logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3
Docente Abreu Andrade Paulo David , Bogoni Barbara
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMNAAZZZZA099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di Progettazione Architettonica 3 offre allo studente la possibilità di una comprensione critica e articolata del contesto dell’architettura alle diverse scale di relazione – locale, urbana, del territorio e del paesaggio – con l’obiettivo di giungere alla definizione formale di organismi architettonici realizzabili.

Il Laboratorio approfondisce alcuni nodi rilevanti della composizione architettonica e del processo progettuale, quali le relazioni con altri riferimenti contestuali, con la storia e con la tecnica per la definizione morfo-funzionale dell’architettura in rapporto alla sua espressione fisica e al suo significato.

In questa prospettiva il progetto affronta situazioni complesse in relazione alle quali viene individuato il principio dell’inserimento architettonico e sono elaborati i caratteri morfologici, tipologici, spaziali configurativi, considerando i contenuti funzionali e le tecnologie appropriate.

Il Laboratorio si pone l’obiettivo di formare e organizzare le competenze progettuali necessarie dall’idea iniziale agli elaborati di approfondimento e dettaglio attraverso la definizione di nuovi organismi architettonici, di interventi sul costruito o di riqualificazioni urbane e del paesaggio.


Risultati di apprendimento attesi

In un percorso scalare di approfondimento delle tematiche progettuali e di difficoltà di volta in volta crescenti, attraverso il Laboratorio di Progettazione Architettonica 3, lo studente acquisisce le seguenti conoscenze e capacità di elaborazione: relazionare l’opera architettonica alle scale dei contesti fisici e alla morfologia dei tessuti insediativi; individuare il rapporto dell’architettura con il luogo e con lo spazio aperto;

determinare i caratteri tipo-morfologici dell’architettura con attenzione agli aspetti compositivi e distributivi degli edifici; sperimentare tipologie complesse e modalità insediative innovative; definire i caratteri configurativi dello spazio in relazione ai contenuti funzionali e alle tecniche costruttive; delineare il linguaggio architettonico in base alle tecnologie più appropriate; sviluppare il processo progettuale con coerenza dall’idea iniziale agli approfondimenti di dettaglio.


Argomenti trattati

Il Laboratorio, strutturato in forma di atelier, affronta la complessità del progetto degli spazi per la vita privata e collettiva, in stretta relazione con il contesto costruito e non costruito, declinando di volta in volta differenti aspetti disciplinari: struttura compositiva e tipologia edilizia, morfologia urbana, relazioni tra forma e contenuto, composizione e distribuzione spaziale, tecnologia. Il laboratorio si avvale, nei contenuti e nella organizzazione didattica, del contributo della disciplina di progettazione del paesaggio (prof. Paulo David, Madeira, Portogallo), quest'ultimo inteso come aspetto fortemente integrato nella pratica del progetto architettonico e come sua necessaria articolazione ed estensione.

Il laboratorio svilupperà un tema di ricucitura urbana ed edilizia, attraverso l'elaborazione di progetti puntuali con un articolato programma funzionale, dimensionale, relazionale, per lo sviluppo di strategie di valorizzazione degli spazi urbani (progetti negli spazi incompleti o residuali, completamento di vuoti urbani storici o recenti, sostituzione di parti, etc.).

Gli studenti parteciperanno a un viaggio-studio, che si svolgerà all'inizio del corso, durante il quale sarà possibile entrare in contatto con il contesto urbano e paesaggistico-ambientale e le architetture più significative del luogo in cui si trovernno ad operare; condurre, per gruppi, campagne di rilievo sul campo; partecipare a incontri con amministratori, architetti e funzionari locali; prendere parte ad attività laboratoriali (il programma di viaggio verrà comunicato al più tardi all'inzio delle lezioni). Le attività laboratoriali di sede sono organizzzate in forma intensiva e concentrata nell'arco del semestre.

Le attività progettuali saranno articolate in tre fasi: costruzione del modello tridimensionale, studio dei luoghi e redazione di un progetto di massima (1/5000-1/500); elaborazione di un progetto insediativo architettonico (1/500- 1/200); approfondimento del progetto dei singoli edifici e degli spazi aperti di competenza, con lo sviluppo di tutte le componenti funzionali, costruttive e formali (1/200-1/20). Saranno previste consegne intermedie del lavoro, sottoposte a valutazione. La consegna finale, coincidente con l'esame, ricomprenderà l'intero progetto urbanistico e insediativo, fino alla scala dell'edificio.
Agli studenti saranno richieste attività individuali, complementari e integrative, da svolgersi oltre l’orario di Laboratorio, che riguarderanno prevalentemente il completamento dei lavori condotti in aula, lo svolgimento di ricerche bibliografiche, letture di testi disciplinari, sopralluoghi e rilievi. Tali attività saranno commisurate al rapporto definito dall’Ateneo tra unità di lavoro in orario didattico ed extra didattico.
Il metodo di lavoro sarà basato sull’esercizio continuo della pratica del progetto e della ricerca in ambito architettonico e sul costante confronto con i docenti, i tutors e gli studenti del laboratorio. Le comunicazioni saranno propedeutiche alla redazione del progetto, il cui sviluppo sarà oggetto di revisioni seminariali.

Durante il laboratorio verrà suggerita una bibliografia specifica sui temi disciplinri trattati.
Prodotti dell’attività degli studenti saranno: elaborati grafici, in forma cartacea e digitale, e modelli tridimensionali.
Il Laboratorio richiede la frequenza assidua nell’arco del semestre e continuativa in ciascuna giornata di lezione/esercitazione.


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

Gli studenti che, al termine delle lezioni, avranno conseguito la frequenza (obbligatoria) almeno al 75% delle attività e che avranno completato con valutazione positiva le esercitazioni assegnate in itinere potranno essere ammessi all’esame. La frequenza degli studenti e le revisioni dei lavori saranno registrate.

L'esame finale consiste nella valutazione degli elaborati prodotti nel corso del laboratorio, espressa attraverso un giudizio collegiale sulla qualità delle attività di ricerca e progettuali condotte, dei disegni e dei modelli presentati. Gli studenti saranno chiamati a presentare gli elaborati prodotti nell'ambito del laboratorio, sia individualmente sia in gruppo. La commissione esprimerà un giudizio preliminare, formulato sulla scorta delle valutazioni parziali espresse in corso d’anno sulle prove in itinere e sulla disamina degli elaborati finali, che verrà confermato da una verifica dei contenuti e dei metodi di approccio al progetto, al fine di evidenziare la capacità dello studente di elaborare connessioni critiche fra gli argomenti affrontati nel corso e le conoscenze acquisite negli insegnamenti precedenti.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaCarlos Martì Arìs, Le variazioni dell'identità: il tipo in architettura, Editore: CittaStudi, Milano, Anno edizione: 1990
Risorsa bibliografica obbligatoriaMara De Benedetti, Architettura tipo città, Editore: CUSL Milano, Anno edizione: 1988
Risorsa bibliografica obbligatoriaGaston Bachelard, La poetica dello spazio, Editore: Dedalo, Anno edizione: 2006, ISBN: 88-220-0231-0

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
15/04/2021