logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 053710 - LABORATORIO DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA
Docente Adami Andrea , Campanella Christian
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio
Didattica innovativa L'insegnamento prevede  1.0  CFU erogati con Didattica Innovativa come segue:
  • Blended Learning & Flipped Classroom

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMNAAZZZZA053710 - LABORATORIO DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA

Obiettivi dell'insegnamento

Il Laboratorio di conservazione dell’edilizia storicaforma lo studente alla lettura e all'analisi del patrimonio costruito, offrendo strumenti e metodi per l’apprendimento di un percorso conoscitivo preliminare al progetto, che ogni sezione interpreta a scale diverse (urbana, architettonica, dettaglio). Si approfondisce il tema della conservazione e della lettura multidisciplinare del costruito; dal rilievo geometrico, al rilievo dei materiali, al riconoscimento delle forme di invecchiamento e di danneggiamento, alle tecniche per la conservazione dei materiali stessi. Si esaminano gli elementi che compongono il costruito (murature, solai, volte, coperture, ecc) sia in termini di conoscenza generale dei materiali e delle tecniche costruttive del cantiere dell’edilizia storica, sia in rapporto alle specifiche caratteristiche dell’edificio preso in esame per l’esercitazione. Tale formazione costituisce una efficace base per affrontare, con maggior approfondimento, i temi progettuali del restauro (l’intervento di riuso, di consolidamento, ecc.).

La didattica innovativa (flipped classroom) “Patrimonio costruito e attualità” (1 cfu) intende sensibilizzare gli studenti a temi di attualità inerenti i beni culturali attraverso comunicazioni di tecnici e dirigenti del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, rappresentanti di associazioni culturali, fondazioni, organizzazioni internazionali, esponenti di enti e professionisti esperti nel settore.


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente alla fine del Laboratorio conoscerà e comprenderà i principali concetti e strumenti per una lettura multidisciplinare del costruito e sarà in grado di applicare le conoscenze acquisite, operando valutazioni analitiche su edifici esistenti relative alla materia della fabbrica e ai fenomeni di invecchiamento e degrado, riportandone la lettura in elaborati grafici, testi ed esposizioni orali che restituiscano con precisione la qualità dell'edificio. Sarà in grado di progettare un percorso di analisi e studio e saprà fornire indicazioni relative alle problematiche presenti, al fine di individuare linee guida per la diagnosi, per il progetto e la valorizzazione di un caso studio scelto dai docenti.

Grazie alla didattica innovativa (flipped classroom)“Patrimonio costruito e attualità”lo studente avrà maturato la capacità di comunicare, attraverso esposizioni orali e mappe concettuali, riflessioni relative a temi di attualità analizzati criticamente e in autonomia.


Argomenti trattati

Avendo come obiettivo del laboratorio la predisposizione di un progetto di conservazione e valorizzazione del patrimonio costruito gli argomenti che verranno trattati durante il semestre saranno quelli tipici riferiti alle tematiche della salvaguardia di edifici esistenti. Si affronteranno in prima istanza i temi legati alla conoscenza preliminare dell'oggetto di studio (un edificio storico, con evidenti sofferenze patologiche e in abbandono) tramite l'approfondimento storico e la rilevazione diretta in campo (lettura strumentale, fotogrammetria terrestre). Per mezzo di lezioni ex cathedra ed uletriori sopralluoghi in campagna, si forniranno poi tutti gli strumenti utili alla comprensione della patogenesi in atto in modo da poter affrontare compiutamente la messa a punto di un corretto intervento di conservazione dell'edifcio oggetto di studio. Nella parte finale del laboratorio si affronteranno inoltre i problemi legati alla valorizzazione di una architettura esistente cercando di definirne il carattere, mettendone in evidenza potenzialità e debolezze, in vista della messa a punto di un progetto di funzionalizzazione che si svilupperà alla larga scala. La didattica innovativa “Patrimonio costruito e attualità” (1 cfu) si occupa di tematiche relative al “Patrimonio costruito e il sisma”, il “Patrimonio costruito e il turismo”. e il "Patrimonio costruito e l'abbandono" Attraverso l’ascolto di comunicazioni (flipped classroom) e letture consigliate gli studenti saranno in grado di elaborare in autonomia riflessioni critiche che saranno discusse in aula conl'ausilio di mappe concettuali e apparati iconografici.


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel regolamento del Corso di Studio


Modalità di valutazione

Si svolgeranno verifiche in itinere (singole e/o di gruppo) valutate sulla base delle lezioni effettuate e sulla bibliogafia obbligatoria. L¿esercitazione si svolgerà in gruppi di lavoro (definiti con la docenza ad inizio semestre) su un tema applicativo riguardante il progetto di intervento su edifici di dimensioni contenute (o porzioni di essi), rilevabili ed accessibili, caratterizzati da evidenti problemi di degrado materico, strutturale, funzionale. La valutazione finale terrà conto delle verifiche in itinere, dello sviluppo del tema dell'esecitazione e della discussione d'esame. L¿elaborazione di mappe concettuali relative alla didattica innovativa saranno la base di discussione in aula dei contenuti del corso "Patrimonio costruito e attualità" (comunicazioni orali e bibliografia) dove si valuterà la capacità di elaborazione e comunicazione di riflessioni critiche sviluppate in autonomia. Di tale valutazione si terrà conto nella attribuzione della votazione finale.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaUmberto Menicali, I materiali dell'edilizia storica, Editore: NIS, Anno edizione: 1992, ISBN: 8843008498
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiovanni Carbonara, Trattato di restauro architettonico, Editore: Utet, Anno edizione: 1996, ISBN: 8802046697
Note:

La trattazione affronta i temi del restauro: metodologia e storia; analisi di materiali e strutture; diagnosi degli edifici; metodi e tecniche di intervento; progetto e cantiere; impianti negli edifici storici; valutazione economica del progetto; normativa; casi ed esempi commentati.

Risorsa bibliografica facoltativaG. Carbonara, Avvicinamento al restauro, Editore: Liguori, Napoli, Anno edizione: 1997, ISBN: 9788820723125
Risorsa bibliografica obbligatoriaC. Campanella, Opere di conservazione e restauro, Editore: Il sole 24 ore, Milano, Anno edizione: 2000, ISBN: 978-8832440751
Risorsa bibliografica obbligatoriaC. Campanella, Il rilievo degli edifici, Editore: Flaccovio, Palermo, Anno edizione: 2017, ISBN: 8857906515
Risorsa bibliografica obbligatoriaC. Campanella, La basilica di Santa Anastasia a Verona: il cantiere della conoscenza,, Editore: Editoriale Bertolazzi STEI, Verona, Anno edizione: 2011, ISBN: 9788890645426
Risorsa bibliografica facoltativaC. Campanella, Due secoli di tutela, Editore: Alinea, Firenze, Anno edizione: 2012, ISBN: 9788860557698

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
Ulteriori approfondimenti bibliografici potranno essere forniti dalla docenza durante il semestre.
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
23/04/2021