logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 052925 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI
Docente Ferrugiari Anna , Scaramellini Enrico Attilio
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZA052925 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di Progettazione dell’architettura degli interni indaga il progetto dell’architettura degli Interni nelle diverse articolazioni (riuso del costruito, interni urbani e spazi aperti, allestimento e arredamento) e alle differenti scale di lettura critica, contrassegnate dalla “dimensione umana” dello spazio. Il Laboratorio promuove la conoscenza critica della cultura storica del progetto degli interni e le sue prospettive contemporanee e incentra l’attività progettuale sui temi del riuso (edifici e interni urbani), della valorizzazione del patrimonio culturale e architettonico, dei sistemi diffusi di recupero del territorio. Propone lo studio e il progetto di ambienti pubblici e semipubblici – come i luoghi del sapere, del lavoro, del culto religioso, del tempo libero – e privati, cui si affiancano il progetto degli spazi aperti urbani e paesaggistici e dei servizi collettivi per la diffusione culturale.

Obiettivi del Laboratorio sono, inoltre, l’esplorazione e l’acquisizione delle modalità progettuali relative all’Architettura degli Interni attraverso i suoi caratteri tipologici, spaziali, funzionali, materici, con particolare rilevanza rispetto all’ambiente preesistente, architettonico e urbano, e la conoscenza e la comprensione del processo progettuale quale sintesi di apporti multidisciplinari.


Risultati di apprendimento attesi

A conclusione dell’esperienza di laboratorio, lo studente maturerà conoscenza e comprensione delle modalità progettuali relative all'architettura degli interni alle diverse scale dimensionali, comprese quelle di definizione del dettaglio architettonico e dell’arredo. Saprà applicare articolate metodologie per impostare e risolvere progetti finalizzati alla soluzione di problemi complessi e rappresentare adeguatamente le diverse scale dimensionali del progetto. Sarà in grado di operare scelte progettuali in autonomia e comunicarne i risultati in modo chiaro e motivato, con strumenti adeguati ai diversi interlocutori (specialisti e non specialisti), sia per l'intero processo decisionale che per la soluzione finale.


Argomenti trattati

Il corso di progettazione dell’architettura degli interni presuppone un’attenzione all’anatomia degli edifici, presuppone  la ricerca di un’architettura esperienziale in cui “lo spazio venga vissuto nelle sue dimensioni visive, auditive e  tattili” . L’architettura degli interni è intesa come racconto in sequenza  di diverse esperienze.

Il laboratorio si confronta con un’architettura importante che contraddistingue il territorio della città di Vercelli:  OPERA NAZIONALE DOPOLAVORO; complesso di piazza Cesare Battisti, realizzato tra il 1934 e il 1936 su progetto del vercellese Francesco Francese.

L'ente proprietario ha avviato un processo di riqualificazione che prevede un uso orientato alla riqualificazione e all’innesto di attività ludico/terziarie. Il laboratorio affiancherà l’Amministrazione Comunale alla ricerca di soluzioni e programmi che permettano di  ipotizzare un riutilizzo della struttura come generatore di trasformazione urbana.

I progetti dovranno elaborare delle soluzioni sull'intero  complesso in modo da riattivarne l’uso  attraverso azioni di riappropriazione e riqualificazione.

Verranno forniti i file dwg con il rilievo dell’intero edificio. Il lavoro del laboratorio si svolgerà in gruppo.

Una prima fase, basata sulla conoscenza e la capacità di comprensione, vedrà impegnati gli studenti  in un’indagine esplorativa dell’architettura dell’Opera Nazionale Dopolavoro, attraverso diversi punti di vista. Ogni gruppo dovrà affrontare una singola tematica che relazionerà successivamente in aula.

Questa fase è assolutamente propedeutica a quella successiva. Quest’ultima  si esplicherà attraverso una ricerca progettuale intesa come processo non lineare. Attraverso gli strumenti propri del progetto (disegni, maquette, modelli digitali e diversi metodi di rappresentazione), il laboratorio ha l’intenzione di sviluppare nello studente una propria sensibilità, capace di confrontarsi e riconoscere un’architettura esistente di valore e di consolidare le proprie scelte progettuali attraverso un pensiero colto.

E’ previsto un sopralluogo dell’edificio che si svolgerà nelle prime settimane del laboratorio

L’integrazione di Restauro (4 cfu) si pone lo scopo di aiutare lo studente nell'analisi del patrimonio costruito, offrendo strumenti e metodi  per l’apprendimento di un corretto percorso conoscitivo preliminare al progetto. L’attenzione sarà posta sull’integrazione delle tematiche della conservazione a quelle della progettazione d’interni, attraverso una lettura multidisciplinare del caso studio.

Si esamineranno gli elementi che compongono il costruito e le tecniche impiegate.

Si tratteranno in particolare gli aspetti relativi ai materiali costitutivi, al riconoscimento delle forme di invecchiamento dei materiali ed alle tecniche per la conservazione degli stessi.

 

In affiancamento al laboratorio, una serie di micro-lezioni tematiche  illustreranno, dall’interno, una serie di progetti; le lezioni cercheranno, attraverso la tecnica del racconto, di illustrare le qualità degli spazi progettati.

Una serie di quattro conferenze con architetti impegnati  nel progetto di riqualificazione di edifici esistenti e nel progetto di interni, completerà il ciclo di lezioni.

E’ fortemente auspicato il lavoro in aula, anche per poter meglio sfruttare la presenza del corpo docente.

Si eseguiranno delle revisioni settimanali e sono previste almeno tre consegne generali e due ex tempora su temi attinenti il progetto.

Verrà attivato un sito pinterest/instagram in cui ogni studente dovrà riversare i propri appunti web inerenti il corso.

Altri testi aggiuntivi saranno segnalati dai docenti delle singole sezioni dei laboratori, anche in relazione ai temi specifici di esercitazione. Eventuali altre indicazioni bibliografiche saranno fornite nel corso delle lezioni.


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

Durante il semestre le consegne intermedie verranno valutate e costituiranno indicazione per il voto finale.

Verrà fornito un calendario con tutte le attività previste.

L'esame si svolgerà con la presentazione del progetto finale attraverso tutti i disegni, le maquette e quant'altro la docenza riterrà opportuno per ritenere l'esperienza didattica conclusa.

Il corpo docente fornirà un layout di stampa a cui tutti dovranno attenersi.

La conoscenza della bibliografia verrà verificata attraverso domande orali o scritte inserite nelle consegne intermedie

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaJunichiro Tanizaki, Libro d'ombra, Editore: Bompiani, Anno edizione: 2000
Risorsa bibliografica obbligatoriaZambelli M.; Pallasmaa Juhani,, L'immagine incarnata Immaginazione e immaginario in architettura, Editore: Safar Editore, Anno edizione: 2014
Risorsa bibliografica obbligatoriaJuhani Pallasmaa; M. Fratta; M.Zambelli,, Lampi di pensiero. Fenomenologia della percezione in architettura, Editore: Pendragon, Anno edizione: 2011
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiovanni Carbonara, Trattato di restauro architettonico, Editore: utet, Anno edizione: 1996
Risorsa bibliografica obbligatoriaStefano F. Musso, Recupero e restauro degli edifici storici, Editore: EPC Libri, Anno edizione: 2004

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
22/04/2021