili all’ambito micro-valutativo (CME, cronoprogramma, valutazione delle alternative tecnologiche di progetto, profilo di cassa riferito ai diversi scenari di utilizzo e gestione del progetto, indicatori di fattibilità economico-finanziaria del progetto).

Sarà particolarmente apprezzata una visione critica dei risultati ottenuti nella valutazione del progetto scelto per l’esercitazione e tutti i collegamenti concettuali tra gli argomenti trattati a livello teorico e la loro applicazione tramite una corretta gestione della valutazione implementata durante la parte esercitativa.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaGerald J. Thuesen, Wolter J. Fabrycky, Economia per ingegneri, Editore: Il Mulino, Anno edizione: 1994
Risorsa bibliografica obbligatoriaGianfranco Brusa, La percezione del valore, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2007
Risorsa bibliografica obbligatoriaa cura di: Gianfranco Brusa, Dimitri De Rada, Dinamiche territoriali, qualità urbana, investimenti e mercato immobiliare, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2010
Risorsa bibliografica obbligatoriaa cura di: Gianfranco Brusa, Dimitri De Rada, Prospettive di sviluppo, valutazione e finanza del mercato immobiliare, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2014

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
30:00
45:00
Esercitazione
10:00
15:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 40:00 60:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
22/04/2021