logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 099485 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI
Docente Borsotti Marco , Di Lieto Alba
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMNAAZZZZA099485 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di Progettazione dell’architettura degli interni indaga il progetto dell’architettura degli Interni nelle diverse articolazioni (riuso del costruito, interni urbani e spazi aperti, allestimento e arredamento) e alle differenti scale di lettura critica, contrassegnate dalla “dimensione umana” dello spazio. Il Laboratorio promuove la conoscenza critica della cultura storica del progetto degli interni e le sue prospettive contemporanee e incentra l’attività progettuale sui temi del riuso (edifici e interni urbani), della valorizzazione del patrimonio culturale e architettonico, dei sistemi diffusi di recupero del territorio. Propone lo studio e il progetto di ambienti pubblici e semipubblici – come i luoghi del sapere, del lavoro, del culto religioso, del tempo libero – e privati, cui si affiancano il progetto degli spazi aperti urbani e paesaggistici e dei servizi collettivi per la diffusione culturale.

Obiettivi del Laboratorio sono, inoltre, l’esplorazione e l’acquisizione delle modalità progettuali relative all’Architettura degli Interni attraverso i suoi caratteri tipologici, spaziali, funzionali, materici, con particolare rilevanza rispetto all’ambiente preesistente, architettonico e urbano, e la conoscenza e la comprensione del processo progettuale quale sintesi di apporti multidisciplinari.


Risultati di apprendimento attesi

A conclusione dell’esperienza di laboratorio, lo studente maturerà conoscenza e comprensione delle modalità progettuali relative all'architettura degli interni alle diverse scale dimensionali, comprese quelle di definizione del dettaglio architettonico e dell’arredo. Saprà applicare articolate metodologie per impostare e risolvere progetti finalizzati alla soluzione di problemi complessi e rappresentare adeguatamente le diverse scale dimensionali del progetto. Sarà in grado di operare scelte progettuali in autonomia e comunicarne i risultati in modo chiaro e motivato, con strumenti adeguati ai diversi interlocutori (specialisti e non specialisti), sia per l'intero processo decisionale che per la soluzione finale.


Argomenti trattati

///// introduzione. Il laboratorio esplora le potenzialità del progetto d'architettura attraverso l’analisi dei valori primari dello Spazio Interno, inteso come ambiente abitabile. Tra le persone, gli oggetti e gli ambienti che li ospitano, s'instaurano, infatti, nella quotidianità così come nella occasionalità di eventi inaspettati, relazioni che concorrono a definire la nostra stessa percezione dello spazio circostante.

///// il progetto di allestimento. Soggetto del laboratorio sarà il progetto di Allestimento, ovvero quella specifica disciplina che interviene nello spazio al fine di realizzare eventi espositivi, finalizzati alla fruizione, da parte di un pubblico, ampio ed eterogeneo, di vere e proprie narrazioni culturali. In essa, la rilettura delle componenti ambientali architettoniche e la configurazione delle attrezzature funzionali allestitive, considerate sia come elementi autonomi che come apparati complessi e interconnessi, consentiranno, la formulazione concettuale e progettuale di sistemi innovativi di relazione, dove le problematiche legate alla valorizzazione e divulgazione del patrimonio artistico e culturale saranno finalizzate a rendere accessibile e comprensibile il valore documentale, narrativo e partecipativo dell’atto espositivo stesso.

///// il progetto di allestimento.manifesto. Guarderemo il progetto di architettura dal punto di vista dell’interno, per comprendere che principii quali conformazione, aggregazione, utilizzo, funzionalizzazione hanno senso se definiscono l’abitabilità dello spazio costruito. Utilizzeremo come ambito di ricerca il progetto di allestimento, dove tre parametri fondamentali <uomo/oggetto/luogo> interagiscono indissolubilmente. Comprenderemo che il progetto di allestimento è una vera e propria disciplina progettuale che utilizza modelli e strumenti architettonici propri, ma non solo, perché è interdisciplinare e multisensoriale. Scopriremo che il progetto di allestimento svela la poetica del luogo e quella degli oggetti e realizza scenari narrativi coinvolgenti e dinamici. Verificheremo, infine, che il progetto di allestimento è, per sua natura, strettamente connesso all’architettura degli interni, poiché si impegna a popolare luoghi con presenza evocative, in grado di innescare narrazioni e di rendere lo spazio abitabile.

///// informazioni pratiche. Il laboratorio prevede approfondimenti teorici ed applicazioni progettuali.  

Soggetto delle comunicazioni di carattere teorico saranno:

> il valore, le problematiche e i contenuti della disciplina del progetto di Allestimento;

> il contributo del progetto di Allestimento nella definizione di modelli di fruizione culturale contemporanea;

> la realizzazione di un progetto curatoriale dal contenuto narrativo e la sua “messa in opera” attraverso gli strumenti espositivi tradizionali ed innovativi più adatti.

Soggetto delle esercitazioni progettuali saranno:

> la Fondazione Prada (Milano) - allestimenti d’arte contemporanea e narrativa sociale

> il Museo di Castelvecchio/sala Boggian (Verona) - allestimenti d’arte moderna

> il Palazzo della Ragione/Galleria d’Arte Moderna (Verona) - allestimenti di artistico illustrativo (Treasure Rooms)

Tutti i progetti saranno sviluppati avvalendosi del costante confronto con i responsabili e curatori delle prestigiose istituzioni coinvolte.

