logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 095968 - LABORATORIO DI URBANISTICA
Docente Moro Anna , Nifosi' Chiara
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIALAGLIAMANNO095968 - LABORATORIO DI URBANISTICA

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il laboratorio di Urbanistica introduce alla progettazione e pianificazione urbanistica attraverso gli elementi fondamentali della disciplina, cioè l’analisi della città e del territorio alle diverse scale di relazione dei fenomeni insediativi; la conoscenza delle teorie e di significative esperienze di progettazione urbana e pianificazione spaziale del Novecento; la comprensione degli strumenti urbanistici di tipo regolativo e progettuale. Ulteriori approfondimenti sono dedicati alla conoscenza delle dinamiche di trasformazione territoriale degli ultimi decenni e ai temi più significativi della città contemporanea (sostenibilità ambientale, pratiche dell'abitare, welfare materiale, mobilità urbana, spazio pubblico, rigenerazione e riuso, reti digitali). Attraverso un’attività propedeutica di tipo tecnico, l'obiettivo del laboratorio è quello di sviluppare l'attitudine progettuale per la tematizzazione e la definizione di uno spazio urbano, sperimentando le tecniche di comunicazione e rappresentazione appropriate.


Risultati di apprendimento attesi

A seguito del superamento dell’esame, lo studente conosce concetti, principi e metodi fondamentali dell’urbanistica. Lo studente inoltre è in grado di applicare la conoscenza acquisita all’individuazione dei problemi di carattere urbanistico e alla ricerca autonoma di appropriate soluzioni progettuali con attenzione al contesto sociale e materiale di ciascun intervento. L’apprendimento è sufficiente per un corretto impiego della terminologia urbanistica e per comunicare in modo chiaro e comprensibile, anche a un pubblico non specialistico, le analisi e le scelte progettuali effettuate.

 


Argomenti trattati

Il corso mira ad introdurre lo studente alla ricchezza ed eterogeneità della disciplina urbanistica e delle pratiche connesse, fornendo occasioni di riflessione e strumenti di lavoro diversificati. Comprendere attivamente, sperimentare interpretazioni e testarle, entrare a contatto diretto con i territori, disegnare e comunicare nuovi modi per abitarli, condividere spazi e significarli con attività di presidio sono tutte declinazione del praticare l’urbanistica che il laboratorio attiva nel corso del quadrimestre.  

Il laboratorio si sofferma su alcune dimensioni chiave: oltre alla multidimensionalità dello spazio urbano e alla varietà dei processi che costruiscono i territori che il corso sollecita a cogliere e riconoscere, la centralità del progetto di spazi e beni pubblici. I contributi proposti hanno il ruolo infatti di illustrare un approccio variegato alla comprensione dei contesti urbani, indicare i principali strumenti che regolano le trasformazioni e supportare la elaborazione di strategie ed esplorazioni progettuali.

Centrale è il tema dello spazio pubblico, inteso come luogo di condivisione e relazione che accoglie attività in comune ed è potenziale generatore di qualità urbana. É intorno a questa dimensione che il laboratorio propone agli studenti di interagire con temi e modalità di lavoro attuali come la presenza e il ruolo dei soggetti attivi nello spazio; l’integrazione e l’innesto tra progetto e risorse locali; il progetto di suolo e la qualità della riqualificazione; la sostenibilità e il comfort ambientale; la relazione tra spazio dell’abitare e spazi condivisi.

Il laboratorio si struttura in tre parti principali: 1.mappare e interpretare la città, 2.conoscere strumenti e forme del piano e del progetto, 3.costruire progetti e sinergie con il contesto. Sono previsti differenti tipi di contributi: lezioni di carattere generale; contributi strumentali e tecnici per accompagnare gli studenti nel lavoro che dovranno svolgere; seminari e discussioni aperte. Inoltre il laboratorio prevede attività di sopralluogo ed interazione con i contesti di studio.

Si assume come area di indagine e di progetto la città di Milano, attraverso lo studio di un insieme di tasselli dislocati in aree intermedie, poste tra il tessuto consolidato e le aree esterne al comune di Milano. Gli studenti sono invitati a osservare e descrivere la morfologia, la materialità dello spazio urbano e le relazioni tra le parti; evidenziare le attività insediate e gli usi realizzati da parte delle diverse popolazioni urbane; comprendere criticità e potenzialità per poter sviluppare interpretazioni progettuali e ipotesi di attivazione degli spazi in rapporto a domande emergenti dai contesti di studio, anche attraverso l’interazione diretta con abitanti e attori locali.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

Nel corso del laboratorio saranno organizzati momenti seminariali e consegne intermedie, oltre ad un momento finale di consegna e presentazione, in cui saranno discussi gli elaborati relativi alle tre parti in cui è articolato il corso. Gli elaborati, di gruppo e individuali saranno oggetto di valutazione e andranno a comporre la valutazione finale.
La partecipazione attiva al corso, il coinvolgimento e la capacità di approfondimento autonomo a partire dalle attività proposte è considerata elemento di valutazione. Per studenti impossibilitati a seguire il laboratorio in tutto il suo svolgimento sarà precisata una bibliografia aggiuntiva di approfondimento.
Per sostenere l’esame ogni studente dovrà presentare gli elaborati e discutere la terza parte del lavoro mettendo in luce la relazione con le altre componenti sviluppate nel corso del laboratorio, insieme ad un contributo riflessivo individuale su temi trattati, realizzato tramite approfondimenti bibliografici.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaGabellini P., Tecniche urbanistiche, Editore: Carocci, Roma, Anno edizione: 2001
Risorsa bibliografica obbligatoriaGehl J., Life between buildings: using public space, Editore: The Danish Architectural press, Copenhagen, Anno edizione: 2006
Risorsa bibliografica obbligatoriaLembi P., Moro A., Esperienze dello/nello spazio. Appunti sulla relazione tra persone e luoghi, Editore: Maggioli, Santarcangelo di Romagna, Anno edizione: 2010
Risorsa bibliografica obbligatoriaSecchi B., La città del ventesimo secolo, Editore: Laterza, Roma Bari, Anno edizione: 2005
Risorsa bibliografica obbligatoriaTosi M.C. (a cura di), Di cosa parliamo quando parliamo di urbanistica?, Editore: Meltemi, Roma, Anno edizione: 2006
Risorsa bibliografica facoltativaS. Settis, Se Venezia muore, Editore: Giulio Einaudi editore, Anno edizione: 2014, ISBN: 9788806218263

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:35
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 156:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
23/04/2021