logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 053005 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE
Docente Dessi' Valentina Maddalena , Dondi Lavinia Maria , Mariotti Ilaria
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio
Didattica innovativa L'insegnamento prevede  1.0  CFU erogati con Didattica Innovativa come segue:
  • Soft Skills

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZL053005 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FINALE

Obiettivi dell'insegnamento

Il Laboratorio di Progettazione finale fornisce un'esperienza progettuale complessa e multidisciplinare, accompagnata dall’approfondimento di alcune questioni specifiche che si pongono al centro della pratica, della cultura e del dibattito architettonico contemporaneo. Attraverso una sperimentazione progettuale che si differenzia nei diversi laboratori per temi e per scale di approfondimento affrontate, obiettivo comune è quello di sviluppare un'azione progettuale di sintesi che sappia coniugare l’argomentazione teorica del tema proposto con l'attività applicata fondata sulle capacità e sui contenuti acquisiti nel percorso triennale.

È prevista un’esperienza di didattica innovativa (1 cfu) dal titolo “Projectelling” finalizzata all’accrescimento delle capacità di comunicazione degli esiti dell’attività progettuale.


Risultati di apprendimento attesi

A valle dell’esperienza del Laboratorio lo studente matura la capacità di mettere a sistema le diverse conoscenze apprese negli anni precedenti e nell’esperienza laboratoriale stessa promuovendo la sinergia tra discipline scientifiche, tecnologiche, artistiche e umanistiche al fine di arricchire e di saper integrare gli ambiti di riferimento che devono essere considerati nell’attività progettuale.


Argomenti trattati

Le trasformazioni urbane, più o meno importanti, rappresentano un’interessante opportunità per riqualificare piccoli spazi urbani, che per posizione e caratteristiche morfologiche esprimono delle potenzialità, sia in termini di miglioramento della vivibilità del quartiere, della sua qualità architettonica e spaziale, che in termini di incremento di valore economico degli spazi confinati circostanti, non solo quelli che ospitano attività commerciali prospicienti lo spazio urbano, ma anche le residenze poco distanti.

Il corso si propone di fornire principi, metodi e strumenti per la progettazione architettonica e ambientale di uno spazio urbano all’aperto e per la valutazione delle condizioni sociali, economiche e ambientali di un intervento di rigenerazione urbana che coinvolge eventualmente porzioni di edifici esistenti o nuovi volumi di piccole dimensioni.

Il risultato del laboratorio è il progetto di una o più aree urbane poste in connessione tra loro che affronta il tema della rigenerazione urbana alle diverse scale e secondo i punti di vista afferenti alle tre discipline di cui il laboratorio si compone. Dal masterplan, generalmente alla scala 1:2000, si passa al progetto architettonico, scala 1:200/100, fino allo sviluppo di alcuni dettagli in scala 1:20, che completano il percorso progettuale. La qualità del progetto viene verificata anche in termini quantitativi dal punto di vista della sostenibilità ambientale ed economica. In questo modo lo studente arriva a controllare il progetto, verificarlo in itinere ed eventualmente modificarlo in modo che risponda ai diversi requisiti, in una sintesi progettuale che soddisfi in prima istanza le esigenze degli utenti degli spazi pubblici legate alla fruibilità, alla percezione visiva, alla vivibilità e al comfort termico.

 

Il miglioramento della vivibilità, che si misura con la valutazione delle condizioni di comfort e di accessibilità e fruibilità, avviene attraverso il progetto architettonico di spazi all’aperto, verificati sia alla scala urbana che a quella del dettaglio, la cui attrattività è favorita anche dalla presenza e dalla corretta disposizione di attrezzature compatibili con la tipologia di attività previste (sia di tipo situato che di spostamento).

Il progetto architettonico degli spazi si pone come elemento di sintesi delle tematiche ambientali e di sostenibilità economica trattate all’interno del laboratorio, nonché elemento portatore di significati molteplici attraverso i quali si concretizzano gli aspetti legati all’abitabilità, alla qualità urbana e alla fruibilità.

Gli strumenti di verifica delle prestazioni ambientali e di comfort termico, dello stato di fatto e del progetto, sono generalmente semplici software open source, forniti dalla docenza o con requisiti analoghi scelti dagli studenti. Altri strumenti, per esempio per il calcolo degli indicatori di sostenibilità ambientale dello spazio aperto, sono in forma di schede e tabelle.

L’incremento di valore economico, legato alle esternalità positive ambientali generate dal progetto di rigenerazione urbana, verrà invece valutato attraverso l’applicazione di alcune metodologie di tipo consolidato, quali ad esempio l’analisi multicriteria e la valutazione contingente sulla base di questionari somministrati alle persone residenti e/o che lavorano in zona.

L’attività si articola attraverso la costante integrazione tra i concetti teorici espressi durante il corso dalla docenza e l’esperienza progettuale e di verifica delle prestazioni del progetto, fortemente connesso all’analisi delle potenzialità e delle criticità emerse dallo stato di fatto. L’iter progettuale si compone di alcune fasi consequenziali: analisi ambientale, fruitiva e spaziale dell’area oggetto di indagine e analisi della domanda e dell'offerta; masterplan dell’area e progettazione alla scala architettonica e di dettaglio di un luogo scelto dagli studenti in relazione all’analisi del sito precedentemente svolta.


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

L’attività svolta dai gruppi, e dai singoli studenti all’interno dei gruppi, sarà valutata secondo le seguenti modalità:

-       una valutazione intermedia relativa alla fase di analisi dello stato di fatto dal punto di vista ambientale, fruitiva, spaziale ed economica del sito;

-       una/due valutazioni della seconda fase progettuale (progetto a livello intermedio, definitivo e di dettaglio), alla fine del semestre

I risultati delle fasi, che saranno riportate in forma seminariale, daranno luogo alla votazione finale che tiene conto della preparazione complessiva dello studente e della sua maturazione rispetto all’esperienza progettuale.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaR. KERRY TURNER, DAVID W. PEARCE, IAN BATEMAN, Economia ambientale, Editore: il Mulino, Anno edizione: 2003, ISBN: 978-88-15-09523-7
Risorsa bibliografica obbligatoriaV. Dessi', E. Farne', L. ravanello, M.T. Salomoni, RIGENERARE LA CITTA' CON LA NATURA. Strumenti per la progettazione degli spazi pubblici tra mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2016, ISBN: 9788891615190
Risorsa bibliografica obbligatoriavolume 2 dello studio di fattibilit  del progetto sulla riapertura dei Navigli a Milano http://download.comune.milano.it/09_08_2016/Relazione_fattibilita_Vol_2%20(1470732285659).pdf?pgpath=/SA_SiteContent/UTILIZZA_SERVIZI/TERRITORIO/Riapertura_navigli_2016
Note:

soffermarsi sul paragrafo 6.2 VALUTAZIONE DEI BENEFICI COLLETTIVI di Flavio Boscacci, Roberto Camagni, Andrea Caragliu, Ila Maltese, Ilaria Mariotti

Risorsa bibliografica facoltativaV. Dessi', Progettare il comfort urbano. Soluzioni per un integrazione tra societ  e territorio, Editore: Simone editore, Anno edizione: 2007, ISBN: 9788851304737
Note:

capitoli 4, 9, 10, 11

Risorsa bibliografica facoltativaCroce S., Fiori M., Poli T., Città resilienti e coperture a verde, Editore: Maggioli ed., Anno edizione: 2017
Note:

Capitolo 1, fino a pag. 105


Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
23/04/2021