Per gli studenti saranno disponibili i seguenti materiali:

> calendario accademico di laboratorio (piattaforma BEEP)

> slide delle lezioni in formato pdf (piattaforma BEEP)

> riferimenti bibliografici per ulteriori approfondimenti (piattaforma BEEP)

Il docente responsabile ed i tutors di laboratorio saranno sempre disponibili per revisioni in aula.

///// struttura didattica. Il laboratorio proporrà comunicazioni teoriche mirate, fondamentali per offrire un quadro conoscitivo generale della materia ed esercitazioni progettuali di verifica e applicazione pratica. Le comunicazioni saranno dedicate ai temi precedentemente indicati e si avvarranno anche del contributo di ospiti esterni. Ad inizio laboratorio saranno organizzati dei sopralluoghi presso le istituzioni oggetto di progettazione, necessari per la conoscenza dei siti di progetto, cui saranno presenti i loro responsabili e/o i curatori, che forniranno anche dei contenuti critico-teorico. Durante il laboratorio potranno essere organizzati dei momenti di incontro seminariale con ospiti esterni esperti del settore e/o visite a spazi espositivi o mostre di particolare importanza.

Le esercitazioni progettuali, propedeutiche alla comprensione dei temi teorici e obbligatorie per il completamento del programma didattico, saranno svolte in gruppo, con verifiche in aula e restituzioni tramite elaborati grafici e modelli tridimensionali. Ciascun gruppo opzionerà una delle tre proposte progettuali e ne svilupperà sia la declinazione curatoriale (fase di ricerca/analisi/sintesi dei contenuti curatoriali ed individuazione di una “sceneggiatura narrativa” dedicata) che quella progettuale (fase di sintesi concettuale e di progettazione allestitiva dei percorsi/tempi/forme per la configurazione delle più opportune strategie di occupazione abitabile dello spazio). Il progetto dovrà essere sviluppato a più scale di progetto (da quelle d’organizzazione generale a quelle di dettaglio – scala 1/100, 1/50, 1/20) e dovrà essere in grado di esplicitare con chiarezza ed adeguata rappresentazione grafica – oltre che con l’uso di modelli in scala – i concept generali di progetto, la struttura curatoriale e narrativa – dalla selezione della collezione alla definizione dei significati relazionali reciproci – e le soluzioni allestitive complessive e di dettaglio, inserite nel loro contesto architettonico.

Oltre alle revisioni di avanzamento dello stato di progetto, che si svolgeranno per tutta la durata del Laboratorio, sono previste due revisioni in itinere con valutazione, le cui date saranno comunicate ad inizio laboratorio, assieme all’intero calendario didattico (piattaforma BEEP). Data la forte interazione tra componente teorica e pratica del laboratorio è necessario assicurare una presenza costante in aula.

///// note. È necessaria una predisposizione all’esplorazione culturale interdisciplinare ed allo sviluppo di sistemi progettuali dalla forte valenza comunicativa; inoltre sono richieste capacità di rappresentazione bi e tridimensionale (elaborati grafici e modelli in scala) fortemente strutturate, per sviluppare sistemi comunicativi progettuali complessi, evocativi e multiscalari. È utile, ma non obbligatoria, una conoscenza base della lingua inglese per poter accedere ai molti testi specialistici editati all’estero.


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

L'esame verterà sulla verifica orale individuale della conoscenza degli argomenti sviluppati durante le lezioni e supportati dalla bibliografia di corso, che sarà integrata con altre segnalazioni durante il semestre e sulle valutazioni di gruppo delle attività progettuali sviluppate tramite gli elaborati relativi.

///// esame orale:

> domande di carattere teorico sugli argomenti del corso;

> domande volte a evidenziare la capacità dello studente di elaborare collegamenti fra i vari argomenti del corso.

///// valutazione elaborato progettuale:

> valutazione di gruppo delle attività sviluppate in sede di laboratorio progettuale sulla base della presentazione di un format di elaborati grafici (book cartaceo struttura curatoriale/narrativa, book cartaceo elaborati progettuali, slide show formato PPT o PDF) fornito dalla docenza durante l’anno (piattaforma BEEP) e modelli tridimensionali.

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaAtelier Bruckner, Scenography 2. Staging the space: projects and philosophy 1997-2018 , Editore: Birckhauser, Anno edizione: 2019
Risorsa bibliografica obbligatoriaM. Borsotti, Tutto si può narrare. Riflessioni critiche sul progetto di allestimento, Editore: Mimesis, Anno edizione: 2017
Risorsa bibliografica obbligatoriaM. Borsotti, G. Sartori, Il progetto di allestimento e la sua officina, Editore: Skira, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaM. Dalai Emiliani, Per una critica della museografia del Novecento in Italia. Il "saper mostrare" di Carlo Scarpa, Editore: Marsilio, Anno edizione: 2008
Risorsa bibliografica obbligatoriaA. Di Lieto, F. Bricolo (a cura di), Allestire nel museo. Trenta mostre a Castelvecchio, Editore: Marsilio, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaS. Polano, Mostrare, Editore: Lybra, Anno edizione: 1988

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.6 / 1.6.6
Area Servizi ICT
24/07/2021